GALEOTTA FU LA SE­RIE

È di­ven­ta­ta una star gra­zie a Oran­ge Is the New Black, il te­le­film di (qua­si) so­le don­ne am­bien­ta­to in car­ce­re. Ma no­no­stan­te la bel­lez­za, per TAY­LOR SCHIL­LING far­si no­ta­re non è mai sta­to fa­ci­le, da­gli amo­ri man­ca­ti al li­ceo fi­no al­le par­ti (co­me mo­glie

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Streaming/2 - di MAR­CO DE MAR­TI­NO

Ab­bia­moap­pe­na or­di­na­to, lei so­lo un tè al­la men­ta, e ora stia­mo cer­can­do di sta­bi­li­re se la ra­gaz­za che ci ha ser­vi­to l’ha ri­co­no­sciu­ta. Se­con­do me non c’è dub­bio, ma sic­co­me sia­mo in un ri­sto­ran­te di New York, do­ve fin­ge­re in­dif­fe­ren­za quan­do si in­con­tra­no per­so­ne fa­mo­se è un do­ve­re ci­vi­co, sia­mo co­stret­ti a in­ter­pre­ta­re so­lo gli sguar­di e il lin­guag­gio del cor­po: «Io non ca­pi­sco mai se qual­cu­no mi ri­co­no­sce», di­ce Tay­lor Schil­ling, che og­gi in­dos­sa un ele­gan­tis­si­mo com­ple­to ca­mi­cia-pan­ta­lo­ne di co­to­ne ne­ro non poi co­sì dis­si­mi­le nel­la for­ma dal­la di­vi­sa aran­cio­ne che ve­ste nel­la par­te di Pi­per, la pro­ta­go­ni­sta del­la se­rie Oran­ge Is the New Black. «È co­me se mi tro­vas­si in una ter­ra di mez­zo tra il po­te­re an­co­ra es­se­re igno­ra­ta e l’es­se­re fa­mo­sa. Non che la gen­te non sap­pia chi so­no: suc­ce­de che mi ri­co­no­sca­no, e sem­pre di più ne­gli ul­ti­mi tre an­ni, ma è sta­to un pro­ces­so tal­men­te gra­dua­le che mi so­no adat­ta­ta. E co­mun­que non vo­glio dar­ci im­por­tan­za, per­ché mi fa­reb­be per­de­re di vi­sta che que­sto è so­lo l’ini­zio e ci so­no an­co­ra tan­tis­si­me co­se che de­vo an­co­ra fa­re nel­la mia car­rie­ra. Mi fa­reb­be di­men­ti­ca­re che Oran­ge Is the New Black è so­lo uno show». È ve­ra­men­te dif­fi­ci­le ri­di­men­sio­na­re co­sì la se­rie Tv più vi­sta tra i 60 mi­lio­ni di ab­bo­na­ti ame­ri­ca­ni di Net­flix, l’uni­ca nel­la sto­ria a ri­ce­ve­re no­mi­na­tion agli Em­my sia co­me com­me­dia che co­me dram­ma, un fe­no­me­no cul­tu­ra­le e po­li­ti­co che an­no­ve­ra tra i suoi fan il pre­si­den­te Ba­rack Oba­ma. Trat­ta dal li­bro in cui Pi­per Ker­man rac­con­ta i suoi 13 me­si di pri­gio­ne per spac­cio di stu­pe­fa­cen­ti e ri­ci­clag­gio, Oran­ge Is the New Black è di­ven­ta­ta un pun­to di ri­fe­ri­men­to nel di­bat­ti­to sul­la con­di­zio­ne del­le don­ne nel­le car­ce­ri ame­ri­ca­ne. Gra­zie a La­ver­ne Cox, l’at­tri­ce tran­sgen­der che in­ter­pre­ta la de­te­nu­ta tran­sgen­der So­phia Bur­set, la se­rie ha an­che mo­stra­to le con­trad­di­zio­ni che vi­ve una trans in un si­ste­ma nel ge­ne­re. Ma tut­to que­sto pro­ba­bil­men­te non sa­reb­be sta­to pos­si­bi­le sen­za i ca­pel­li bion­di e i gran­di oc­chi az­zur­ri che mi guar­da­no men­tre ar­ri­va il tè. La stes­sa Je­n­ji Ko­han, crea­tri­ce del­la se­rie, ha det­to di ave­re vo­lu­to Tay­lor Schil­ling nel­la par­te di Pi­per per usar­la co­me un’esca. Il ca­val­lo di Tro­ia con cui por­ta­re nel­le ca­se de­gli ame­ri­ca­ni le av­ven­tu­re di un grup­po di car­ce­ra­te con tut­ta la sof­fe­ren­za, l’amo­re, il di­ver­ti­men­to e il ses­so che con­ten­go­no. L’an­no scor­so Pi­per è en­tra­to nel­la clas­si­fi­ca dei no­mi più scel­ti da­gli ame­ri­ca­ni per le lo­ro fi­glie. Ma par­lan­do con Tay­lor Schil­ling è chia­ro che la sua bel­lez­za avrà for­se gio­va­to al­la se­rie Tv, pe­rò non ha mai re­so più fa­ci­le la sua vi­ta, di cui pe­ral­tro lei ama par­la­re po­chis­si­mo. Da pic­co­la ri­crea­va in sa­lot­to Tut­ti in­sie­me ap­pas­sio­na­ta­men­te, il suo film pre­fe­ri­to, con tan­to di co­stu­me di sce­na fat­to in­dos­sa­re a for­za al po­ve­ro fra­tel­lo Sam. I suoi si so­no se­pa­ra­ti quan­do ave­va 15 an­ni, do­po di che ha pas­sa­to più tem­po con il pa­dre ma­gi­stra­to che con la ma­dre im­pie­ga­ta al Mas­sa­chu­setts In­sti­tu­te of Tech­no­lo­gy di Bo­ston, fin­ché ha de­ci­so di tra­sfe­rir­si a New York per fa­re la scuo­la di re­ci­ta­zio­ne. I pri­mi la­vo­ri so­no ar­ri­va­ti con una se­rie Tv (Mer­cy) e poi un film con Me­ryl Streep (Dark Mat­ter), e uno con Zac Efron (Ho cer­ca­to il tuo no­me). C’è sta­ta an­che un po’ di sfor­tu­na: la par­te re­ci­ta­ta da Tay­lor Schil­ling co­me

mo­glie di Ben Af­fleck in Ar­go è sta­ta ta­glia­ta. Ma poi fi­nal­men­te è ar­ri­va­ta la chia­ma­ta per Pi­per in Oran­ge Is the New Black: «So­no pas­sa­ti tre an­ni da quel mo­men­to ma per me è co­me se fos­se pas­sa­to un at­ti­mo. È sta­to co­me un bat­te­re di ciglia: la mia vi­ta è com­ple­ta­men­te cam­bia­ta e al­lo stes­so tem­po non è cam­bia­to nien­te, a par­te che so­no sem­pre più or­go­glio­sa di far par­te di que­sta av­ven­tu­ra. Sen­to che stia­mo fa­cen­do un la­vo­ro ri­le­van­te, e non sa­prei nean­che in che or­di­ne di im­por­tan­za met­te­re le co­se di cui an­da­re fie­ra». È ra­ra una se­rie in cui la nar­ra­ti­va si svi­lup­pa tra don­ne, qua­si in­di­pen­den­te­men­te dai ma­schi. «Sì, ed è an­che una se­rie che por­ta avan­ti i va­lo­ri del­la co­mu­ni­tà LGBT, e poi c’è la que­stio­ne car­ce­ra­ria. Ma de­vo di­re che quan­do so­no sul set più che pen­sa­re a que­sto cer­co di con­cen­trar­mi su Pi­per». Le vie­ne na­tu­ra­le que­sto per­so­nag­gio? Le so­mi­glia? «Mi sen­to vi­ci­na a lei per­ché è co­stan­te­men­te al­la ri­cer­ca di qual­co­sa. Sta an­co­ra cer­can­do un mo­do per na­vi­ga­re il si­ste­ma, e sic­co­me non ha pun­ti di ri­fe­ri­men­to né den­tro né fuo­ri dal­la pri­gio­ne con­ti­nua a co­strui­re re­go­le rigide cui at­te­ner­si. È un po’ co­me un ca­ne che in­se­gue l’os­so, sem­pre con­cen­tra­ta sull’obiet­ti­vo, con un’osti­na­zio­ne che a vol­te le gio­va e a vol­te no. Ma è ar­ri­va­ta a un pun­to del­la vi­ta in cui non sa in che di­re­zio­ne an­da­re». Si sen­te co­sì an­che lei? «È un po’ una co­stan­te: non mi so­no mai sen­ti­ta nel­la nor­ma, ho sem­pre avu­to a che fa­re con un bel po’ di in­cer­tez­za, mi è sem­pre sta­to dif­fi­ci­le tro­va­re una ba­se cui fa­re ri­fe­ri­men­to». An­che al li­ceo? Non mi di­ca che non era la più bel­la del­la scuo­la. «Per nien­te. E poi sul se­rio non mi so­no mai iden­ti­fi­ca­ta con il mio aspet­to, an­zi me ne so­no sem­pre fre­ga­ta al­ta­men­te: al­me­no fi­no a quan­do al­tre per­so­ne non han­no co­min­cia­to a trat­tar­mi co­me una don­na at­traen­te, non è co­sì che pen­sa­vo a me stes­sa. Quel­lo del li­ceo è sta­to un pe­rio­do dav­ve­ro com­pli­ca­to, ho cam­bia­to cir­ca set­te scuo­le, e poi c’era la si­tua­zio­ne del­la mia fa­mi­glia col di­vor­zio dei miei. Non mi so­no mai fi­dan­za­ta fi­no al col­le­ge. Non ave­vo una co­mu­ni­tà di ami­ci, ero mol­to iso­la­ta». Quan­do so­no cam­bia­te le co­se? «Quan­do mi so­no tra­sfe­ri­ta a New York per fa­re la scuo­la di re­ci­ta­zio­ne al­la For­d­ham Uni­ver­si­ty. Il pal­co è l’uni­co po­sto che mi ha fat­to sem­pre sen­ti­re a ca­sa, quel­lo in cui all’im­prov­vi­so ho tro­va­to un sen­so, la spin­ta per gal­va­niz­za­re la mia esi­sten­za. Ma a scuo­la ho in­con­tra­to an­che un me­ra­vi­glio­so grup­po di ami­ci: è sta­to un pe­rio­do bel­lis­si­mo». Nel 2007 re­ci­tò con Me­ryl Streep. «In real­tà non ci sia­mo nean­che in­cro­cia­te. Nel­la sto­ria io ero lei da gio­va­ne: il mio con­tat­to più di­ret­to fu in­dos­sa­re i suoi jeans, o la sua cin­tu­ra, non ri­cor­do. So so­lo che fu ab­ba­stan­za per man­dar­mi in esta­si». E poi che co­sa ac­cad­de? «Fre­quen­tai la New York Uni­ver­si­ty, che ab­ban­do­nai do­po so­li due an­ni, per­ché mi sen­ti­vo già pron­ta per il pal­co­sce­ni­co. In ef­fet­ti, fe­ci qual­co­sa a tea­tro e do­po quat­tro me­si mi scrit­tu­ra­ro­no co­me pro­ta­go­ni­sta di una se­rie te­le­vi­si­va, Mer­cy, io che non ave­vo mai co­no­sciu­to nes­su­no che fos­se sta­to in Tv. Mi sen­ti­vo ar­ri­va­ta, ma du­rò so­lo un an­no. Do­po fe­ci un po’ di film sen­za es­se­re com­ple­ta­men­te sod­di­sfat­ta del­le par­ti che ave­vo. Vo­le­vo di più, ed è ar­ri­va­to Oran­ge Is the New Black». In tut­te le in­ter­vi­ste che le fan­no, ar­ri­va sem­pre una do­man­da sul­le sue sce­ne di nu­do, e su quel­le di ses­so con don­ne. Che rea­zio­ne ha quan­do glie­lo chie­do­no? «Pro­vo qua­si im­ba­raz­zo per il gior­na­li­sta che mi do­man­da del­le sce­ne di ses­so, per­ché mi sem­bra ve­ra­men­te su­pe­ra­to di­stin­gue­re an­co­ra tra l’amo­re di un uo­mo per una don­na e quel­lo tra due don­ne. Ca­pi­sco in­ve­ce che pos­sa es­se­re sor­pren­den­te che non mi fac­cia né cal­do né fred­do fa­re le sce­ne di nu­do, so­prat­tut­to quan­do so­no coe­ren­ti con la nar­ra­ti­va co­me in Oran­ge». Te­me che il per­so­nag­gio di Pi­per con­di­zio­ni per sem­pre la sua car­rie­ra? «Mai, non è pos­si­bi­le. Co­me di­ce­vo, so­no sem­pre al­la ri­cer­ca di nuo­vi pro­get­ti, di ruo­li di­ver­si: tro­va­re par­ti di me stes­sa lon­ta­no da Pi­per fa par­te del­la mia lot­ta per la so­prav­vi­ven­za». Co­me de­scri­ve­reb­be il ca­st di Oran­ge Is the New Black? «Una tri­bù. Ab­bia­mo tro­va­to in­sie­me que­sto suc­ces­so ve­nen­do qua­si tut­te dal nul­la, per­ché nes­su­na del­le don­ne del ca­st ha pa­ren­ti fa­mo­si, o una re­la­zio­ne con il mon­do del­lo show bu­si­ness. Ci sia­mo tut­te fat­te da so­le, ab­bia­mo tut­te lot­ta­to tan­to, e que­sto ha crea­to un le­ga­me straor­di­na­rio tra di noi: c’è un for­tis­si­mo sen­so di leal­tà al grup­po, da­rem­mo qual­sia­si co­sa per le al­tre. Po­chi lo ca­pi­sco­no da fuo­ri: sia­mo una ciur­ma di don­ne mol­to di­ver­se tra lo­ro, ma tut­te aspet­ta­va­mo la no­stra oc­ca­sio­ne. Al­la fi­ne è ar­ri­va­ta, ed è una co­sa spe­cia­le».

tem­po di let­tu­ra pre­vi­sto: 10 mi­nu­ti

Pagg. 108-109: top e pan­ta­lo­ni, Cé­li­ne. Pag. 110: abi­to e cap­pot­to, Stel­la McCart­ney. col­la­na, Cat­bird. sty­ling lau­ra Jo­nes. ma­ke-up hung vann­go. hair har­ry Jo­sh. si rin­gra­zia the mer­cer ho­tel, new york.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.