Quel­li che han­no sco­per­to il pre­se­pe

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Or­mai tut­to è man­can­za di ri­spet­to, sen­si­bi­li­tà violate. Scor­ret­tez­za ai dan­ni del­la re­li­gio­ne al­trui. Si ri­nun­cia al pre­se­pe o al cro­ci­fis­so in no­me di un ma­lin­te­so sen­so del­la lai­ci­tà. È quel­lo di cui è sta­to ac­cu­sa­to (ma la que­stio­ne è aper­ta e dub­bia) un pre­si­de di Roz­za­no che avreb­be po­sti­ci­pa­to a gen­na­io una fe­sta del­la scuo­la, tra­sfor­man­do­la da fe­sta di Na­ta­le in «fe­sta d’in­ver­no», per evi­ta­re i can­ti na­ta­li­zi e non of­fen­de­re i non cri­stia­ni. Bi­so­gna tap­pez­za­re le cit­tà di car­tel­lo­ni e ten­de oscu­ran­ti, re­ga­la­re pa­ra­oc­chi non­ché ben­de per fa­sciar­si la te­sta e non ve­de­re ma­don­ne e san­ti? Per non par­la­re di quel­le sta­tue «sve­sti­te» che po­treb­be­ro ur­ta­re fi­nan­che il buon­co­stu­me. Co­rag­gio, co­pria­mo tut­to fin­ché il re­li­gio­sa­men­te cor­ret­to non sa­rà ri­spet­ta­to. Ep­pu­re, lai­ci­tà non si­gni­fi­ca ri­nun­cia­re a ciò che si è nel no­me di un ap­piat­ti­men­to col­let­ti­vo, di una nor­ma­liz­za­zio­ne del­le co­scien­ze e del­lo spi­ri­to, ma ac­cet­ta­re che chi non pre­ga co­me te e non pen­sa co­me te pos­sa vi­ve­re pa­ci­fi­ca­men­te, ga­ran­ten­do a sua vol­ta la stes­sa lai­ci­tà e nel ri­spet­to del­le leg­gi del­lo Sta­to. Poi, sic­co­me non sia­mo pez­zi di me­tal­lo, ognu­no di noi na­sce por­tan­do­si die­tro se­co­li di sto­ria – dai qua­li ci si può, be­nin­te­so,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.