Fa­bri­zio Friz­zi

«L’ere­di­tà» dei re­cord ..........................

TV Sorrisi e Canzoni - - In Edicola - di Ste­fa­nia Ziz­za­ri - fo­to di As­sun­ta Ser­vel­lo / Agen­zia

H « o tra­scor­so una bel­la esta­te » rac­con­ta Fa­bri­zio Friz­zi, che il 20 settembre ri­pren­de il ti­mo­ne di «L’ere­di­tà». «Ho fat­to due co­se bel­lis­si­me: il pa­pà, per­ché mi sono go­du­to mia fi­glia Stel­la, e poi... il mu­si­ci­sta».

Il mu­si­ci­sta?

«Con i miei ami­ci dei 18 an­ni ab­bia­mo ri­mes­so su la no­stra band di al­lo­ra, gli Ocea­no Rex, e ab­bia­mo or­ga­niz­za­to un con­cer­to “se­mi­rock” per ri­cor­da­re un ami­co che suo­na­va con noi che pur­trop­po se ne è andato vent’an­ni fa».

E co­me è an­da­ta?

«Mi sono ri­mes­so a stu­dia­re, a suo­na­re le ta­stie­re, ab­bia­mo fat­to tan­te pro­ve e il 28 lu­glio c’è sta­ta una se­ra­ta in piaz­za a Bas­sa­no Ro­ma­no, in pro­vin­cia di Vi­ter­bo: tut­to esau­ri­to. Un’ora e mez­za di can­zo­ni che can­ta­va­mo ne­gli an­ni ’70: Pink Floyd, Pfm, Bat­ti­sti... ab­bia­mo suo­na­to be­ne e sa una co­sa che mi ha re­so fe­li­ce?».

Che co­sa?

«In pri­ma fi­la c’era­no mia mo­glie Car­lot­ta con mia fi­glia, im­paz­zi­ta per­ché non mi ave­va mai vi­sto co­sì. Fa­ce­va ok con il di­to e mi gri­da­va: “Bra­vo pa­pà!”».

Dal 20 settembre pe­rò met­te da par­te la ta­stie­ra e torna a fare il con­dut­to­re a «L’ere­di­tà»…

«L’an­no scor­so ab­bia­mo avu­to gran­di ri­sul­ta­ti, spe­ria­mo di con­ti­nua­re co­sì».

È il quiz più lon­ge­vo del­la tv. Ha sbri­cio­la­to il re­cord di Mi­ke Bon­gior­no con «La ruo­ta del­la for­tu­na».

«Il re­cord l’ab­bia­mo fat­to in­sie­me con Ama­deus e Car­lo Con­ti che l’han­no con­dot­to pri­ma di me. Sono ono­ra­tis­si­mo di con­ti­nua­re que­sto gioco di squa­dra».

Pre­sen­te­rà lei per tut­ta la stagione?

«Que­st’an­no par­to io poi ve­dia­mo se Car­lo ha vo­glia in pri­ma­ve­ra di rien­tra­re: io man­ten­go il gioco del­la staf­fet­ta tra noi due. E co­mun­que Car­lo è in squa­dra, ci con­sul­tia­mo sem­pre per le scel­te stra­te­gi­che au­to­ra­li».

Qua­li novità ci sono?

«Do­po un pa­io d’an­ni a Ci­ne­cit­tà tor­nia­mo al­la Dear con uno stu­dio nuo­vo e una nuo­va sce­no­gra­fia».

Ce la an­ti­ci­pa?

«Mo­der­na, mol­to tec­no­lo­gi­ca. Ci sono due chi­lo­me­tri di ca­vi per tra­smet­te­re tutti i da­ti ne­ces­sa­ri al gioco: mi di­co­no che è un re­cord».

E le pro­fes­so­res­se?

«Avre­mo quat­tro nuo­ve pro­fes­so­res­se, pre­sen­ze che fan­no par­te del Dna del programma. Fi­no a qual­che an­no fa cam­bia­va­no spes­so, poi c’è sta­ta una lun­ga fa­se con le stes­se ra­gaz­ze. Ci di­spia­ce per­der­le per­ché or­mai sono del­le amiche, ma ma­ga­ri ca­pi­te­rà di la­vo­ra­re an­co­ra in­sie­me. Le nuo­ve ra­gaz­ze sono bril­lan­ti, sim­pa­ti­che e pie­ne di en­tu­sia­smo. Spe­ria­mo che rie­sca­no an­che lo­ro a di­ven­ta­re pre­sen­ze fa­mi­lia­ri e ras­si­cu­ran­ti per il pub­bli­co».

Di­ca la ve­ri­tà: sen­za la so­lu­zio­ne quan­te ghi­gliot­ti­ne in­do­vi­ne­reb­be?

«Un 10% non ab­bon­dan­te. Non è un gioco in cui io sia un fe­no­me­no. Ma gra­zie a Dio de­vo so­lo pre­sen­tar­lo…».

Do­po 16 an­ni e tre con-

dut­to­ri co­me è cam­bia­to lo sti­le di con­du­zio­ne?

«Ognu­no ha il pro­prio mo­do di es­se­re e di in­te­ra­gi­re con i con­cor­ren­ti e ognu­no met­te la pro­pria fir­ma. Pe­rò i pri­mi tem­pi “L’ere­di­tà” ave­va un to­no un po­chi­no più se­rio, men­tre con gli an­ni si è stem­pe­ra­to. E lo spa­zio per una ri­sa­ta o una bat­tu­ta ades­so c’è».

Quan­do i con­cor­ren­ti di­co­no de­gli sfon­do­ni co­me si fa a non ri­de­re?

«È ov­vio che bi­so­gna ge­sti­re i sorrisi, an­che per non fare im­ma­gi­na­re a un con­cor­ren­te che lo stai pren­den­do in gi­ro. Pe­rò ogni tan­to le ri­spo­ste sono co­sì fan­ta­sio­se che la ri­sa­ta ci sta be­ne. Ma si ri­de in­sie­me al pub­bli­co e al con­cor­ren­te che ma­ga­ri si ren­de con­to di aver­la det­ta gros­sa: è un mo­do di sdram­ma­tiz­za­re un mo­men­to che può es­se­re im­ba­raz­zan­te. A vol­te c’è il mo­men­to di blac­kout, di emo­zio­ne e mi met­to nei pan­ni di chi è in dif­fi­col­tà: cer­ta­men­te non mi met­to a fare il mae­stro».

Il suo è uno dei no­mi nel to­to-con­dut­to­ri del Fe­sti­val.

«Non cre­do pro­prio che sa­rà que­sto il mio an­no a San­re­mo. Poi tut­to può suc­ce­de­re, ma ci vo­glio­no de­ter­mi­na­te pre­mes­se che non cre­do si pos­sa­no rea­liz­za­re ades­so. Poi ve­dia­mo, se si apro­no al­tre sfi­de io sa­rò fe­li­ce di ac­co­glier­le. Na­tu­ral­men­te se le con­di­vi­do e se ri­ten­go di po­ter fare be­ne. Con gli an­ni sono giu­sta­men­te di­ven­ta­to più se­let­ti­vo, sto più at­ten­to a non sba­glia­re».

Quin­di esclu­de di con­dur­re il pros­si­mo Fe­sti­val?

«Do­po tre an­ni di Car­lo, che è sta­to straor­di­na­ria­men­te bra­vo, io im­ma­gi­no che ci deb­ba an­da­re qual­cu­no che sia di­ver­so da lui, con un al­tro mo­do di rac­con­ta­re quell’even­to. Io non sono ugua­le a Car­lo, ma il mio sti­le è fa­mi­lia­re al suo. E poi è una vi­ta che la­vo­ro sul­la mu­si­ca e che la pra­ti­co, e al­la mia ve­ne­ran­da età non an­drei a con­dur­lo per un al­tro di­ret­to­re ar­ti­sti­co: se mi de­vo pren­de­re una pa­ta­ta bol­len­te me la de­vo pren­de­re in­te­ra. Non so se ver­rà mai il mio tur­no, ma ho aspet­ta­to tan­ti an­ni e pos­so aspet­tar­ne al­tri. Se non do­ves­se suc­ce­de­re, pa­zien­za. Di si­cu­ro quan­do ve­do il Fe­sti­val da ca­sa sono fe­li­ce co­me un bam­bi­no».

VE­RA SANTAGATA È na­ta a De­sio il 24 lu­glio 1987. A 16 an­ni era nel­la na­zio­na­le di gin­na­sti­ca rit­mi­ca, a 18 è ar­ri­va­ta se­sta a Miss Ita­lia. Di­plo­ma­ta al­la Royal Aca­de­my of Dan­ce di Lon­dra, era nel cor­po di bal­lo di «Co­lo­ra­do» e di «Scher­zi a par­te». Di­ce: «Vo­glio as­sor­bi­re con­si­gli e im­pa­ra­re il più pos­si­bi­le». CHIARA ESPOSITO «Sono la più pic­co­la del­le prof» di­ce Chiara, che è na­ta a Ca­ta­nia il 9 apri­le 1998 e lo scor­so an­no è ar­ri­va­ta se­sta a Miss Ita­lia: «Sono di­plo­ma­ta al li­ceo ar­ti­sti­co, di­pin­go, di­se­gno, ho fat­to cor­si di re­ci­ta­zio­ne e di­zio­ne e sono ballerina di ca­rai­bi­co. So­gno di lau­rear­mi in sce­no­gra­fia».

LAURA DAZZI «Mi man­ca­no tre esa­mi per la lau­rea in psi­co­lo­gia cli­ni­ca» di­ce Laura, na­ta a Car­ra­ra il 1⁰ mar­zo 1992: «Amo i ca­ni e fac­cio vo­lon­ta­ria­to al ca­ni­le di Sar­za­na. Que­sto è l’an­no dei gio­va­ni di Car­ra­ra: Gab­ba­ni ha vin­to San­re­mo, Ber­nar­de­schi è al­la Ju­ve e io... a “L’ere­di­tà”!». ELEONORA AROSIO È na­ta a Lec­co il 15 mag­gio 1985 ma vi­ve a Ro­ma da 10 an­ni. Ha fat­to un’ac­ca­de­mia di bal­lo e di re­ci­ta­zio­ne, di­pin­ge, ha la­vo­ra­to in al­cu­ne fic­tion ed è gior­na­li­sta pub­bli­ci­sta. Era a «Mez­zo­gior­no in fa­mi­glia». «Mi sono pre­sen­ta­ta per fare il pub­bli­co» rac­con­ta «e mi han­no pre­sa co­me val­let­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.