Tan­te si adat­ta­no. io no»

«È al­lu­ci­nan­te. gli uo­mi­ni non si com­por­ta­no più da gen­ti­luo­mi­ni per non sem­bra­re smi­dol­la­ti.

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Good Girl -

una si­gno­ra, o an­che so­lo se sei gen­ti­le o af­fet­tuo­so con la tua ra­gaz­za da­van­ti agli ami­ci, que­sto ti ren­da me­no vi­ri­le. È al­lu­ci­nan­te. Non si com­por­ta­no da gen­ti­luo­mi­ni per non sem­bra­re de­gli smi­dol­la­ti. Tan­te ra­gaz­ze si so­no adat­ta­te a que­sta si­tua­zio­ne. Io no, e so­no an­che di­spo­sta ad aspet­ta­re in eter­no, se ne­ces­sa­rio. De­vi ri­ma­ne­re scot­ta­ta un po’ di vol­te, pri­ma di ca­pir­lo, ma al mo­men­to io mi aspet­to più di quel­lo che cer­ti uo­mi­ni so­no in gra­do di da­re. Ec­co per­ché ul­ti­ma­men­te non fac­cio più ses­so, e non ho nem­me­no fre­quen­ta­zio­ni ve­re e pro­prie. Cioè, ca­pi­ta an­che a me di es­se­re ar­ra­pa­ta. So­no sem­pre una don­na, il ses­so mi pia­ce. Ma co­sa do­vrei fa­re? Tro­va­re il pri­mo bel ra­gaz­zo con cui pen­so di po­ter pas­sa­re una bel­la not­ta­ta e il gior­no do­po sen­tir­mi vuo­ta e su­per­fi­cia­le? Lui a quel pun­to avreb­be un bell’aned­do­to da rac­con­ta­re, men­tre io sa­rei lì a chie­der­mi: “Ma co­sa sto fa­cen­do?”. La fa­ma c’en­tra, ma so­lo in mi­ni­ma par­te. Il pun­to è che so­no fat­ta pro­prio co­sì. Ed è que­sto a sal­var­mi». ihan­na – all’ana­gra­fe Ro­byn Ri­han­na Fen­ty – è cre­sciu­ta a Brid­ge­to­wn, la ca­pi­ta­le dell’iso­la di Bar­ba­dos. È cre­sciu­ta in una fa­mi­glia co­sì uni­ta che la sua pa­gel­la sco­la­sti­ca an­da­va mo­stra­ta per­fi­no agli zii, e se non era lei a por­tar­glie­la an­da­va­no lo­ro a ca­sa sua per ve­der­la. Tut­ti sa­pe­va­no tut­to di tut­ti, an­che co­me an­da­va­no i bam­bi­ni a scuo­la: i fal­li­men­ti non si po­te­va­no na­scon­de­re, li do­ve­vi af­fron­ta­re. Lei stu­dia­va i li­bri di te­sto a me­mo­ria (la ma­dre era se­ve­ris­si­ma in fat­to di vo­ti) e fa­ce­va sport con i fra­tel­li mi­no­ri Ror­rey e Ra­jad. L’os­ses­sio­ne per la mu­si­ca ri­sa­le pro­prio a quan­do era bam­bi­na: pri­ma il reg­gae di ar­ti­sti co­me Bar­ring­ton Le­vy e Be­res Ham­mond, poi Ma­riah Ca­rey, Cé­li­ne Dion e Whit­ney Hou­ston. La sua car­rie­ra è co­min­cia­ta nel 2004, quan­do due pro­dut­to­ri di­sco­gra­fi­ci ame­ri­ca­ni, Evan Ro­gers e Carl Stur­ken – en­tram­bi spo­sa­ti con don­ne di Bar­ba­dos – la sen­ti­ro­no can­ta­re a un’au­di­zio­ne, le fe­ce­ro re­gi­stra­re al­cu­ni de­mo e poi la por­ta­ro­no ne­gli Sta­ti Uni­ti, do­ve an­dò a vi­ve­re as­sie­me a Ro­gers e al­la sua fa­mi­glia a Stam­ford, in Con­nec­ti­cut. Nel 2005, a 16 an­ni, fe­ce un pro­vi­no da­van­ti all’al­lo­ra pre­si­den­te del­la Def Jam Re­cor­dings, L.A. Reid, all’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to Jay-Z e ai di­ri­gen­ti Jay Bro­wn e Ty­ran «Ty-Ty» Smi­th. Jay Bro­wn, che og­gi fa par­te di Roc Na­tion, la so­cie­tà che cu­ra il ma­na­ge­ment di Ri­han­na, ri­cor­da che era tut­ta ve­sti­ta di bian­co, con i ca­pel­li pet­ti­na­ti all’in­die­tro. Lei, in­ve­ce, so­stie­ne di es­ser­si pre­sen­ta­ta in jeans e sti­va­let­ti bian­chi e un top ade­ren­te tur­che­se, con i ca­pel­li on­du­la­ti e la ri­ga da una par­te, e di ave­re avu­to le sue pri­me «ex­ten­sion». Men­tre aspet­ta­va se­du­ta in cor­ri­do­io, ave­va vi­sto pas­sa­re JayZ, ed era an­da­ta tal­men­te nel pa­ni­co che ave­va fat­to in mo­do di non far­si ve­de­re. A sen­ti­re Ty-Ty, «quan­do è en­tra­ta e ha co­min­cia­to a can­ta­re, a col­pir­mi è sta­to il mo­do in cui mi guar­da­va, e il suo to­no di vo­ce. Era se­ris­si­ma». Ri­cor­da Jay-Z: «Ca­pi­sci su­bi­to se una per­so­na ha quel cer­to non so che, un’au­ra da star. È in­con­fon­di­bi­le». «Ave­va il fuo­co ne­gli oc­chi», di­ce Jay Bro­wn. Lei, pe­rò, non ne era con­scia: «Stia­mo par­lan­do di gen­te che la­vo­ra­va con i più gran­di ta­len­ti dell’in­du­stria di­sco­gra­fi­ca, e io ero giu­sto un se­mi­no ve­nu­to da un’iso­la lon­ta­na. An­che so­lo riu­sci­re a ot­te­ne­re un’au­di­zio­ne mi sem­bra­va una co­sa fuo­ri dal­la mia por­ta­ta. Ero ter­ro­riz­za­ta. Mi tre­ma­va­no le gam­be». Si era già sen­ti­ta di­re di no da un’al­tra ca­sa di­sco­gra­fi­ca, ma al­la Def Jam la vo­le­va­no, e lei, col suo av­vo­ca­to, ri­ma­se nel­la lo­ro se­de per do­di­ci ore, fi­no al­le tre del mat­ti­no quan­do fir­mò quel che an­co­ra og­gi de­fi­ni­sce «un ot­ti­mo con­trat­to». L’asce­sa di Ri­han­na, do­po, è sta­ta ra­pi­dis­si­ma. Pon de Re­play, un pez­zo dan­ce­hall ispi­ra­to ai suo­ni ca­rai­bi­ci, di­ven­ne su­bi­to una hit, apren­do la stra­da a SOS, Umb­rel­la, Ru­de Boy, On­ly Girl (in the World), We Found Lo­ve, Dia­monds e mol­ti al­tri. Da al­lo­ra, ha la­vo­ra­to sen­za so­sta, pub­bli­can­do set­te al­bum in set­te an­ni, e og­gi, a un de­cen­nio dal debutto, ha col­le­zio­na­to 54 mi­lio­ni di al­bum ven­du­ti, 13 sin­go­li nu­me­ro uno in clas­si­fi­ca e 210 mi­lio­ni di do­wn­load. a il 7 feb­bra­io del 2009, la se­ra pri­ma dei Gram­my e su­bi­to do­po il par­ty del pro­dut­to­re Cli­ve Da­vis, suc­ce­de una co­sa che le cam­bie­rà la vi­ta, e al­la qua­le pro­ba­bil­men­te ri­mar­rà per sem­pre as­so­cia­ta. L’al­lo­ra fi­dan­za­to, non­ché suo pri­mo amo­re, il can­tan­te R&B Chris Bro­wn, la ag­gre­di­sce men­tre si tro­va­no su una Lam­bor­ghi­ni a noleggio la­scian­do­la in­san­gui­na­ta e pie­na di li­vi­di sul bor­do del­la stra­da. Le fo­to del suo vi­so tu­me­fat­to fi­ni­sco­no nel­le ma­ni del si­to di gos­sip Tmz per ma­no di «una don­na mol­to cat­ti­va, per la qua­le un as­se­gno con­ta­va più di qual­sia­si prin­ci­pio mo­ra­le. Gli as­se­gni vin­co­no sem­pre sul­la mo­ra­le». Cin­que an­ni do­po, nel 2014, la pop­star vie­ne in qual­che mo­do coin­vol­ta nel­lo scan­da­lo Ray Ri­ce, il gio­ca­to­re di foot­ball ame­ri­ca­no im­mor­ta­la­to men­tre pren­de­va a pu­gni la fi­dan­za­ta in ascen­so­re: la Na­tio­nal Foot­ball Lea­gue e la Cbs de­ci­do­no di non usa­re Run This To­wn, la hit che Ri­han­na ave­va in­ci­so con Jay-Z e Ka­nye We­st, pri­ma del­la par­ti­ta del gio­ve­dì se­ra. Lei rea­gi­sce con rab­bia su Twit­ter e, se­con­do Jay-Z, «la sua rea­zio­ne era giu­sti­fi­ca­ta. La Nfl te­me­va fos­se un ele­men­to di di­stra­zio­ne, e lei si è chie­sta: “Ades­so pu­ni­te me per la fac­cen­da di Ri­ce?”». Le do­man­do se pen­sa che ri­mar­rà per sem­pre il sim­bo­lo del­le vit­ti­me di vio­len­ze do­me­sti­che. «Una co­sa che non ho mai ca­pi­to è per­ché sia­no le vit­ti­me quel­le che ven­go­no pu­ni­te all’in­fi­ni­to. Or­mai quel­la è una sto­ria che ap­par­tie­ne al pas­sa­to, e con que­sto non sto di­cen­do che bi­so­gna di­men­ti­car­la, per­ché la que­stio­ne è mol­to se­ria e at­tua­le. Mol­te don­ne e bam­bi­ne, ma an­che bam­bi­ni, la stan­no vi­ven­do pro­prio in que­sto mo­men­to. Non è un ar­go­men­to che si può na­scon­de­re sot­to il tap­pe­to, e non pos­so cer­to li­qui­dar­lo di­cen­do “non è nien­te”. Ma io, co­sì co­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.