Pio­vra e Mon­tal­ba­no: due Si­ci­lie, an­zi una ...

TV Sorrisi e Canzoni - - In Edicola -

Ca­ro di­ret­to­re, ho let­to una di­chia­ra­zio­ne di Mi­che­le Pla­ci­do che cri­ti­ca Mon­tal­ba­no, so­ste­nen­do che la ve­ra Si­ci­lia fos­se quel­la del­la sua «Pio­vra» e del suo com­mis­sa­rio Cat­ta­ni e che quel­la trat­ta dai li­bri di An­drea Ca­mil­le­ri sia una Si­ci­lia che, pur in mez­zo ai de­lit­ti, ap­pa­re ri­las­san­te e non de­va­sta­ta dal­la ma­fia. Mi sem­bra che non sia sta­ta una af­fer­ma­zio­ne fe­li­ce: io ado­ro Mon­tal­ba­no e ado­ra­vo «La pio­vra», per­ché met­te­re que­ste bel­lis­si­me fic­tion una con­tro l’al­tra?

Mar­co Ti­mi­di, Ca­ta­nia Sono d’ac­cor­dis­si­mo, ca­ro Mar­co: in co­mu­ne le due se­rie han­no so­lo la Si­ci­lia. Per il re­sto «La pio­vra» era in­cen­tra­ta sul­la dram­ma­ti­ca lot­ta al­la cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta. Era co­sì ve­ro­si­mi­le (e bel­la), che ci fu­ro­no ad­di­rit­tu­ra po­le­mi­che per­ché la se­rie di Pla­ci­do ave­va un gran­de suc­ces­so all’este­ro e po­te­va met­te­re in cat­ti­va lu­ce gli ita­lia­ni. Mon­tal­ba­no è un’al­tra co­sa: la ma­fia vi com­pa­re sul­lo sfon­do e so­lo in qual­che epi­so­dio. Ciò non si­gni­fi­ca che la se­rie rac­con­ti una Si­ci­lia ir­rea­le, an­zi: pae­sag­gi, dia­let­ti, ca­rat­te­ri dei per­so­nag­gi, ci­bi e mol­to al­tro sono ele­men­ti esclu­si­va­men­te e me­ra­vi­glio­sa­men­te si­ci­lia­ni. Se Pla­ci­do vuo­le so­ste­ne­re che la Si­ci­lia è tut­ta e so­lo ma­fia, beh, sono in to­ta­le di­sac­cor­do. È una re­gio­ne ma­gni­fi­ca per tan­ti aspet­ti, pur con que­sto dram­ma­ti­co e ve­le­no­so pro­ble­ma. Che tut­ta­via mol­tis­si­mi (ma­gi­stra­ti e for­ze dell’or­di­ne per pri­mi, ma an­che la gen­te co­mu­ne) stan­no com­bat­ten­do eroi­ca­men­te. E di­rei an­che che i ri­sul­ta­ti ot­te­nu­ti sono sem­pre più in­co­rag­gian­ti. (a.v.)

NIENTE SOLDI, NIENTE VUELTA

Sono un’ap­pas­sio­na­ta di ci­cli­smo. Vor­rei pro­te­sta­re per­ché la Rai non tra­smet­te an­che la Vuelta di Spa­gna. Lei che ama lo sport avrà vi­sto che sia il Gi­ro che il Tour han­no avu­to buo­ni ascol­ti. Pen­so che sa­reb­be pia­ciu­to a tan­ti ve­de­re i no­stri cam­pio­ni Ni­ba­li e Aru al­la Vuelta, non so­lo a chi si può per­met­te­re la pay tv. Da qual­che me­se sono ri­ma­sta sen­za la­vo­ro, l’al­ber­go in cui la­vo­ra­vo ha chiu­so, il col­po di gra­zia è sta­to il ter­re­mo­to: abi­to in Um­bria e trop­pi sono scap­pa­ti. An­che per que­sto avrò dif­fi­col­tà a pa­ga­re il ca­no­ne, fi­gu­ria­mo­ci la pay tv.

San­ta, Or­vie­to (PG) I di­ri­gen­ti del­la Rai non met­to­no a di­spo­si­zio­ne di RaiS­port i soldi ne­ces­sa­ri per tra­smet­te­re tan­ti even­ti. Pen­si al ten­nis, di cui non c’è trac­cia nei pa­lin­se­sti. Per non par­la­re del cal­cio, ine­si­sten­te a par­te la Na­zio­na­le e la Cop­pa Ita­lia. Ep­pu­re le pay tv di­mo­stra­no che lo sport at­ti­ra enor­mi in­ve­sti­men­ti pub­bli­ci­ta­ri. Bi­so­gne­reb­be ave­re il co­rag­gio di in­ve­sti­re. Tra ca­no­ne e spot, cre­do che i soldi si tro­ve­reb­be­ro. Già, ma bi­so­gne­reb­be vo­ler­lo fare.

DO YOU TOKYO?

Nell’ar­ti­co­lo su «Pe­chi­no Ex­press» del n°37, a pro­po­si­to del Giap­po­ne si di­ce che so­lo po­chi giap­po­ne­si co­no­sco­no l’in­gle­se. È esat­ta­men­te il con­tra­rio: Giap­po­ne e Pae­si Bas­si sono i pri­mi pae­si (non di ma­dre­lin­gua) dove i lo­ro cit­ta­di­ni par­la­no mag­gior­men­te la lin­gua in­gle­se.

Pao­lo Na­po­li­ta­no Gen­ti­lis­si­mo Pao­lo, non du­bi­to del­le sue sta­ti­sti­che. Ma sono sta­to in Giap­po­ne e le as­si­cu­ro che so­lo a Tokyo sono riu­sci­to (ra­ra­men­te e con gran fa­ti­ca) a far­mi ca­pi­re dai giap­po­ne­si. For­se pe­rò il pro­ble­ma era il mio in­gle­se, non il lo­ro.

HA LE AMICHE PIÙ BEL­LE DEL­LE MISS

Ca­ro di­ret­to­re, ho vi­sto sul nu­me­ro scor­so le 30 fi­na­li­ste di Miss Ita­lia e os­ser­van­do­le con at­ten­zio­ne sono ar­ri­va­to al­la con­clu­sio­ne che al­cu­ne del­le mie amiche sono più bel­le di di­ver­se con­cor­ren­ti. An­zi, se de­vo es­se­re sin­ce­ro, al­cu­ne mi sono sem­bra­te pro­prio brut­ti­ne. Mi di­ca la ve­ri­tà: ci sono rac­co­man­da­zio­ni an­che a Miss Ita­lia?

Ales­sio Car­mi­na­ti, Trie­ste Sono sta­to ad al­cu­ne edi­zio­ni di Miss Ita­lia e le ga­ran­ti­sco che vi­ste dal vi­vo le con­cor­ren­ti sono tut­te mol­to bel­le, ma­ga­ri qual­cu­na non è te­le­ge­ni­ca o fo­to­ge­ni­ca. Ten­ga poi con­to che si trat­ta di ra­gaz­ze che per la pri­ma vol­ta af­fron­ta­no mac­chi­ne fo­to­gra­fi­che e te­le­ca­me­re e quin­di non han­no tut­ta l’espe­rien­za e la ma­li­zia ne­ces­sa­rie per va­lo­riz­za­re in tv la pro­pria bel­lez­za. Sono cer­to che quan­do si è bel­le (o brut­te...) non c’è rac­co­man­da­zio­ne che ten­ga, lei è trop­po so­spet­to­so! Quan­do poi mi di­ce che le sue amiche sono più miss del­le miss, mi stu­pi­sco ma non trop­po: la bel­lez­za del­le don­ne di Trie­ste è pro­ver­bia­le, lei è abi­tua­to be­ne.

Buon­gior­no, io vor­rei espri­me­re una mia opi­nio­ne (non sa­rò si­cu­ra­men­te la pri­ma a far­lo) sul programma «Ma­ste­rC­hef» di cui sono una fan ac­ca­ni­ta. Vor­rei ca­pi­re co­me mai gli aspi­ran­ti cuo­chi cu­ci­na­no con ad­dos­so ogni ben di dio. Vo­glio di­re brac­cia­li, anel­li, col­la­ne, orec­chi­ni e an­che ca­pel­li svo­laz­zan­ti che po­treb­be­ro even­tual­men­te fi­ni­re nei piat­ti. Non è un bell’esem­pio an­che per gli aspi­ran­ti cuo­chi da ca­sa. Mio fi­glio fa que­sto me­stie­re, la co­sa che gli han­no in­se­gna­to il pri­mo gior­no di scuo­la è di to­glie­re tut­to e met­te­re un cap­pel­lo o una ban­da­na. In­ve­ce i con­cor­ren­ti del ta­lent si ti­ra­no su i ca­pel­li e su­bi­to do­po im­piat­ta­no, a vol­te di­ret­ta­men­te con le ma­ni (per non par­la­re del­le goc­ce di su­do­re).

Lo­re­da­na, To­ri­no Quel­lo che lei rac­con­ta è per for­tu­na l’ec­ce­zio­ne e non la re­go­la: os­ser­van­do i con­cor­ren­ti ve­do tan­te ban­da­ne, cap­pel­li­ni e ma­ni li­be­re da anel­li. Ma in qual­che ca­so sono ri­ma­sto stu­pi­to an­ch’io, so­prat­tut­to mi pa­re stra­no che non si tro­vi un ri­me­dio al su­do­re, sa­pen­do che le lu­ci del­la tv sono tan­te e pro­du­co­no un ca­lo­re fe­ro­ce (per non par­la­re del­la fre­ne­sia del­la ga­ra). Con­si­de­ri an­che che il programma si svol­ge per for­tu­na in uno stu­dio te­le­vi­si­vo e non in una cu­ci­na di un ve­ro ri­sto­ran­te, dove i piat­ti pre­pa­ra­ti ven­go­no poi ser­vi­ti ai clien­ti: se c’è un capello nel piatto, in tv non se ne ac­cor­ge nes­su­no (a par­te Bru­no Bar­bie­ri che una vol­ta, mi pa­re, fe­ce una sa­cro­san­ta sce­na­ta a una scia­gu­ra­ta con­cor­ren­te che «cu­ci­nò» una cioc­ca del­la sua fol­ta chio­ma).

UNA RE­GIO­NE E I SUOI COMMISSARI A si­ni­stra, Lu­ca Zin­ga­ret­ti (55) nei pan­ni di Mon­tal­ba­no. A de­stra, Mi­che­le Pla­ci­do (71) in quel­li di Cat­ta­ni.

IL CAMPIONE Vin­cen­zo Ni­ba­li

(32) è tra i protagonisti del­la Vuelta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.