Come nei di­se­gni di un bam­bi­no

Ne­gli an­ni ’80 e ’90 era jaz­zi­sta, at­to­re nei film di Jim Jar­mu­sch e non so­lo. Ora JOHN LU­RIE fa qua­dri istin­ti­vi: non pro­va­te a chie­der­gli qual è il lo­ro si­gni­fi­ca­to

Vanity Fair (Italy) - - In Mostra - Di CHIA­RA MEATTELLI

he John Lu­rie ci ac­col­ga nel suo ap­par­ta­men­to di do­wn­to­wn Ma­n­hat­tan è un even­to sor­pren­den­te. In­nan­zi­tut­to per­ché dei gior­na­li­sti non si fida, con lo­ro co­mu­ni­ca so­lo via mail. E poi per­ché di qui pas­sa di ra­do, vi­ven­do da di­ver­si an­ni in un’iso­let­ta dei Ca­rai­bi. Dal­la fi­ne de­gli an­ni ’70, quan­do con l’ami­co Jean-Michel Ba­squiat tra­scor­re­va ogni se­ra­ta al Mudd Club, fi­no agli ini­zi del 2000, Lu­rie era con­si­de­ra­to il «re del cool» di New York City. Fon­da­to­re e sas­so­fo­ni­sta del ge­nia­le grup­po jazz d’avan­guar­dia Loun­ge Li­zards, idea­to­re del­la sur­rea­le se­rie Tv del 1991 Fi­shing with John, in cui lo ve­dia­mo pe­sca­re in gi­ro per il mon­do con Den­nis Hop­per, Tom Wai­ts e Wil­lem Da­foe, at­to­re-mu­sa per Jim Jar­mu­sch (da Stran­ger than Pa­ra­di­se a Daun­bai­lò), e at­to­re in cult come Cer­ca­si Su­san di­spe­ra­ta­men­te o Cuo­re sel­vag­gio, Lu­rie spa­rì dal­le sce­ne do­po ave­re con­trat­to la ma­lat­tia di Ly­me (mol­to in­fet­ti­va, ini­zia con un eri­te­ma cu­ta­neo e può ave­re com­pli­can­ze neu­ro­lo­gi­che). «Mol­te per­so­ne che con­si­de­ra­vo ami­ci so­no spa­ri­te dal­la mia vi­ta, mi ha spez­za­to il cuo­re ca­pi­re che per lo­ro si

Ctrat­ta­va so­lo di bu­si­ness » , spie­ga il po­lie­dri­co ar­ti­sta ame­ri­ca­no, che da al­lo­ra si è de­di­ca­to al­la pit­tu­ra. «Pri­ma per no­ia, poi è di­ven­ta­ta una fac­cen­da se­ria, fin­ché ho sen­ti­to di ave­re del tut­to tra­sfor­ma­to il mio im­pul­so mu­si­ca­le nei miei di­pin­ti». Quan­do ha ini­zia­to a di­pin- ge­re? «A due an­ni, come tut­ti, so­lo che non ho mai smes­so. In­se­guo an­co­ra l’in­ge­nui­tà e la ma­gia che si ce­la­no nei di­se­gni di un bam­bi­no. De­vo rin­gra­zia­re mia ma­dre, un’ar­ti­sta, se pos­so te­ne­re una porta aper­ta ver­so quel mon­do che per la mag­gior par­te de­gli adulti è chiu­so per sem­pre. Ma non sa­prei spie­gar­le come ci sia riu­sci­ta». Come pit­to­re lei • au­to­di­dat-

ta, e lo • an­che come mu­si­ci- sta e at­to­re. «Le ra­gio­ni che mi spin­go­no a di­pin­ge­re so­no del tut­to istin­ti­ve. Se di­ven­tas­si uno di que­gli ar­ti­sti che ven­ti­la ar­ro­gan­ti teo­rie sui si­gni­fi­ca­ti del­le pro­prie ope­re, spa­ra­te­mi pu­re in te­sta». Ce lÕ­ha con qual­cu­no? «No. Ma non sop­por­to chi pro­muo­ve e di­fen­de quel­la as­sur­da mer­da di pla­sti­ca che ci ven­do­no come “ar­te im­por­tan­te” ( e non ri­spon­de quan­do gli chie­dia­mo a chi si ri­fe­ri­sce, ndr)». Ascol­ta mu­si­ca men­tre di­pin- ge? «È suc­ces­so so­lo una vol­ta. La ma­lat­tia di Ly­me ha dan­neg­gia­to il mio si­ste­ma neu­ro­lo­gi­co e ora la mu­si­ca ha per me un ef­fet­to si­mi­le a del­le un­ghie che graf­fia­no una la­va­gna, se non peg­gio». Usa ti­to­li e sim­bo­li pro­vo­ca-

to­ri: • il suo mo­do di fa­re po- li­ti­ca? «Odio la po­li­ti­ca, an­che se re­sto sin­to­niz­za­to con il mon­do. E se no­to un’in­giu­sti­zia ne par­lo sui so­cial. Ma non vo­glio che quel­lo fi­ni­sca nel­le mie te­le: l’uni­ca co­sa che mi in­te­res­sa di­pin­ge­re è ciò che vi­vo­no gli es­se­ri uma­ni sul pia­ne­ta Ter­ra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.