AR­RI­VA­TA AL KUZU, HO SMES­SO

Set­te an­ni fa ha ini­zia­to la die­ta ve­ga­na. E a cu­ci­na­re, ma­ci­na­re ce­rea­li, so­sti­tui­re ci­bi, usa­re in­te­gra­to­ri. Fin­ché ha det­to ba­sta. Men­tre il mon­do fe­steg­gia il WORLD VE­GAN DAY, una scrit­tri­ce ci ha con­fes­sa­to la sua pa­ra­bo­la a ta­vo­la

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di FE­DE­RI­CA BO­SCO

ono di­ven­ta­ta ve­ga­na set­te an­ni fa in se­gui­to al­la let­tu­ra di un li­bro mol­to di­ret­to sul­le cru­del­tà ver­so gli ani­ma­li e sul dan­no del­le pro­tei­ne ani­ma­li al no­stro cor­po. Era lu­ne­dì. La do­me­ni­ca ero sta­ta al­la Sagra del cin­ghia­le a Vic­chio del Mu­gel­lo. Chiu­si il li­bro e di­ven­tai ve­ga­na. All’epo­ca ero pra­ti­ca­men­te so­la a in­tra­pren­de­re que­sto viag­gio. La tran­si­zio­ne da on­ni­vo­ra a ve­ga­na non fu fa­ci­le, ma nem­me­no co­sì dram­ma­ti­ca. La mia de­ci­sio­ne era tal­men­te gra­ni­ti­ca che non mi sfio­rò mai più l’idea di man­giar­mi una bi­stec­ca, il pro­ble­ma ve­ro era co­min­cia­re a cu­ci­na­re, da­to che la mia ali­men­ta­zio­ne fi­no a quel mo­men­to era ba­sa­ta qua­si esclu­si­va­men­te su bre­sao­la e sal­mo­ne. Una die­ta ve­ga­na non è di per sé si­no­ni­mo di ali­men­ta­zio­ne sa­na (io cam­pe­rei di pro­sec­co e focaccia), quin­di è sta­to ne­ces­sa­rio ca­pi­re qua­li ci­bi fos­se­ro mi­glio­ri da con­su­ma­re e in qua­li ab­bi­na­men­ti per non ave­re ca­ren­ze nu­tri­zio­na­li. E una vol­ta co­min­cia­ti a co­no­sce­re gli in­gre­dien­ti nuo­vi, ho po­tu­to to­glie­re lat­ti­ci­ni, car­ne, pe­sce, uo­va e mie­le. Sì, lo so, la do­man­da è: e co­sa mangi al­lo­ra? Tut­ti i ce­rea­li, tut­ti i legumi, la ver­du­ra, la frut­ta, i dol­ci sen­za lat­te e uo­va, i so­sti­tu­ti del­la car­ne, so­ia. La ve­ra dif­fi­col­tà è sta­ta spie­ga­re que­sta scel­ta ad ami­ci e pa­ren­ti, le bat­tu­te non si ri­spar­mia­va­no: «Hai de­ci­so di di­ven­ta­re in­fe­li­ce?», «Lo vuoi il pol­lo? Tan­to mi­ca è car­ne!». E io ri­spon­de­vo a suon di in­vi­ti a pran­zi e ce­ne, pur di di­mo­stra­re che la scel­ta ve­ga­na non com­por­ta­va chis­sà che sa­cri­fi­ci, ma si po­te­va­no ri­pro­dur­re tut­ti i piat­ti on­ni­vo­ri sen­za im­pat­to am­bien­ta­le e tos­si­co. E vai di chi­li con car­ne di sei­tan, ti­ra­mi­sù di to­fu, pol­pet­to­ne di so­ia, for­mag­gio di ana­car­di. Per an­ni non ho fat­to al­tro che cu­ci­na­re, era­va­mo in due, lui as­so­lu­ta­men­te de­vo­to al dio in­sac­ca­to, e io la ve­ga­na ta­le­ba­na eti­chet­ta-di­pen­den­te. Ma quan­do an­da­va­mo a ce­na fuo­ri lui era disperato, io gli di­ce­vo che non era un pro­ble­ma, che avrei man­gia­to qual­co­sa (spes­so broc­co­let­ti ri­pas­sa­ti e pa­ne e po­mo­do­ro!) e lui che mi ama­va mol­to era tri­ste. Nel frat­tem­po la con­sa­pe­vo­lez­za dell’im­pat­to del ci­bo sul cor­po si è fat­ta mas­sic­cia per tut­to il mon­do, tut­ti han­no ca­pi­to che la car­ne ros­sa è can­ce­ro­ge­na, che i lat­ti­ci­ni in­tos­si­ca­no e non so­no af­fat­to una buo­na fon­te di cal­cio, che i ci­bi in­du­stria­li ca­ri­chi di zuc­che­ri e con­ser­van­ti so­no il de­mo­nio. Ma pro­prio ora che il peg­gio è pas­sa­to, che al ri­sto­ran­te se di­ci che sei ve­ga­no ti pro­pon­go­no un me­nu com­ple­to in al­ter­na­ti­va ai so­li­ti tre con­tor­ni, e che tut­te le gran­di ca­te­ne di su­per­mer­ca­ti han­no una li­nea de­di­ca­ta,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.