IL COR­PO DI JA­MES BOND»

«FI­NI­TO IL FILM, HO MAN­GIA­TO E BE­VU­TO PER GIOR­NI, LI­BE­RO DAL­LE RE­GO­LE DA RI­SPET­TA­RE PER AVE­RE

Vanity Fair (Italy) - - Copertina -

E dun­que Spec­tre, che esce il 5 no­vem­bre, sa­rà l’ul­ti­mo film in cui ve­dre­mo Da­niel Craig nel­lo smo­king di Ja­mes Bond? Me lo chie­do, men­tre Craig si sie­de di fron­te a me e la do­man­da re­sta per aria, per tut­to il tem­po del no­stro in­con­tro. Do­ves­si ri­spon­de­re ba­san­do­mi sul suo lin­guag­gio del cor­po, di­rei che pos­sia­mo an­che sa­lu­ta­re que­sto 007 e che con Spec­tre l’era Craig è bel­la e fi­ni­ta. Sta se­du­to sco­mo­do, al li­mi­te estre­mo del­la se­dia, come in equi­li­brio pre­ca­rio e con una gran vo­glia di fa­re in fret­ta e scap­pa­re. Ho in­ter­vi­sta­to Craig di­ver­se vol­te. An­che «in borghese», an­che quan­do non è in sce­na come Bond, ha to­ni de­ci­si e fra­si sec­che. Non l’ho mai vi­sto co­sì agi­ta­to, la par­lan­ti­na ve­lo­ce e un po’ trop­po al­le­gra in­du­ce il so­spet­to che vo­glia evi­ta­re di en­tra­re nel me­ri­to di que­sta vi­cen­da sul fu­tu­ro dei film con l’agen­te se­gre­to più fa­mo­so del mon­do, sul fu­tu­ro del­la sua car­rie­ra, sul­lo sta­to dell’ar­te del suo con­trat­to. La sen­sa­zio­ne è che le co­se stia­no un po’ come gli dice uno dei per­so­nag­gi di Spec­tre: «Lei è un aqui­lo­ne che dan­za sot­to un ura­ga­no, mi­ster Bond». Die­ci an­ni fa, quan­do ven­ne scel­to dal­la Eon, sto­ri­ca ca­sa pro­dut­tri­ce dei Bond­mo­vies, per quat­tro film, il mon­do era pa­rec­chio di­ver­so. Nel 2005 na­sce­va You­Tu­be, mo­ri­va un Papa (Ka­rol Wo­j­ty­la) e se ne fa­ce­va un al­tro (Jo­se­ph Ra­tzin­ger). L’Oscar lo vin­se Hi­la­ry Swank, l’ura­ga­no Ka­tri­na de­va­stò New Orleans e il ci­cli­sta Lan­ce Arm­strong si por­tò a ca­sa la settima ma­glia gial­la come vin­ci­to­re del Tour de Fran­ce. Era un im­bro­glio­ne. Ma in quel mo­men­to pia­ce­va a tut­ti. Da­niel Craig, in­ve­ce, non pia­ce­va a nes­su­no. La no­ti­zia che sa­reb­be sta­to il se­sto Bond del­la sto­ria, quel­lo nuo­vo do­po Pier­ce Bro­snan, ir­ri­ta­va. Fioc­ca­va­no com­men­ti ne­ga­ti­vi sot­to gli ar­ti­co­li dei gior­na­li online e sui blog. E per for­tu­na che non c’era Twit­ter, al­tri­men­ti sai la piog­gia ra­dioat­ti­va di ha­sh­tag. Mai tan­ta gen­te si è co­per­ta di ri­di­co­lo come in quel pe­rio­do, vi­sto che una del­le più for­ti ar­go­men­ta­zio­ni con­tro Craig era «è bion­do» (le al­tre: «trop­po gio­va­ne» e «trop­po ru­de»). Ai tem­pi, lo ri­cor­do per tee­na­ger e di­strat­ti, c’era an­che un for­te par­ti­to pro Cli­ve Owen: «Lui sì che sa­reb­be un gran­de Bond». A ri­pen­sar­ci, vie­ne da ri­de­re. In se­gui­to, Owen ha an­che in­ter­pre­ta­to un pa­io di per­so­nag­gi «bon­de­schi» in due film mol­to si­mi­li, The In­ter­na­tio­nal e Duplicity, en­tram­bi di­men­ti­ca­ti: han­no fat­to la fi­ne di Mys­pa­ce. Il bion­do Craig, in­ve­ce, se ne an­drà come uno dei mi­glio­ri Bond del­la sto­ria, co­lui che ha ri­lan­cia­to sa­ga e per­so­nag­gio, rein­ven­tan­do qual­co­sa che non sem­bra­va rein­ven­ta­bi­le. Spec­tre è usci­to da po­chi gior­ni in Inghilterra e le re­cen­sio­ni so­no mol­to po­si­ti­ve. Inol­tre, tut­ti – dal Fi­nan­cial Ti­mes a Va­rie­ty – scri­vo­no: «Craig è la co­sa mi­glio­re sul­lo scher­mo, come sem­pre». Com­pli­men­ti sin­ce­ri, ma an­che con­sa­pe­vo­li che si è vi­ci­ni al con­ge­do. Quan­do av­ver­rà? Al mo­men­to dell’in­ter­vi­sta che se­gue, lui ha dichiarato «fin­ché mi chie­do­no di far­lo, io ci so­no». Più di re­cen­te, avreb­be det­to «piut­to­sto che far­ne un al­tro mi spac­co un pol­so». Sky­fall è il film in­gle­se che ha in­cas­sa­to più sol­di di sem­pre. Im­ma­gi­no che que­sto ab­bia mes­so un bel po’ di pres­sio­ne sul pro­get­to di Spec­tre. «Tut­ti, a par­ti­re da Sam (Men­des, il re­gi­sta di en­tram­bi i film, ndr), ab­bia­mo da­to il mas­si­mo. Ab­bia­mo cer­ca­to i col­la­bo­ra­to­ri mi­glio­ri su piaz­za e ci sia­mo sfor­za­ti di su­pe­ra­re noi stes­si. Poi, se que­sto ne fa un buon film, lo de­ci­de­rà il pub­bli­co».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.