MAM­MA E PA­PÀ PIC­CHIA­NO, IL BAM­BI­NO SI SEN­TE IN COL­PA: LA CICATRICE CHE NON PAS­SA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Il Danno -

n tem­po pur­trop­po era mol­to dif­fu­sa l’idea che le pian­te an­das­se­ro rad­driz­za­te – che i fi­gli an­das­se­ro edu­ca­ti a suon di bot­te.

co­se so­no cam­bia­te. Ma so­lo in par­te, se è ve­ro che il 60 per cen­to dei ge­ni­to­ri ita­lia­ni pic­chia o mal­trat­ta i fi­gli an­che pic­co­li». Ro­san­na Schi­ral­li, 64 an­ni, con il ma­ri­to Ulis­se Ma­ria­ni ani­ma­tri­ce del Fe­sti­val na­zio­na­le dell’edu­ca­zio­ne, en­tram­bi psi­co­lo­gi che tra­sfe­ri­sco­no sul pia­no dell’edu­ca­zio­ne gli stu­di del­le neu­ro­scien­ze, si è a lun­go de­di­ca­ta al­lo stu­dio dei trau­mi. Ed è tas­sa­ti­va. I fi­gli non si toc­ca­no. Nean­che il fa­mo­so sca­pac­cio­ne ogni tan­to? «Per me, no. Par­tia­mo dal caso peg­gio­re, le bot­te (che pe­sa­no co­me le ur­la e la rab­bia) da­te con con­ti­nui­tà. De­va­stan­ti: il ge­ni­to­re, che è l’og­get­to d’amo­re da cui di­pen­de la tua so­prav­vi­ven­za, si tra­sfor­ma nel com­por­ta­men­to ma an­che in vi­so, men­tre sca­ri­ca la col­le­ra. Que­sto è mo­ti­vo di gran­de spa­ven­to per un bam­bi­no ed è l’in­ten­zio­na­li­tà nel pro­vo­car­gli del ma­le che de­ter­mi­na il trau­ma». E che co­sa suc­ce­de? «Sen­so di im­po­ten­za (non puoi scap­pa­re), me­ra­vi­glia (non ti aspet­ti la tra­sfor­ma­zio­ne del ge­ni­to­re in mo­stro), ver­go­gna e sen­so di col­pa. Que­sti ul­ti­mi so­prat­tut­to dan­neg­gia­no, il bam­bi­no pen­sa: se mi trat­ta­no co­sì, è col­pa mia per­ché so­no sba­glia­to. Gli abu­si non si im­pri­mo­no so­lo nel cor­po, ma so­prat­tut­to nel cuo­re e nel­la men­te: in­du­co­no la pro­du­zio­ne de­gli or­mo­ni del­lo stress, che – poi­ché in un mi­no­re non pos­so­no por­ta­re al­la fu­ga o al­la di­fe­sa – han­no ef­fet­ti an­che nel lun­go pe­rio­do, per­fi­no sul­le ca­pa­ci­tà co­gni­ti­ve e sull’or­ga­ni­smo». Se­ve­ri­tà e in­tran­si­gen­za so­no sba­glia­te? Bi­so­gna sem­pre dia­lo­ga­re? «Ma quan­do mai! Le pre­di­che so­no un ru­mo­re di fon­do, co­me la mu­si­ca al su­per­mer­ca­to, e l’edu­ca­zio­ne non è un cineforum. Le pa­ro­le chia­ve so­no au­to­re­vo­lez­za (os­sia re­go­le, li­mi­ti) ed em­pa­tia, far sa­pe­re che ca­pia­mo i lo­ro sen­ti­men­ti ma de­ci­dia­mo noi, per­fi­no con se­ve­ri­tà. La fa­mi­glia è un ae­reo in vo­lo: ai bam­bi­ni è in­di­spen­sa­bi­le sa­pe­re che in ca­bi­na ci so­no due pi­lo­ti esper­ti e cal­mi. E che in al­cu­ni mo­men­ti i fi­gli pos­so­no so­lo star se­du­ti con le cin­tu­re al­lac­cia­te». Isabella Maz­zi­tel­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.