NA­SCE MARLÈNE

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Il Danno -

n in­fi­ni­to di ma­dre le­ga­tis­si­ma al­le sue due ge­mel­le: Eva, an­che lei at­tri­ce e già fa­mo­sa, e Joy, mo­glie del no­bi­le ita­lia­no Nic­co­lò Mar­zi­chi Len­zi An­ti­no­ri. Un pre­sen­te di scrit­tri­ce e nar­ra­tri­ce di au­dio­li­bri per bam­bi­ni che, con 20 mi­lio­ni di co­pie ven­du­te, met­te da­van­ti a lei in Fran­cia so­lo la J.K. Ro­w­ling di Har­ry Pot­ter. Un pas­sa­to pros­si­mo di in­ter­pre­te per i re­gi­sti più gran­di, da Jean-Luc Go­dard a Clau­de Cha­brol, a Louis Mal­le. E un pas­sa­to re­mo­to che tut­ti, fi­glie com­pre­se, igno­ra­va­no. Pic­chia­ta sel­vag­gia­men­te dal pa­dre, mal­trat­ta­ta sui ban­chi di scuo­la da in­se­gnan­ti che l’han­no re­tro­ces­sa di due clas­si, «spro­fon­dan­do­mi nel­la ver­go­gna». Ep­pu­re Marlène Jobert ave­va sem­pre ta­ciu­to sull’in­fer­no del­la sua in­fan­zia. Fin­ché, a 75 an­ni, ha vuo­ta­to il sac­co in un li­bro, Les bai­sers du so­leil, de­di­ca­to «al­le mie fi­glie, per le qua­li que­ste pa­gi­ne sa­ran­no, in par­te, una sco­per­ta». Eva Green, fre­sca di no­mi­na­tion ai Gol­den Glo­be per il suo ruo­lo di eroi­na dark nel­la se­rie Pen­ny Drea­d­ful, pas­sa mol­tis­si­mo tem­po con la ma­dre, sua pri­ma con­si­glie­ra, coa­ch sem­pre pron­ta ad aiu­tar­la a stu­dia­re co­pio­ni e pro­va­re sce­ne. Tut­ta­via, non ave­va mai nep­pu­re im­ma­gi­na­to le umi­lia­zio­ni quo­ti­dia­ne in­flit­te al­la sua mam­ma da un pa­dre mi­li­ta­re di car­rie­ra, con­vin­to che «i bam­bi­ni non van­no edu­ca­ti, van­no do­ma­ti», e che «più si ama un fi­glio, più lo si pu­ni­sce». Ab­ban­do­na­to lui stes­so da pic­co­lo, cre­sciu­to tra un or­fa­no­tro­fio e l’al­tro, il ser­gen­te Char­les Jobert ave­va in­stau­ra­to in fa­mi­glia una di­sci­pli­na mi­li­ta­re. Pu­ni­zio­ni cor­po­ra­li com­pre­se, pe­rò sul­la pel­le nu­da, sen­za nep­pu­re gli in­du­men­ti in­ti­mi, per­ché fos­se­ro più ef­fi­ca­ci. «Ave­vo 13 an­ni, l’ul­ti­ma vol­ta che mi umi­liò in quel mo­do», scri­ve Marlène nel suo li­bro. «È l’età in cui le ra­gaz­ze han­no già i se­ni che spun­ta­no, e i pri­mi pe­li pu­bi­ci. Im­ma­gi­na­te la ver­go­gna di quel­le scu­lac­cia­te. Non c’era so­lo il do­lo­re, non c’era so­lo la cat­ti­ve­ria. C’era il sen­so di qual­co­sa di spor­co, di sa­di­co, di per­ver­so». Tan­ti an­ni so­no pas­sa­ti, ma an­co­ra fa­ti­ca a par­lar­me­ne, se­du­ta al ta­vo­lo del bar del Park Hyatt Pa­ris-Ven­dô­me. Splen­di­di oc­chi az­zur­ri, ele­gan­te in to­tal look ne­ro, una li­nea che la fa sem­bra­re mol­to più gio­va­ne, mi mo­stra sul­lo smart­pho­ne i vi­deo dei suoi due ni­po­ti, Giu­lio, di 4 an­ni, e Vit­to­rio, di 1 e mez­zo, che sta per rag­giun­ge­re a Ca­sta­gne­to Les bai­sers du so­leil (Plon edi­to­re) si apre con il te­le­gram­ma con cui la ma­dre an­nun­cia al ma­ri­to la sua na­sci­ta, ad Al­ge­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.