SIA­MO agli AN­TI­PO­DI

24 ore di vo­lo (e 6 di sca­lo) e 8 fu­si ora­ri: a 16 mi­la chi­lo­me­tri da qui, c’è un pa­ra­di­so che an­nul­la ogni jet lag. Il QUEEN­SLAND au­stra­lia­no of­fre spiag­ge da so­gno e on­de per­fet­te su cui sur­fa­re. Per una paz­za fu­ga di Na­ta­le lon­ta­no da tut­to (fi­dan­za­ti

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di IRE­NE SOA­VE

Gli in­gre­dien­ti del­la va­can­za che ri­met­te al mon­do ci so­no tut­ti: il Queen­sland, Sta­to nel Nor­de­st dell’Au­stra­lia gran­de sei vol­te l’Ita­lia e ri­bat­tez­za­to The Sun­shi­ne Sta­te, of­fre spiag­ge bian­chis­si­me, ma­re da screen­sa­ver del com­pu­ter, sur­fi­sti ovun­que, ci­bo Au­stra­lian-sty­le, cioè go­du­rio­so ma sa­no (ze­ro fast­food: qui è tut­to avo­ca­do bio e ome­ga 3), esta­te tro­pi­ca­le men­tre a Mi­la­no ne­vi­ca e so­prat­tut­to 16mi­la chi­lo­me­tri e 8 fu­si di di­stan­za da fi­dan­za­ti (in ca­ri­ca o ex) per­ni­cio­si, pa­ren­ti am­mor­ban­ti, uf­fi­ci no­io­si. A Bri­sba­ne, ca­pi­ta­le del Queen­sland, ar­ri­vi do­po 24 ore di vo­lo e 6 di sca­lo a Sin­ga­po­re. Il jet-lag è ge­sti­bi­le – il truc­co è abbinare me­la­to­ni­na e ma­sche­ri­na – e co­mun­que du­ra po­chis­si­mo: at­ter­ra­re agli an­ti­po­di ha un ga­ran­ti­to ef­fet­to «Ca­pi­ta­no Cook», cioè la vo­glia di esplo­ra­re ha la me­glio su tut­to. In­fat­ti si ri­par­te su­bi­to: non ci fer­mia­mo sul­la vi­ci­na Sun­shi­ne Coa­st, do­ve i sur­fi­sti da tut­to il mon­do ven­go­no a cac­cia dell’on­da per­fet­ta, ma pro­se­guia­mo per la Gran­de Bar­rie­ra Co­ral­li­na, 1.100 chi­lo­me­tri più a nord che co­pri­re­mo in vo­lo. Quan­do nel 1770 Cook ar­ri­vò in Queen­sland da Est, la sua En­dea­vour si in­ca­gliò: quel­le che cre­de­va sec­che era­no in­ve­ce i co­ral­li del­la Gran­de Bar­rie­ra, una di­ste­sa di 2.300 chi­lo­me­tri che è il più gran­de or­ga­ni­smo vi­ven­te al mon­do. Il mo­do mi­glio­re (e a pro­va di ma­ree) per ve­der­la, og­gi, è dall’al­to: dal­le iso­le Whi­tsun­days – 74 iso­let­te, tut­te par­co na­zio­na­le, fra la co­sta e la Bar­rie­ra – par­to­no ogni po­che ore tour in idro­vo­lan­te che la sor­vo­la­no (con tan­to di sfio­ra­men­ti del pe­lo dell’ac­qua e, so­prat­tut­to, in­con­tro rav­vi­ci­na­to con il fa­mo­so Heart Reef, mi­nu­sco­lo atol­lo a for­ma di cuo­re. Va­le ogni cent dei 300 dol­la­ri del bi­gliet­to). «È co­me il vi­so di una per­so­na che ami», rac­con­ta Jim, il pi­lo­ta del Ces­sna 208 di Air Wi­th­sun­day che ci por­ta, e che fa que­sto vo­lo ogni gior­no da die­ci an­ni. «È uno sce­na­rio che non ti stu­fa mai. Io fa­ce­vo l’av­vo­ca­to, so co­sa vuol di­re stan­car­si di un la­vo­ro». An­che Greg, 49 an­ni, cen­to vi­te fa ave­va un bar in Gal­les. Ora è lo skip­per del­la Wal­tzing Ma­thil­da, un 18 me­tri che ci por­te­rà in gi­ro (qui nien­te lussi: in bar­ca sia­mo in die­ci a di­vi­der­ci cuc­cet­te e po­sti in sac­co a pe­lo sul pon­te, ma sot­to una Via Lat­tea che nes­su­no di noi ha mai vi­sto splen­de­re co­me qui). E pur con la pel­le al­bio­ni­ca di­strut­ta dal so­le, giu­ra ri­den­do che pren­de «so­lo la­vo­ri che mi per­met­ta­no di pra­ti­ca­re yoga all’al­ba in mez­zo al ma­re, al­tro non so fa­re». Gui­da­ti da lui vi­si­tia­mo le Whi­tsun­days, tut­te pa­ra­di­sia­che ma qual­cu­na più del­le al­tre. Day­dream Island, do­ve fac­cia­mo una pas­seg­gia­ta nell’ac­qua in cui raz­ze e man­te, do­ci­li e ruf­fia­ne co­me gat­ti, ci si stro­fi­na­no al­le ca­vi­glie per chie­de­re da man­gia­re; Cid Har­bour, do­ve le tar­ta­ru­ghe nuo­ta­no sui fon­da­li nell’er­ba ma­ri­na; But­ter­fly Bay, do­ve apria­mo un sac­chet­to di gam­be­ret­ti per ve­der­ci cir­con­da­re da un ban­co di pe­sci a stri­sce gial­le, che con pre­ci­sio­ne (sco­pria­mo poi che si chia­ma­no pe­sci chi­rur­go) li di­vo­ra­no ma a noi non mor­do­no un di­to. Fi­no­ra non c’è dub­bio: quel che si ve­de dal­la bar­ca è stu­pen­do, ma la me­ra­vi­glia è sot­to, ac­ces­si­bi­le pu­re sen­za bom­bo­le e bre­vet­to.

Il co­vo del­le si­re­ne

Un «Oooh» di me­ra­vi­glia fi­na­le, pe­rò, è su una spiag­gia. Al­la vi­sta di Whi­te­ha­ven Bea­ch (per mol­ti la spiag­gia più bel­la del mon­do, sul­la co­sta est di Whi­tsun­day Island) nien­te po­te­va pre­pa­rar­ci: una pun­ta di sab­bia bian­chis­si­ma, che si con­fon­de con il ma­re più chia­ro mai vi­sto e un cie­lo gon­fio di nu­bi can­di­de. Ci guar­dia­mo in­tor­no al­la ri­cer­ca di un ti­zio bar­bu­to con l’au­reo­la, per­ché è evi­den­te che sia­mo qua­si in pa­ra­di­so. Qua­si, per­ché in al­cu­ni me­si l’ac­qua è pie­na di squa­li. Nien­te ba­gno, quin­di: ma re­sta la me­ra­vi­glia di pas­seg­gia­re su una sab­bia che sem­bra im­ma­te­ria­le (si­li­cio pu­ro: se ci stro­fi­ni i gio­iel­li li fa splen­de­re). Cer­ti che nes­su­na spiag­gia sa­rà mai più all’al­tez­za, ri­par­tia­mo. Per cam­bia­re idea: a 2 ore di vo­lo, con sca­lo a Cairns, c’è Li­zard Island, un isolotto che è la rap­pre­sen­ta­zio­ne gra­fi­ca del con­cet­to di lu­na di mie­le. Ne­gli ul­ti­mi an­ni, più ci­clo­ni han­no ra­so al suo­lo il Li­zard Island Re­sort, ni­do di ex­tra­lus­so per ric­chis­si­mi (e uni­co mo­do di per­not­ta­re sull’iso­la). Ma quan­do ar­ri­via­mo la ri­co­stru­zio­ne è fi­ni­ta, e ci go­dia­mo il si­len­zio e i com­fort stel­la­ri, co­me la ja­cuz­zi ester­na ri­vol­ta al tra­mon­to dei bun­ga­low ul­tra­chic o il lus­so mas­si­mo che è pas­seg­gia­re per ore, fra l’ocea­no e un bo­sco di tea tree, sen­za in­con­tra­re nes­su­no. Fi­no a Mer­maid Co­ve, la più bel­la del­le 24 spiag­ge dell’iso­la, do­ve ci im­mer­gia­mo sot­to il cie­lo che an­nun­cia bu­fe­ra. I co­ral­li lil­la e gial­li sem­bra­no pa­laz­zi di una cit­tà se­pol­ta ma an­co­ra vi­va, do­ve abi­ta­no pe­sci fo­sfo­re­scen­ti; e le tri­dac­ne, lon­ge­ve con­chi­glie lun­ghe fi­no a un me­tro e mez­zo – vi­vo­no so­lo qui e in po­che al­tre aree del Pa­ci­fi­co – re­spi­ra­no al­lo stes­so rit­mo da 100, 120 an­ni di vi­ta, an­che men­tre fuo­ri dall’ac­qua i ci­clo­ni raz­zia­va­no l’iso­la. È di fron­te al­le lo­ro boc­che cen­te­na­rie che si apro­no e chiu­do­no che por­tia­mo a ca­sa la le­zio­ne per l’an­no nuo­vo che va­le il viag­gio: e cioè che è pro­prio a quel ma­re, scos­so dal­le tem­pe­ste fuo­ri ma im­per­tur­ba­bi­le e bel­lis­si­mo in pro­fon­di­tà, che vo­glia­mo so­mi­glia­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.