Sia­mo una fa­mi­glia bel­lis­si­ma, ma PEN­SO A UN AL­TRO

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino Vanity -

più tut­to) an­dar­se­ne o ri­ma­ne­re? Da ma­schio ho una na­tu­ra­le pre­di­le­zio­ne, al­me­no in una pri­ma fa­se, per le so­lu­zio­ni in­ter­me­die che qual­che ma­li­gno po­treb­be de­fi­ni­re am­bi­gue e vi­gliac­che. E lo so­no, in ef­fet­ti. Pe­rò han­no l’in­du­bi­ta­bi­le pre­gio di es­se­re cu­ci­te ad­dos­so al­le im­per­fe­zio­ni del­la na­tu­ra uma­na sen­za pre­ten­de­re di rad­driz­zar­la. Non ser­ve un con­sul­to tra Freud e Jung per ca­pi­re che tu non ami più tuo ma­ri­to. Gli vuoi an­co­ra mol­to be­ne e i suoi pro­ble­mi di sa­lu­te ti­til­la­no in te il sen­so del fuo­ri dal ma­tri­mo­nio e le fem­mi­ne so­no sta­te co­stret­te a sof­fo­ca­re per mil­len­ni, come un ca­pric­cio iste­ri­co o una li­cen­za mo­ra­le. La vi­ta è un’espe­rien­za in­di­vi­dua­le. È sem­pre tri­ste ri­cor­dar­lo, pe­rò è la ve­ri­tà. Un’espe­rien­za in­di­vi­dua­le da spe­ri­men­ta­re con gli al­tri e que­sto la ren­de me­ra­vi­glio­sa. Ma nel cor­so dell’esi­sten­za si cam­bia­no in­te­res­si, pas­sio­ni, obiet­ti­vi. Nel­la mi­glio­re del­le ipo­te­si si evol­ve. Nel­la peg­gio­re, si pre­ci­pi­ta. In ogni ca­so si cam­bia. E non si rie­sce qua­si mai a cam­bia­re in sin­cro­no con lo stes­so part­ner. Da qui na­sco­no le rot­tu­re e pri­ma an­co­ra gli ac­co­mo­da­men­ti: av­ven­tu­re, amo­raz­zi, amo­ris­si­mi, dop­pie e tri­ple vi­te. L’idea di sfa­scia­re l’equi­li­brio fa­mi­lia­re che hai co­strui­to in tan­ti an­ni di la­vo­ro du­ro è una pro­spet­ti­va che ti sgo­men­ta. E pe­rò, am­met­ti­lo, ti elet­triz­za. Ti fa sen­ti­re vi­va. Que­sto è il tuo pro­ble­ma, ades­so. Sen­tir­ti vi­va. Bi­so­gna sa­pe­re re­si­ste­re al­le ten­ta­zio­ni, ri­spon­de una par­te di te (e di me). Ma un’al­tra par­te di te (e di me) si chie­de: per­ché? Sof­fo­ca­re un istin­to na­tu­ra­le e sa­no re­sti­tui­rà for­se la pas­sio­ne al tuo ma­tri­mo­nio o non ti ren­de­rà sol­tan­to più ner­vo­sa, in­fe­li­ce e mal­di­spo­sta an­che ver­so tuo ma­ri­to e i tuoi fi­gli? Non ti il­lu­de­re: qua­lun­que bi­so­gno ve­ro che ri­ma­ne in­sod­di­sfat­to de­ter­mi­na un vuo­to che pri­ma o poi qual­cu­no o qual­co­sa si in­ca­ri­che­rà di riem­pi­re. Si cam­mi­na sem­pre sul fi­lo, ca­ra mia, tra lo sfa­scio e l’esta­si. È un gio­co com­ples­so, tor­men­ta­to, af­fa­sci­nan­te. Si chia­ma vi­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.