La «fa­ta» che tra­sfor­ma il caos

Di­fen­de le sue ascel­le, ve­ste il lus­so, ma can­ta te­mi du­ri: GRI­MES, l’ul­ti­ma sco­per­ta di Jay-Z, è la pri­ma don­na dell’indie. Ma non da­te­le eti­chet­te

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

ri­mes è tut­to lo spi­ri­to del tem­po in una so­la per­so­na». È la mi­glio­re de­fi­ni­zio­ne (vie­ne dal si­to Pit­ch­fork) di Clai­re Bou­cher. Per ca­pi­re chi è que­sta ra­gaz­za ca­na­de­se di 27 an­ni, che ar­ti­sti­ca­men­te va sot­to il no­me di Gri­mes, si po­treb­be di­re: è per la mu­si­ca indie quel­lo che La­dy Ga­ga è per il pop. Os­sia l’ico­na del po­te­re fem­mi­ni­le, che fa quel­lo che vuo­le, quan­do vuo­le e co­me vuo­le. Nel suo nuo­vo al­bum, Art An­gels, Gri­mes com­po­ne un mix mu­si­ca­le che va da Ka­ty Per­ry al pop co­rea­no, il ri­sul­ta­to è sta­to ac­col­to da un’on­da­ta di re­cen­sio­ni po­si­ti­ve. «I ge­ne­ri non han­no più sen­so, la gen­te con­ti­nua a vo­ler­mi met­te­re un’eti­chet­ta, ma se non ci so­no riu­sci­ti an­co­ra, vuol di­re che non ci riu­sci­ran­no mai», ha det­to in un’intervista al Guar­dian. Stes­so di­scor­so per lo sti­le, Cha­nel, Dior e Louis Vuit­ton se la con­ten­do­no, me­ga fo­to­gra­fi da Ran­kin a Ave­don la rin­cor­ro­no, nel suo ul­ti­mo vi­deo (Fle­sh Wi­thout Blood/Li­fe in the Vi­vid Dream) di­ven­ta an­ge­lo, Ma­ria An­to­niet­ta e co­w­boy, ai con­cer­ti può pre­sen­tar­si con un ki­mo­no o una giac­ca mi­li­ta­re e non sai mai che co­lo­re avran­no i suoi ca­pel­li: le uni­che de­fi­ni­zio­ni che ac­cet­ta so­no «yup­pie sur­rea­li­sta e fa­ta ur­ba­na». Il suo ma­na­ger e men­to­re è Jay-Z, che di so­li­to ap­pro­va an­che le sue scel­te me­no con­ven­zio­na­li: «È un ar­ti­sta, ca­pi­sce co­me fun­zio­na la men­te di un al­tro ar­ti­sta», ha spie­ga­to Gri­mes. Jay-Z de­ve in­ter­ve­ni­re an­che quan­do lei vuo­le pre­sen­tar­si a una con­fe­ren­za stam­pa con le ascel­le non ra­sa­te e l’ad­det­to stam­pa di tur­no si op­po­ne, dan­do ov­via­men­te ra­gio­ne a Gri­mes. Ma le sue bat­ta­glie esi­sto­no an­che a un li­vel­lo mol­to più im­por­tan­te di una scel­ta sul look. La sua can­zo­ne più fa­mo­sa è Obli­vion: rac­con­ta una vio­len­za ses­sua­le su­bi­ta an­ni pri­ma: «Vo­le­vo tra­smet­te­re l’an­sia, la pa­ra­no­ia, l’in­si­cu­rez­za e l’im­po­ten­za fi­si­ca che quel­la si­tua­zio­ne mi ave­va ge­ne­ra­to. E di­re tut­to que­sto in una can­zo­ne pop». Che poi è la mis­sio­ne di Gri­mes: ren­de­re orec­chia­bi­le il caos.

G

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.