So­no Mi­ster Ga­ga, ma non co­no­sco La­dy

OHAD NA­HA­RIN, bal­le­ri­no e co­reo­gra­fo israe­lia­no, de­ve il so­pran­no­me al­la tec­ni­ca che ha in­ven­ta­to. La sua sto­ria, dal mi­li­ta­re ai fa­na­ti­ci di og­gi, ades­so è un film. Che fa­vo­ri­sce il dia­lo­go

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MA­RI­NA CAP­PA

i tor­co­no co­me ser­pen­ti, crol­la­no a ter­ra, si ac­car­toc­cia­no. Li gui­da nei suoi spet­ta­co­li Ohad Na­ha­rin (a de­stra), 63 an­ni, bal­le­ri­no e co­reo­gra­fo israe­lia­no, pro­ta­go­ni­sta del film che inau­gu­ra il Fe­sti­val dei Po­po­li di Fi­ren­ze: Mr. Ga­ga, di To­mer Hey­mann. At­ten­zio­ne, pe­rò: «Mr.» non è la ri­spo­sta a «La­dy». «Amo La­dy Ga­ga, mi pia­ce in sce­na. Ma io so­no ar­ri­va­to pri­ma. Ga­ga è il no­me del­la mia tec­ni­ca di mo­vi­men­to», spie­ga. La tec­ni­ca ha con­qui­sta­to an­che Na­ta­lie Port­man, che de­can­ta «la ca­pa­ci­tà at­tra­ver­so la dan­za di cu­ra­re le fe­ri­te dell’ani­mo». D’al­tra par­te, di­ce Ohad, «do­lo­re e pia­ce­re con­vi­vo­no in me, nel mio cor­po». Ci con­vi­vo­no da quan­do, du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re in Israe­le, si tro­vò in mez­zo al­la Guer­ra del Kip­pur e gli fu af­fi­da­to il com­pi­to di in­trat­te­ne­re i sol­da­ti: «Una con­di­zio­ne as­sur­da, c’era­no i miei coetanei che mo­ri­va­no, era­no fe­ri­ti, trau­ma­tiz­za­ti, e noi do­ve­va­mo di­strar­li con uno spet­ta­co­li­no, men­tre ca­de­va­no le bom­be». Cre­sciu­to in un kib­bu­tz, iscrit­to dal­la mam­ma al­la Ba­tshe­va Dan­ce Com­pa­ny a fi­ne ser­vi­zio mi­li­ta­re («non ero pre­co­ce, ma me­glio: mi è ri­ma­sto uno spi­ri­to ani­ma­le­sco non ad­do­me­sti­ca­to»), que­st’uo­mo – che al­cu­ni pa­ra­go­na­no al Gat­to del Che­shi­re di Ali­ce nel Pae­se del­le me­ra­vi­glie – è sta­to sco­per­to

Sda Mar­tha Gra­ham e por­ta­to in Ame­ri­ca. Lì, in­cro­cia per caso Mau­ri­ce Bé­jart che lo guar­da ne­gli oc­chi ver­di – «ai tem­pi ero di bell’aspet­to» –, gli fa un pro­vi­no e lo pren­de: «Il peg­gior an­no del­la mia vi­ta, non per il la­vo­ro ma per mo­ti­vi per­so­na­li», e non di­ce al­tro. Quan­do de­ci­de di tor­na­re in Israe­le con Ma­ri, la bel­la mo­glie bal­le­ri­na, all’ini­zio nes­su­no ca­pi­sce il suo sti­le qua­si fem­mi­neo («la dan­za è l’op­po­sto del ma­cho, la mu­si­ca va ol­tre il ge­ne­re») in cui il cor­po sem­bra non aver pun­ti ri­gi­di, si scom­po­ne e de­nu­da. Per i 50 an­ni del­lo Sta­to d’Israe­le pe­rò Na­ha­rin è chia­ma­to ad al­le­sti­re uno spet­ta­co­lo. Met­te i bal­le­ri­ni in mu­tan­de, il pub­bli­co in­sor­ge («da­te­gli i pantaloni!»), lo «scan­da­lo» coin­vol­ge au­to­ri­tà e ospi­ti in­ter­na­zio­na­li in­vi­ta­ti per l’oc­ca­sio­ne. Lui pe­rò va avan­ti: «Non mi in­te­res­sa­no le dif­fe­ren­ze re­li­gio­se, na­zio­na­li, geo­gra­fi­che o et­ni­che, ma la mo­ra­le uni­ver­sa­le, ciò che ac­co­mu­na gli uo­mi­ni». Il suo ul­ti­mo la­vo­ro si in­ti­to­la La­st Work: per­ché, spie­ga nel film, «è tem­po di raz­zi­smo e fa­na­ti­smo, e ci so­no scel­te del go­ver­no che pos­so­no met­te­re tut­ti a ri­schio». Ma la dan­za che co­sa può con­tro la guer­ra? «Non c’è ri­spo­sta al­la guer­ra, tut­ti ne esco­no scon­fit­ti. Pe­rò l’ar­te, e pen­so an­che al pia­ni­sta che suo­na Ima­gi­ne da­van­ti al Ba­ta­clan, fa­vo­ri­sce il dia­lo­go an­zi­ché il con­flit­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.