«MI RIN­GRA­ZIA­NO PER AVER DA­TO VO­CE A

CHI NON HA UN LA­VO­RO.

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Fair - di CAR­LA BARDELLI FO­TO PA­TRICK SWIRC

È BEL­LO ES­SE­RE UTI­LI»

Se­dut­to­re ne­vro­ti­co, dai mil­le tic, con un fa­sci­no mol­to fran­ce­se, Vin­cent Lindon è l’en­fant del­la bor­ghe­sia pa­ri­gi­na del­la Ri­ve Gau­che, ni­po­te del fon­da­to­re del­le Édi­tions de Mi­nuit, una del­le ca­se edi­tri­ci più pre­sti­gio­se di Fran­cia. La sua car­rie­ra d’at­to­re è sem­pre an­da­ta di pa­ri pas­so con quel­la di tom­beur de fem­mes. Nel 1988 è sul set del Tem­po del­le me­le 3 con una So­phie Marceau paf­fu­tel­la e bel­lis­si­ma, sua part­ner ci­ne­ma­to­gra­fi­ca e per­so­na­le pri­ma dell’in­con­tro con Ca­ro­li­ne di Mo­na­co. Lui e Ca­ro­li­ne pas­se­ran­no cin­que an­ni di pas­sio­ne tor­men­ta­ta in quel di Saint-Ré­my-de-Pro­ven­ce, do­ve la prin­ci­pes­sa si era ri­ti­ra­ta con i fi­gli. La sto­ria non eb­be un lie­to fi­ne: do­po che Vin­cent ave­va chie­sto a Ra­nie­ri la ma­no del­la fi­glia, si la­scia­ro­no. Ca­ro­li­ne spo­sò il su­per bla­so­na­to Ernst di Han­no­ver e lui con­vo­lò con Sandrine Ki­ber­lain, da cui ha avu­to una fi­glia, sal­vo di­vor­zia­re po­co tem­po do­po. Al­tre con­qui­ste ce­le­bri: Chia­ra Ma­stro­ian­ni, se­dot­ta e ab­ban­do­na­ta per l’al­lo­ra mi­ni­stra più se­xy di Fran­cia, Ra­chi­da Da­ti. Co­no­sciu­ta du­ran­te un talk show, è ri­ma­sta in ot­ti­mi rap­por­ti con lui, co­me Clau­de Chi­rac, fi­glia dell’ex pre­si­den­te fran­ce­se. Uo­mo ru­vi­do che non ha mai na­sco­sto la sua an­ti­pa­tia per i gior­na­li­sti, an­che se sua ma­dre fa par­te del­la ca­te­go­ria, mi con­vo­ca in un chias­so­so bar pa­ri­gi­no di Saint-Ger­main-des-Prés. Con mos­sa ful­mi­nea pe­sca un cu­bet­to di ghiac­cio dal bic­chie­re di Per­rier e lo sca­glia con­tro un pic­cio­ne che ave­va osa­to ve­ni­re a bec­ca­re le bri­cio­le vi­ci­no al no­stro ta­vo­lo, gri­dan­do «be­stiac­cia schi­fo­sa». An­che se mi in­ti­ma di non fa­re do­man­de sul­la vi­ta pri­va­ta, pe­na l’al­lon­ta­na­men­to dal suo ta­vo­lo, or­mai il ghiac­cio (ap­pun­to) è rot­to. Il pic­cio­ne si è vo­la­ti­liz­za­to e lui si la­scia an­da­re al­la pas­sio­ne per Thier­ry, il pro­ta­go­ni­sta del­la Leg­ge del mer­ca­to, il film con cui ha vin­to la Pal­ma d’oro co­me mi­glio­re at­to­re all’ul­ti­mo Fe­sti­val di Can­nes. Thier­ry-Lindon è un po’ ap­pe­san­ti­to e me­no se­dut­to­re ma dav­ve­ro gran­de nel ruo­lo di un ex di­ri­gen­te cin­quan­ten­ne di­soc­cu­pa­to, con un mu­tuo da pa­ga­re e un fi­glio di­sa­bi­le, co­stret­to al­la tra­fi­la umi­lian­te del­la ri­cer­ca di un la­vo­ro, sem­pre in­fe­rio­re a quel­lo che ave­va pri­ma. Schiac­cia­to dal­la pau­ra di re­sta­re fuo­ri per sem­pre da una lo­gi­ca di mer­ca­to tan­to as­sur­da quan­to vio­len­ta, ac­cet­ta un po­sto di guar­dia in un cen­tro com­mer­cia­le, do­ve si tro­va ad af­fron­ta­re la­dri di­spe­ra­ti quan­to lui. Co­me ha fat­to a ren­de­re cre­di­bi­le e af­fa­sci­nan­te que­sto uo­mo co­sì tor­men­ta­to? «Mi so­no iden­ti­fi­ca­to, co­me è suc­ces­so a tut­ti quel­li che han­no vi­sto il film in que­sta Eu­ro­pa di­vo­ra­ta dal­la pia­ga del­la di­soc­cu­pa­zio­ne che può col­pi­re chiun­que, dal più ric­co al più po­ve­ro, e che co­strin­ge a una di­sce­sa agli in­fe­ri, qua­si sem­pre de­va­stan­te. Il la­vo­ro or­mai è di­ven­ta­to una guer­ra di­su­ma­na: tut­ti so­no pron­ti a sbra­nar­ti per riu­sci­re a so­prav­vi­ve­re». Nel­la sua car­rie­ra non ave­va mai vin­to un

pre­mio co­sì pre­sti­gio­so. È con­ten­to che sia ar­ri­va­to pro­prio con que­sto ruo­lo? «Mol­to, e non so­lo per la Pal­ma d’oro. Que­sto pre­mio è sta­to un in­cen­dio: so­no me­si che vin­co un pre­mio al gior­no per stra­da, do­ve la gen­te mi ri­co­no­sce e mi rin­gra­zia per aver da­to vo­ce ai di­soc­cu­pa­ti, una mas­sa in­vi­si­bi­le di es­se­ri uma­ni al­la de­ri­va, che sop­por­ta­no sof­fe­ren­ze psi­co­lo­gi­che atro­ci. Per un at­to­re è una bel­lis­si­ma sen­sa­zio­ne po­ter es­se­re uti­le a man­te­ne­re vi­va la di­scus­sio­ne sui te­mi so­cia­li». Per­ché di­ce che i di­soc­cu­pa­ti

so­no «in­vi­si­bi­li»? I me­dia ne par­la­no spes­so. «Sì, ha ra­gio­ne. A vol­te, se tut­to va be­ne, la no­ti­zia fi­ni­sce a pa­gi­na 20 dei quo­ti­dia­ni o a me­tà del te­le­gior­na­le e du­ra un mi­nu­to e mez­zo. La vi­ta di mi­lio­ni di in­di­vi­dui è re­le­ga­ta a un mi­nu­to e tren­ta se­con­di. So­lo il ci­ne­ma ha i mez­zi per an­da­re a fon­do del pro­ble­ma, per mo­stra­re le fac­ce e le sof­fe­ren­ze. For­se c’era pro­prio bi­so­gno di un film co­me La leg­ge del mer­ca­to». Il trat­to più toc­can­te del suo per­so­nag­gio è

la straor­di­na­ria di­gni­tà che man­tie­ne sem­pre, a ogni co­sto. Era co­sì nel co­pio­ne? «La­vo­ro da an­ni con Sté­pha­ne Bri­zé, il re­gi­sta, il no­stro è sem­pre sta­to un work in pro­gress. Di que­sto per­so­nag­gio ab­bia­mo di­scus­so a lun­go e ab­bia­mo de­ci­so che non si sa­reb­be espres­so con le pa­ro­le. Thier­ry non si la­men­ta, non ur­la e non pian­ge, por­ta il pe­so del­la sua sof­fe­ren­za in si­len­zio, un si­len­zio straor­di­na­rio. Per que­sto ci en­tra nel cuo­re. Mol­ti han­no par­la­to di un film neo­rea­li­sta ma non so­no d’ac­cor­do: è ve­ro che rac­con­ta la vi­ta di mol­ti, ma il do­lo­re ab­bia­mo po­tu­to so­lo im­ma­gi­nar­lo». Lei è il so­lo at­to­re pro­fes­sio­ni­sta del film.

Gli al­tri so­no per­so­ne che vi­vo­no tut­ti i

gior­ni la vi­ta du­ris­si­ma che re­ci­ta nel film. Co­me ave­te in­te­ra­gi­to sul set? «Ci sia­mo mol­to guar­da­ti, ascol­ta­ti e ca­pi­ti. Ab­bia­mo stret­to le­ga­mi for­ti, for­se per que­sto non si no­ta la dif­fe­ren­za tra me e lo­ro. Era co­me se tut­ti, me com­pre­so, aspet­tas­se­ro que­sta oc­ca­sio­ne da una vi­ta». Che co­sa fa­rà do­po que­sto film? «Ho gi­ra­to Jour­nal d’une fem­me de cham­bre (Dia­rio di una ca­me­rie­ra) di Be­noît Jac­quot, con Léa Sey­doux. Un al­tro film in­ten­so. Per il re­sto ho una vi­ta as­so­lu­ta­men­te nor­ma­le, una com­pa­gna, due fi­gli. Vi­vo in un ap­par­ta­men­to in af­fit­to a Saint-Ger­main e pas­so i wee­kend nel­la ca­sa di cam­pa­gna, an­che que­sta in af­fit­to. Non pre­ste­rei mai la mia fac­cia per la pub­bli­ci­tà di un pro­fu­mo, co­me fan­no tan­ti at­to­ri, non ho au­ti­sta, as­si­sten­te per­so­na­le, guar­dia del cor­po. So­no il mio ma­na­ger, brac­cio de­stro, ad­det­to stam­pa: so­no un ri­bel­le che fa tut­to da so­lo. La mia vi­ta mi ap­par­tie­ne e chi ho ba­cia­to, ama­to, spo­sa­to o la­scia­to, ri­guar­da so­lo me e chi ha vis­su­to que­ste espe­rien­ze».

AL LA­VO­RO

Vin­cent Lindon, 56 an­ni. Il 29 ot­to­bre ar­ri­va al ci­ne­ma con La leg­ge del mer­ca­to.

PAL­MA D’ORO Lindon nel­la Leg­ge del mer­ca­to con cui all’ul­ti­mo Can­nes ha vin­to co­me mi­glior at­to­re, pri­ma Pal­ma

del­la sua car­rie­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.