PER­CHÉ TUT­TE POS­SA­NO CA­PI­RE

Ol­tre che dei mol­ti film in cui stia­mo per ri­ve­der­la, e con­tra­ria­men­te a tan­te al­tre at­tri­ci, NI­CO­LE KID­MAN vuo­le par­la­re di sé. Di un do­lo­re che an­co­ra la fa sof­fri­re, di quei ta­tuag­gi che la fan­no im­paz­zi­re, dei fi­gli avu­ti lot­tan­do con amo­re

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina/1 - di JA­SON GAY

«DO­PO ADO­ZIO­NE E IN­SE­MI­NA­ZIO­NE, HO AVU­TO UNA FI­GLIA CON UNA MA­DRE SURROGATA»

Pre­mes­sa do­vu­ta: nel rea­liz­za­re que­sta in­ter­vi­sta a Ni­co­le Kid­man, ho ri­schia­to di pro­cu­ra­re le­sio­ni a uno sco­no­sciu­to iner­me, o di sfon­da­re i ve­tri del­la fi­ne­stra di una cu­ci­na. Di cer­to ho pro­cu­ra­to a uno splen­di­do green le de­va­sta­zio­ni di un bran­co di cin­ghia­li, e se­mi­na­to il ter­ro­re tra gli sco­iat­to­li del­la zo­na. È una bel­la mat­ti­na e in­sie­me stia­mo af­fron­tan­do le pri­me no­ve bu­che dell’Hill­wood Coun­try Club, un’idil­lia­ca te­nu­ta pri­va­ta di Na­sh­vil­le, Ten­nes­see, non lon­ta­no dal­la ca­sa di Ni­co­le. Sia­mo due di­let­tan­ti pie­ni di en­tu­sia­smo. O me­glio, il ve­ro di­let­tan­te so­no io. «Ho ap­pe­na co­min­cia­to», giu­ra lei, pe­rò si al­le­na con Mi­ke, un pro­fes­sio­ni­sta. «Mi sem­bra lo sport giu­sto per me in que­sto mo­men­to». È una del­le più su­per tra le su­per­star del­la sua ge­ne­ra­zio­ne, ep­pu­re, co­me ho sco­per­to con una pia­ce­vo­le sor­pre­sa, non si pren­de sul se­rio per nien­te. Sta al­lo scher­zo, si ap­pas­sio­na a com­men­ta­re le pro­spet­ti­ve dei Ten­nes­see Ti­tans nel cam­pio­na­to di foot­ball, esalta le frit­tel­le di po­len­ta bian­ca – fried gri­ts – che so­no la spe­cia­li­tà di que­sto an­go­lo del Sud, e snoc­cio­la rac­con­ti di ri­tua­li fa­mi­lia­ri: per esem­pio, por­ta­re i fi­gli a un con­cer­to del­la stuc­che­vo­le teen band Ki­dz Bop. Ha un’au­ra de­ci­sa­men­te gla­mour – «È un’at­tri­ce di quel­le che quan­do ar­ri­va­no il mon­do si fer­ma», di­ce di lei l’ami­co Hu­gh Jack­man – ma arie da star non se ne dà. Ja­son Ba­te­man, che l’ha di­ret­ta ed è sta­to suo co­pro­ta­go­ni­sta in The Fa­mi­ly Fang, ap­plau­di­tis­si­mo al re­cen­te Fe­sti­val di To­ron­to, di­ce di es­se­re ri­ma­sto stu­pi­to nel­lo sco­pri­re quan­to la Kid­man rea­le sia di­stan­te «dall’im­ma­gi­ne al­gi­da che tut­ti ab­bia­mo di lei. È una per­so­na dav­ve­ro al­la ma­no, e as­so­lu­ta­men­te uma­na». Una don­na sem­pli­ce, ma spo­sa­ta con una rock­star – Kei­th Ur­ban – e vin­ci­tri­ce di un Oscar da pro­ta­go­ni­sta, con­qui­sta­to in­ter­pre­tan­do Vir­gi­nia Woolf nel film The Hours. In que­sto mo­men­to, pe­rò, è so­lo una schiap­pa co­me tan­te che cer­ca di man­te­ne­re nel fair­way quell’ir­ri­tan­te pal­li­na. In­dos­sa un com­ple­ti­no bian­co e scar­pe bian­che e ro­sa, e l’uni­ca pro­va del fat­to che og­gi su que­sto cam­po da golf c’è una stel­la del ci­ne­ma è la tar­ghet­ta del­la sua sac­ca por­ta­maz­ze, la qua­le re­ci­ta, per l’ap­pun­to, NI­CO­LE KID­MAN. Più il fat­to che ogni tan­to, do­po il ru­mo­re del­la mazza che fen­de l’aria, si sen­te uno stril­lo dal chia­ro ac­cen­to au­stra­lia­no: «Ooooh, noooooooo». Nien­te pau­ra: ci stia­mo di­ver­ten­do.

Con­fes­so che ero un po’ ner­vo­so all’idea di in­con­trar­la. Ave­vo vi­sto un pri­mo mon­tag­gio del suo film Queen of the De­sert, di­ret­to da Wer­ner Her­zog, la ro­man­ti­ca sto­ria ve­ra di Ger­tru­de Bell, ar­cheo­lo­ga, scrit­tri­ce e agen­te se­gre­to dell’Im­pe­ro Bri­tan­ni­co nel Me­dio Orien­te. Una vi­cen­da do­ve tut­to è son­tuo­so e scon­fi­na­to, ma in cui l’ele­men­to più straor­di­na­rio re­sta lei. Fa­mo­sa per la sua so­bria per­fe­zio­ne nell’ab­bi­glia­men­to, ema­na da sem­pre «quel­la lu­ce che ti met­te in sog­ge­zio­ne, qua­si stes­si par­lan­do trop­po», co­me di­ce John Ca­me­ron Mit­chell, che l’ha di­ret­ta nel 2010 in Rab­bit Ho­le. E poi, ri­flet­to, è sta­ta su­per­fa­mo­sa per più di me­tà del­la mia vi­ta, dai tem­pi in cui esplo­se sul­lo scher­mo con Ore 10: cal­ma piat­ta e Gior­ni di tuo­no, per poi spo­sa­re Tom Crui­se, ep­pu­re, aven­do cal­ca­to tut­te le ri­bal­te, è riu­sci­ta a man­te­ner­si pro­fes­sio­nal­men­te in­tat­ta, e per­si­no un po’ mi­ste­rio­sa.

Ar­ri­van­do nel­la ca­sa di Na­sh­vil­le do­ve vi­ve con Ur­ban, do per scon­ta­to che mi tro­ve­rò da­van­ti un eser­ci­to di as­si­sten­ti. La por­ta si apre. «Sal­ve! Pia­ce­re, Ni­co­le», mi di­ce. Nien­te as­si­sten­ti. Una taz­za Star­bucks in ma­no. Ci ad­den­tria­mo in ca­sa, scen­dia­mo una sca­la e, svol­ta­to un an­go­lo, en­tria­mo nel­lo stu­dio di re­gi­stra­zio­ne di Ur­ban, che dà sul giar­di­no po­ste­rio­re. Lei, che in­dos­sa un ve­sti­to a fio­ri, si ac­co­mo­da su un di­va­no da­van­ti a me e si­ste­ma i no­stri caf­fè su sot­to­bic­chie­ri decorati con le fo­to se­gna­le­ti­che di mu­si­ci­sti fa­mo­si: Frank Si­na­tra, Mick Jag­ger, un Da­vid Bowie ar­re­sta­to per pos­ses­so di can­na­bis nel 1976. «Pos­so mo­strar­le una co­sa?», mi chie­de. Si al­za e fa se­gno di rag­giun­ger­la da­van­ti a una fi­ne­stra.

«Ec­co le mie ro­se», di­ce, in­di­can­do un ar­co co­per­to da una fit­ta col­tre di fio­ri. «Non ha idea di quan­to sia dif­fi­ci­le col­ti­var­le nel Ten­nes­see. Par­lo co­me una vec­chia, lo so, ma è una co­sa che a me dà gio­ia». Ni­co­le è una giar­di­nie­ra ap­pas­sio­na­ta, col­ti­va li­mo­ni, pru­gne, pom­pel­mi e, nel­la sua ca­sa in Au­stra­lia, an­che al­bi­coc­che. Con­fe­zio­na mar­mel­la­te da re­ga­la­re agli ami­ci. «Ogni tan­to por­to qui le bam­bi­ne e di­co: guar­da­te! E lo­ro: “Ehm… ok”». Le fi­glie di Ni­co­le e Kei­th – Sun­day Ro­se det­ta Sun­ny, 6 an­ni, e Fai­th det­ta Fi­fi, 4 – in que­sto mo­men­to so­no a scuo­la. Ur­ban, che ha ap­pe­na con­clu­so la sua pri­ma sta­gio­ne da giu­di­ce di Ame­ri­can Idol, è a New York, do­ve la­vo­ra con la leg­gen­da di­sco-funk Ni­le Rod­gers a un can­zo­ne del suo pros­si­mo di­sco.

An­che lei è mol­to im­pe­gna­ta. La aspet­ta una sfil­za di pro­get­ti am­bi­zio­si. A par­ti­re dall’usci­ta in sa­la, il 12 no­vem­bre, del th­ril­ler Il se­gre­to dei suoi oc­chi, re­ma­ke di un film ar­gen­ti­no pre­mia­to con l’Oscar, in­ter­pre­ta­to as­sie­me a Ju­lia Ro­berts e Chi­we­tel Ejio­for e di­ret­to dal suo vec­chio ami­co Bil­ly Ray. Poi ci sa­rà ap­pun­to la raf­fi­na­ta com­me­dia The Fa­mi­ly Fang, e a se­gui­re Ge­nius, am­bien­ta­to nel mon­do let­te­ra­rio del­la New York de­gli an­ni rug­gen­ti, con Co­lin Fir­th e Ju­de Law, di­ret­to da Mi­chael Gran­da­ge, che è an­che re­gi­sta di Pho­to­gra­ph 51, in sce­na a Lon­dra fi­no al 21 no­vem­bre. È il suo pri­mo spet­ta­co­lo tea­tra­le dai tem­pi di The Blue Room, che fe­ce scal­po­re al­la fi­ne de­gli an­ni No­van­ta, e le re­cen­sio­ni so­no sem­pli­ce­men­te ado­ran­ti. «Io e Kei­th di­cia­mo sem­pre: fac­cia­mo uno spet­ta­co­lo, fac­cia­mo un tour. So­no co­se che in fa­mi­glia toc­ca af­fron­ta­re tut­ti in­sie­me». A ca­sa lo­ro funziona co­sì. Lei e le fi­glie se­guo­no Ur­ban quan­do è in gi­ro per con­cer­ti, viag­gian­do sul tour bus co­me grou­pies. Dall’al­tra par­te, la tri­bù si è an­che spo­sta­ta due me­si e mez­zo in Ma­roc­co a se­gui­re Ni­co­le che gi­ra­va Queen of the De­sert. Kei­th fa­ce­va avan­ti e in­die­tro in ae­reo a se­con­da de­gli im­pe­gni, men­tre le bam­bi­ne so­no ri­ma­ste fer­me lì, nel­la con­fu­sio­ne di Mar­ra­ke­ch, con i cam­mel­li, i ca­val­li e il cuc­cio­lo di leo­ne che si ag­gi­ra­va sul set: «Per il lo­ro pic­co­lo mon­do è sta­to un ter­re­mo­to, colori nuo­vi, sa­po­ri nuo­vi, tut­to tal­men­te di­ver­so. Al­la fi­ne, pe­rò, an­da­va­mo nei suk e Sun­ny e Fi­fi si met­te­va­no a con­trat­ta­re, pren­de­va­no in ma­no i ser­pen­ti, era­no co­me a ca­sa lo­ro».

IN MA­ROC­CO Da­mian Lewis, 44 an­ni, è l’aman­te del­la Kid­man in Queen of the De­sert, di­ret­to da Wer­ner Her­zog. L’at­tri­ce è Ger­tru­de Bell, ar­cheo­lo­ga e po­li­ti­ca vis­su­ta a ini­zio ’900 e ri­bat­tez­za­ta «La­w­ren­ce d’Ara­bia

al fem­mi­ni­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.