IL SOR­RI­SO È SER­VI­TO

Vanity Fair (Italy) - - #vanitysocial -

om’è la de­pres­sio­ne? L’ho stu­dia­ta nei libri, da stu­den­tes­sa di Psi­co­lo­gia, e l’ho let­ta tra le ri­ghe di gen­te che chie­de­va un aiu­to nell’ano­ni­ma­to. Ma quan­do toc­ca a noi pas­sa­re cri­si esi­sten­zia­li che non giu­sti­fi­ca­no pian­ti né pensieri di mor­te (per­ché no, non c’è al­cun ap­pa­ren­te mo­ti­vo per sta­re co­sì): come ci si de­fi­ni­sce? «Depressi» va be­ne? Mi sen­to in col­pa. Non ho mo­ti­vo di pian­ger­mi ad­dos­so, non ho vis­su­to trau­mi, né per­du­to per­so­ne a me ca­re. Ho ami­ci, un ra­gaz­zo, una vi­ta tran­quil­la, un buon pro­fit­to ac­ca­de­mi­co. Ep­pu­re, ep­pu­re c’è quel­la tri­stez­za in­fi­ni­ta che vie­ne dal­la con­sa­pe­vo­lez­za che in real­tà tut­to ciò che fac­cio, da quan­do mi sve­glio a quan­do va­do a dor­mi­re, è to­tal­men­te inu­ti­le. Di­scor­si, ri­sa­te, azio­ni: tut­to è fu­ti­le da trop­pi gior­ni. Nes­su­no, nep­pu­re il mio ra­gaz­zo, ve­de que­sto uo­mo ne­ro ac­can­to a me, che mi fa sen­ti­re co­sì pic­co­la, co­sì in­ca­pa­ce di fa­re al­cun­ché, co­sì so­la. Ora va­do a pre­pa­ra­re il sor­ri­so per la ce­na.

UNA RA­GAZ­ZA QUAL­SIA­SI

C

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.