F ERD INANDO C O T UGNO

Vanity Fair (Italy) - - Week Simultaneista -

Sta bat­ten­do un re­cord mondiale: Bri­git­ta Sin­ka, 87 an­ni, un­ghe­re­se, dal 1950 ha gio­ca­to 12.600 par­ti­te in si­mul­ta­nea, spes­so con stu­den­ti. Qui, è in una scuo­la

di Bu­da­pe­st. or­se non di­ven­te­re­mo un popolo di scac­chi­sti come ar­me­ni o rus­si ma, se ave­te fi­gli pic­co­li, avre­te pre­sto a che fa­re con tor­ri e pe­do­ni, quin­di è me­glio pre­pa­rar­si da su­bi­to. Il mi­ni­ste­ro dell’Istruzione ha dif­fu­so la settimana scor­sa una «cir­co­la­re scacchi» per por­tar­li in mo­do coor­di­na­to nel­le scuo­le. «Si mi­glio­ra in ma­te­ma­ti­ca, au­men­ta­no le ca­pa­ci­tà lo­gi­che e di ana­li­si dei pro­ble­mi, ma so­prat­tut­to gli scacchi aiu­ta­no la con­cen­tra­zio­ne: quan­do un bam­bi­no im­pa­ra a im­mer­ger­si per ore nel flus­so di una par­ti­ta, an­che il mo­do di stu­dia­re cam­bia», spie­ga Car­la Mir­co­li, istruttrice del­la Fe­de­ra­zio­ne scac­chi­sti­ca ita­lia­na. Per­ché in mol­ti isti­tu­ti gli scacchi si in­se­gna­no già. A lei ab­bia­mo chie­sto un po’ di con­si­gli su come es­se­re una « chess mom » con­sa­pe­vo­le. A che età si co­min­cia? «Al­la fi­ne del­la scuo­la per l’in­fan­zia, pri­ma di aver im­pa­ra­to a leg­ge­re e a scri­ve­re. Il con­si­glio è as­so­cia­re pic­co­le favole ai pez­zi de­gli scacchi, e poi del­le emozioni: quan­do può man­gia­re un pez­zo la tor­re è fe­li­ce, quan­do è in­trap­po­la­ta è tri­ste. Poi con la scuo­la pri­ma­ria im­pa­re­ran­no le re­go­le ba­se e po­tran­no fa­re le pri­me par­ti­te». Tut­ti i bam­bi­ni pos­so­no gio­ca­re a scacchi? «As­so­lu­ta­men­te tut­ti. An­che quel­li ipe­rat­ti­vi o di­strat­ti du­ran­te le spie­ga­zio­ni teo­ri­che, quan­do so­no di fron­te al­la scac­chie­ra si ap­pas­sio­na­no. Esi­sto­no scac­chie­re per i non ve­den­ti. E in ge­ne­ra­le por­ta­no van­tag­gi a tut­ti quel­li con di­sa­gi a scuo­la». é ve­ro che gli scacchi pos­so­no es­se­re usa­ti an­che in chia­ve an­ti-bul­li­smo? «Sì, per­ché sti­mo­la­no nel po­ten­zia­le bul­lo il ri­spet­to del­le re­go­le, spin­go­no a met­ter­si nei panni de­gli al­tri, a ca­pi­re il lo­ro pun­to di vi­sta, le lo­ro sen­sa­zio­ni. E al­le po­ten­zia­li vit­ti­me di bul­li­smo in­se­gna­no a par­la­re, a di­re ad al­ta vo­ce se qual­cu­no ha im­bro­glia­to, se non ha ri­spet­ta­to le re­go­le del gio­co, se è sta­to scor­ret­to». In che mo­do un ge­ni­to­re pu˜ ca­pi­re da su­bi­to se ha di fron­te un ta­len­to? «Ne­gli scacchi non conta il ta­len­to, ma lo stu­dio. Se ave­te un fi­glio i cui oc­chi si il­lu­mi­na­no quan­do fa scac­co mat­to, se, quan­do è fi­ni­ta la sua par­ti­ta, va a ve­de­re quel­le de­gli al­tri, quel­lo è un po­ten­zia­le ve­ro ap­pas­sio­na­to, che pas­se­rà ore a stu­dia­re, e quin­di è un po­ten­zia­le cam­pio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.