TI SEN­TI BE­NE?»

«CON CLOO­NEY, PITT, DA­MON, NON FA­CE­VA­MO AL­TRO CHE PREN­DER­CI IN GI­RO. POI RI­MAN­GO IN­CIN­TA E, DI COL­PO, TUT­TI IN­CO­MIN­CIA­NO A CHIE­DER­MI:

Vanity Fair (Italy) - - Pretty Vanity -

C’è una co­sa che so­gna di fa­re da mol­to tem­po? «Un pa­io di cal­ze fat­te a ma­glia. È che non ho an­co­ra ca­pi­to co­me si la­vo­ra il tal­lo­ne. Le cal­ze so­no dif­fi­ci­li». Qua­li aspet­ti del­la sua edu­ca­zio­ne sta cer­can­do di tra­smet­te­re ai suoi fi­gli? «Mia ma­dre la­vo­ra­va tan­tis­si­mo, fuo­ri ca­sa e in ca­sa. Era una cuo­ca fe­no­me­na­le, fa­ce­va tut­to con le sue ma­ni. Ca­sa no­stra era sem­pre in or­di­ne, i no­stri ve­sti­ti sem­pre pu­li­ti. Le fac­cen­de do­me­sti­che mi pro­cu­ra­no mol­ta gio­ia». Aves­se 18 an­ni, sce­glie­reb­be di nuo­vo que­sto me­stie­re? «No, non cre­do che ce la fa­rei. For­se per­ché non ho più quell’età e quell’ener­gia, ma mi sem­bra tut­to fa­ti­co­sis­si­mo». Che co­sa pen­sa del­la cor­sa al­la pre­si­den­za di Hil­la­ry Clin­ton? «È un ar­go­men­to com­ples­so (Ju­lia vuo­le ma­ni­fe­sta­re il suo so­ste­gno sen­za di­chia­rar­lo uf­fi­cial­men­te, ndr) per me che so­no una don­na di og­gi, con una fa­mi­glia e un la­vo­ro… Non di­co che lei sa­reb­be “la pre­si­den­te del­le don­ne”, ma tro­vo che il suo pun­to di vi­sta sia fon­da­men­ta­le, in un mo­men­to sto­ri­co nel qua­le rap­pre­sen­tia­mo il 51 per cen­to del­la po­po­la­zio­ne mondiale, e tut­to som­ma­to un cer­to spo­sta­men­to cul­tu­ra­le non è an­co­ra av­ve­nu­to. Mi pia­ce­reb­be mol­to ve­de­re che co­sa avreb­be da of­fri­re, una vol­ta al­la gui­da di que­sto Pae­se». La Ro­berts con il ma­ri­to Dan­ny Mo­der, 46 an­ni,

e i fi­gli: Hen­ry, 8, Phin­naeus e Ha­zel, 10. A de­stra, con Chi­we­tel

Ejio­for, 38, e Ni­co­le Kid­man, 48, nel Se­gre­to

dei suoi oc­chi. A Hol­ly­wood, un pa­io di con­qui­ste fem­mi­ni­li Ju­lia Ro­berts le ha mes­se a se­gno. È sta­ta la pri­ma at­tri­ce a gua­da­gna­re ven­ti mi­lio­ni di dol­la­ri per un film: era Erin Broc­ko­vi­ch. Ed è sta­ta la pri­ma, nel­la sua ge­ne­ra­zio­ne, a en­tra­re sen­za com­ples­si nel club go­liar­di­co dei divi uo­mi­ni. Di re­cen­te, per esem­pio, è an­da­ta con la fa­mi­glia a tro­va­re i Cloo­ney sul la­go di Co­mo. Che ti­po di ami­co è Geor­ge? «Be’, io so­no un po’ co­me la so­rel­li­na mi­no­re che ti tra­sci­ni die­tro, quel­la che di­ce sem­pre: ehi, aspet­ta, ci so­no an­ch’io». «Era­va­mo un grup­po di ami­ci», di­ce a pro­po­si­to dei suoi co­pro­ta­go­ni­sti in Ocean’s Ele­ven (e Twel­ve), fra i qua­li c’era­no Cloo­ney, Matt Da­mon e Brad Pitt. «Mi ri­cor­do un gior­no, men­tre ero in­cin­ta di Phinn e Ha­zel. Sta­vo pas­seg­gian­do per un via­let­to a ca­sa di Geor­ge, e svol­tan­do l’an­go­lo ho vi­sto i ra­gaz­zi che pran­za­va­no tut­ti insieme se­du­ti a ta­vo­la. Han­no co­min­cia­to a dirmi: “Dai, vie­ni qui, sie­di­ti”. Mi vie­ta­va­no di sa­li­re le sca­le. È sta­to un cam­bia­men­to mol­to te­ne­ro, per il ti­po di rap­por­to che ave­va­mo. Ini­zial­men­te non si fa­ce­va che scher­za­re e pren­der­si in gi­ro. Poi di col­po ri­man­go in­cin­ta, e al­lo­ra tut­ti co­min­cia­no a spo­star­mi la se­dia dal ta­vo­lo, a rab­boc­car­mi il bic­chier d’ac­qua, a chie­der­mi: “Ti sen­ti be­ne? Mi sem­bri un po’ stan­ca”». È ve­ro: in Ju­lia Ro­berts c’è qual­co­sa che ispi­ra la gen­ti­lez­za. Si pre­sen­ta in an­ti­ci­po per l’intervista e con­trol­la il te­le­fo­no so­lo una vol­ta. Quan­do ve­de che a chia­mar­la non so­no i fi­gli, an­nun­cia che chiun­que sia «ver­rà igno­ra­to». È al­ler­gi­ca agli sfog­gi di va­ni­tà. «Quan­do guar­do al­la Tv gli Oscar o co­se si­mi­li, e ve­do tut­ta quel­la gen­te che fa le pi­roet­te e si met­te in po­sa, pen­so: Dio, quan­to mi pia­ce­reb­be es­ser­ne ca­pa­ce! I fo­to­gra­fi ti chia­ma­no: “Di qua! Di qua!”, e io mi di­co: no che non mi gi­ro! In­som­ma, mi sen­to una per­fet­ta im­be­cil­le. Ep­pu­re, den­tro di me, vor­rei tan­to riu­scir­ci. Non ce la fac­cio, ma al­la fi­ne ogni gior­no può es­se­re per­fet­to», con­clu­de, os­ser­van­do l’ocea­no. «Ba­sta guar­dar­lo dall’an­go­la­zio­ne giu­sta».

(tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

Pagg. 90-91: dol­ce­vi­ta, Pagg. 92-93: blusa e pantaloni ri­ca­ma­ti,

Sto­la, Ma­ke-up Ge­ne­vie­ve Herr using Lan­cô­me. Hair Serge Nor­mant

per Serge Nor­mant Sa­lon. Ma­ni­cu­re Li­sa Jach­no.

Col­lec­tion. Vic­to­ria Bec­kham.

Mi­chael Kors De­nis Co­lomb Lifestyle.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.