LA VI­TA AP­PE­SA AUN FI­LO

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Rive Gauche -

Quan­do in­se­gna a cam­mi­na­re sul­la fu­ne Phi­lip­pe Pe­tit spie­ga che il pri­mo pas­so è il più dif­fi­ci­le e gli ul­ti­mi tre so­no quel­li in cui si ri­schia di più, per­ché pen­si di es­se­re già ar­ri­va­to e non è an­co­ra ve­ro. Ma di­ce an­che che la pau­ra, quel­la non può esi­ste­re, e non c’era nep­pu­re nei 45 mi­nu­ti che Pe­tit pas­sò so­spe­so a 400 me­tri da ter­ra tra le due Tor­ri del World Tra­de Cen­ter. Di quel­la mat­ti­na dell’ago­sto 1974 lui ri­cor­da il vuo­to, il ru­mo­re del pro­prio re­spi­ro più for­te di quel­lo del­la cit­tà sot­to di lui, la neb­bia che si di­ra­dò mo­stran­do una pro­spet­ti­va dal­le geo­me­trie im­paz­zi­te, la vo­glia di por­tar­si den­tro la bel­lez­za di quel mo­men­to. Non può es­ser­ci equi­li­brio sen­za l’unio­ne del cor­po e del­la men­te, ed è que­sto che Pe­tit ha cer­ca­to di tra­smet­te­re a Jo­se­ph Gor­don-Le­vitt, che lo in­ter­pre­ta nel film The Walk. Per al­le­nar­si han­no pas­sa­to in­sie­me ot­to gior­ni. Nel fie­ni­le del­la ca­sa di cam­pa­gna di Pe­tit nei mon­ti Ca­tskill, Sta­to di New York, c’era­no due fu­ni te­se a tre me­tri di al­tez­za ma an­che una la­va­gna: «Ci scri­ve­va­mo i no­mi evo­ca­ti nel cor­so del­le no­stre con­ver­sa­zio­ni», ri­cor­da Gor­don-Le­vitt. «Bu­ster Kea­ton, Bru­ce Lee, Glenn Gould. E poi sul­la stes­sa ri­ga ab­bia­mo se­gna­to i no­mi del­le per­so­ne che ab­bia­mo per­so. Cor­dia Gyp­sy, la fi­glia di Pe­tit (che mo­rì a 9 an­ni e mez­zo di un’emor­ra­gia ce­re­bra­le, ndr). E Dan, mio fra­tel­lo mag­gio­re, che se n’è an­da­to all’im­prov­vi­so cin­que an­ni fa». Le Tor­ri ge­mel­le se ne so­no an­da­te 14 an­ni fa, e fa ef­fet­to ri­ve­der­le per­fet­ta­men­te ri­co­strui­te sul­lo scher­mo gi­gan­te. Per chi le ha co­no­sciu­te quan­do era­no an­co­ra in pie­di è un po’ co­me guar­da­re un fil­mi­no di fa­mi­glia, ma in Imax e in 3D, e per di più di­ret­to da Ro­bert Ze­mec­kis che – tra For­re­st Gump e Ri­tor­no al fu­tu­ro – ha una cer­ta di­me­sti­chez­za con il ri­por­ta­re al­la vi­ta quel­lo che sem­bra per­du­to. «Avrei la­vo­ra­to a qual­sia­si film di­ret­to da Ze­mec­kis, ma que­sto ha un si­gni­fi­ca­to par­ti­co­la­re per me, per­ché par­la an­che di quel­lo che ab­bia­mo per­so», di­ce Gor­don-Le­vitt. «Quan­do pian­gi una per­so­na ama­ta non ti con­cen­tri so­lo sul­la sua mor­te ma ce­le­bri an­che la sua vi­ta, e lo stes­so con le Tor­ri: ri­cor­do per­fet­ta­men­te il gior­no dell’at­tac­co, è una tra­ge­dia vi­vi­da nel­la mia me­mo­ria, ma cre­do sia pu­re im­por­tan­te rie­vo­ca­re le co­se bel­le le­ga­te al­la lo­ro pre­sen­za». Mi rac­con­ta che quan­do le Tor­ri so­no ca­du­te lui era a New York, do­ve stu­dia­va fran­ce­se e let­te­ra­tu­ra al­la Co­lum­bia Uni­ver­si­ty: una pau­sa di ri­fles­sio­ne in una car­rie­ra ini­zia­ta da gio­va­nis­si­mo. Ni­po­te di Mi­chael Gor­don, un gran­de re­gi­sta di Hol­ly­wood fi­ni­to nel­le li­ste ne­re del mac­car­ti­smo, Gor­don-Le­vitt ha in­ter­pre­ta­to il suo pri­mo film a 6 an­ni e poi è di­ven­ta­to fa­mo­so con la sit­com Una fa­mi­glia del ter­zo ti­po. Al ci­ne­ma ha la­vo­ra­to in ko­los­sal co­me In­cep­tion e in pic­co­li film in­di­pen­den­ti co­me Don Jon, da lui di­ret­to. Ma il pro­get­to che gli sta più a cuo­re è quel­lo che ha ini­zia­to col fra­tel­lo Dan pri­ma che mo­ris­se: si chia­ma Hi­tRe­cord ed è una ca­sa di pro­du­zio­ne che per­met­te a tut­ti – at­tra­ver­so un si­to web – di col­la­bo­ra­re ai film, ai li­bri e agli al­tri pro­get­ti che por­ta avan­ti. Per­ché que­sto film sul­la cam­mi­na­ta tra le Tor­ri ge­mel­le ha fat­to riaf­fio­ra­re co­sì tan­to il ri­cor­do di suo fra­tel­lo? «Per­ché Dan amò tan­tis­si­mo il do­cu­men­ta­rio sull’im­pre­sa di Phi­lip­pe che vin­se l’Oscar nel 2009, Man on Wi­re - Un uo­mo tra le Tor­ri. Mio fra­tel­lo era un gio­co­lie­re spe­cia­liz­za­to nel ma­neg­gia­re ba­sto­ni in­fuo­ca­ti, il suo no­me di sce­na era Bur­ning Dan, ma era an­che un in­se­gnan­te, e ai suoi alun­ni di­ce­va spes­so di ri­cor­dar­si di re­spi­ra­re. Me l’ero di­men­ti­ca­to fi­no al mo­men­to in cui Phi­lip­pe Pe­tit si è vol­ta­to ver­so di me sul­la fu­ne che sta­va­mo

per­cor­ren­do as­sie­me e mi ha det­to: “Re­spi­ra”. È sta­to un mo­men­to ma­gi­co, per me po­ten­tis­si­mo. Mi so­no re­so con­to di quan­to di mio fra­tel­lo ci fos­se in Phi­lip­pe: en­tram­bi ot­ti­mi­sti, en­tram­bi con­vin­ti che se cre­di ve­ra­men­te in qual­co­sa la puoi rea­liz­za­re, che nul­la è im­pos­si­bi­le». Il film ini­zia con una do­man­da cui an­co­ra og­gi è dif­fi­ci­le da­re una ri­spo­sta: per­ché? Per­ché ri­schia­re la vi­ta per cam­mi­na­re tra le Tor­ri? «Quan­do i gior­na­li­sti glie­lo chie­se­ro su­bi­to do­po la cam­mi­na­ta, Pe­tit dis­se che un per­ché non esi­ste: ave­va vi­sto un po­sto bel­lis­si­mo do­ve ap­pen­de­re la sua fu­ne e non ave­va sa­pu­to re­si­ste­re. Cre­do vo­glia di­re che ci so­no al­cu­ne co­se nel­la vi­ta che non pos­so­no es­se­re spie­ga­te. Co­me quan­do ti in­na­mo­ri: puoi fa­re un elen­co di tut­te le ra­gio­ni per cui è suc­ces­so, ma nes­su­na ba­sta a spie­gar­lo. Pe­rò quel­lo di Pe­tit non fu un gesto istin­ti­vo: l’idea nac­que quan­do vi­de una fo­to del­le Tor­ri in co­stru­zio­ne sul gior­na­le. Pre­se una ma­ti­ta e di­se­gnò una li­nea ret­ta a unir­le. Poi ci vol­le­ro me­si di pre­pa­ra­zio­ne, e una squa­dra di gen­te ad aiu­tar­lo. Co­sa che me lo ren­de an­co­ra più vi­ci­no, per­ché mi ri­cor­da il per­cor­so che ha por­ta­to me e mio fra­tel­lo a fon­da­re Hi­tRe­cord». Per­ché ave­te chie­sto la col­la­bo­ra­zio­ne di tut­ti nel­la vo­stra ca­sa di pro­du­zio­ne? Sem­bra qua­si un gesto an­ti-Hol­ly­wood. «Gra­zie, per me que­sto è un com­pli­men­to: l’idea è pro­prio di pren­de­re tut­ta l’at­ten­zio­ne che la gen­te ri­vol­ge a una ce­le­bri­ty co­me me e di­stri­buir­la, usar­la per fa­re qual­co­sa tut­ti in­sie­me in­ve­ce di la­scia­re che tut­to si spen­ga in un mo­men­to di nar­ci­si­smo. Ma cre­do che di­pen­da an­che da co­me so­no fat­to io: sin da pic­co­lo mi pia­ce­va mol­to sta­re sul pal­co a re­ci­ta­re, pe­rò odia­vo es­se­re vi­sto. Ri­cor­do che de­si­de­ra­vo ar­den­te­men­te che la re­gi­stra­zio­ne del­le mie pri­me ap­pa­ri­zio­ni in Tv bru­cias­se, che non ne re­stas­se più nien­te». È per que­sto che si pre­se quel­la pau­sa di ri­fles­sio­ne a New York? «Sì, per­ché que­sta cit­tà ti co­strin­ge a me­sco­lar­ti agli al­tri. Ora so­no mi­glio­ra­to, mi pia­ce che la gen­te ve­da quel­lo che fac­cio, pro­vo pia­ce­re nel con­di­vi­de­re il ri­sul­ta­to dei miei sfor­zi». Lei sa­rà pro­ta­go­ni­sta del nuo­vo film di Oli­ver Sto­ne su Ed­ward Sno­w­den, l’uo­mo che ha ri­ve­la­to il si­ste­ma di sor­ve­glian­za al­le­sti­to dal­le agen­zie di spio­nag­gio ame­ri­ca­no do­po l’11 set­tem­bre. Una coin­ci­den­za? «Per me c’è un col­le­ga­men­to an­co­ra più for­te, nel­la na­tu­ra dei per­so­nag­gi, per­ché an­che Sno­w­den as­so­mi­glia nell’ot­ti­mi­smo a Pe­tit. Sno­w­den la­vo­ra­va per la Na­tio­nal Se­cu­ri­ty Agen­cy al­le Ha­waii, gua­da­gna­va be­ne, avreb­be po­tu­to con­ti­nua­re co­sì se non aves­se avu­to una co­scien­za che gli ha im­po­sto di smet­te­re. Co­me Pe­tit, ha fat­to un gesto mol­to co­rag­gio­so spe­ran­do che pro­du­ces­se un ri­sul­ta­to per tut­ti». In­ter­pre­tar­lo ha cam­bia­to la sue idee po­li­ti­che? «Io non cre­do che la so­cie­tà del­la sor­ve­glian­za sia ne­ces­sa­ria­men­te un ma­le, ma so­no con­vin­to che il go­ver­no deb­ba es­se­re re­spon­sa­bi­le del­le pro­prie azio­ni se vio­la la Co­sti­tu­zio­ne, co­me in que­sto ca­so. E per­so­nal­men­te ho pau­ra che an­che la mia pri­va­cy pos­sa es­se­re vio­la­ta: ora met­to sem­pre del na­stro ade­si­vo sul­la vi­deo­ca­me­ra del com­pu­ter su cui la­vo­ro. Il pro­ble­ma non so­no so­lo le spie ma an­che le azien­de pri­va­te e gli hac­ker». So che è mol­to at­ten­to an­che al­la sua pri­va­cy, e che non par­la vo­len­tie­ri del­la sua vi­ta pri­va­ta, quin­di le chie­de­rò so­lo co­me sta ora che è ap­pe­na di­ven­ta­to pa­dre. «Gra­zie di aver­lo chie­sto in que­sto mo­do, mi per­met­te di ri­spon­der­le che an­che in que­sto so­no un po’ cam­bia­to. Ora rie­sco ad ac­cet­ta­re un po’ di più di es­se­re sem­pre sot­to lo sguar­do al­trui. Fa par­te del­la mia scel­ta di es­se­re un at­to­re. Ma mio fi­glio quel­la scel­ta per ora non l’ha an­co­ra fat­ta, quin­di sto mol­to at­ten­to a tu­te­la­re la sua pri­va­cy. Pen­si che non ab­bia­mo nep­pu­re an­nun­cia­to il suo no­me». Non è un po’ trop­po? «Ma non pen­sa che sa­reb­be al­tret­tan­to stra­no ar­ri­va­re all’età del­la ra­gio­ne e sco­pri­re che tut­ti san­no co­me sei per­ché tuo pa­dre ne ha par­la­to nel­le in­ter­vi­ste? Quin­di noi su di lui non di­cia­mo nien­te. Un gior­no de­ci­de­rà lui co­sa di­re di sé».

TEM­PO DI LET­TU­RA PRE­VI­STO: 9 MI­NU­TI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.