La ve­ri­tà sul caso Joël Dic­ker

Esce il ro­man­zo che lo scrit­to­re sviz­ze­ro ha scrit­to pri­ma del be­st sel­ler del 2012. E, ef­fet­ti­va­men­te, non era un «caso»

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MI­CHE­LE NE­RI

Joël Dic­ker era Joël Dic­ker già pri­ma di sgan­cia­re su 45 Pae­si quel­la bom­ba da 3 mi­lio­ni di co­pie in­ti­to­la­ta La ve­ri­tà sul caso Har­ry Que­bert. Già ne­gli Ul­ti­mi gior­ni dei no­stri pa­dri, ro­man­zo d’esor­dio del­lo sviz­ze­ro tren­ten­ne, usci­to nel si­len­zio (3 mi­la co­pie) in Fran­cia nel 2012, e ora usci­to in Ita­lia, era lam­pan­te il suo ta­len­to nell’ag­gan­cia­re il let­to­re, con­du­cen­do­lo lun­go tra­me ara­be­sca­te, con pro­ta­go­ni­sti dal­la dop­pia vi­ta. Là era il ge­nia­le scrit­to­re Mar­cus Gold­man. Qui una «spor­ca doz­zi­na» d’in­fil­tra­ti fran­ce­si, ap­par­te­nen­ti al­le for­ze spe­cia­li vo­lu­te du­ran­te la guer­ra da Chur­chill (Soe, Spe­cial Ope­ra­tions Exe­cu­ti­ve) per aiu­ta­re la Re­si­sten­za in ogni na­zio­ne oc­cu­pa­ta dai na­zi­sti (ge­ne­re Ba­star­di sen­za glo­ria, ma sen­za ve­ri ba­star­di). È un po­ten­te ro­man­zo sto­ri­co: ca­me­ra­ti­smo, sa­bo­tag­gi, ven­det­te, con un­di­ci ra­gaz­zi gui­da­ti dal pa­ri­gi­no Paul-Émi­le, det­to Pal. Che sen­ti­men­to ha nei con­fron­ti del­la sua ope­ra pri­ma? «Gran­de te­ne­rez­za». Per­ché non eb­be suc­ces­so? «Sfor­tu­na. O for­se per­ché ha me­no rit­mo del­la Ve­ri­tà sul caso Har­ry Que­bert. Pe­rò al­la mia lin­gua, al mio es­se­re rit­ma­to e com­pren­si­bi­le da tut­ti, so­no ar­ri­va­to sol­tan­to scri­ven­do que­sto ro­man­zo». Un te­ma è l’amo­re fi­lia­le di Pal per l’an­zia­no pa­dre. Un sog­get­to ma­tu­ro, per­ché scri­ver­ne a 25 an­ni? «La te­ma­ti­ca del­la re­la­zio­ne pa­dre-fi­glio è quel­la del­la dop­piez­za che c’è in ognu­no di noi. E il li­mi­te mo­bi­le che esi­ste den­tro le per­so­ne lo si può tro­va­re in ogni mio li­bro». Co­me scri­ve? «Va­do avan­ti co­me se fos­si il let­to­re, chie­den­do­mi: e ora, che co­sa suc­ce­de? Le scel­te non na­sco­no a ta­vo­li­no... che pia­ce­re, al­zar­mi la mat­ti­na, e non sa­pe­re co­sa scri­ve­rò!». La sua rou­ti­ne? «Scri­ve­re fi­no a quan­do non ce la fac­cio più». Os­ses­sio­na­to? «Sì. Gli edi­to­ri ri­fiu­ta­va­no, io ne scri­ve­vo un al­tro; nuo­vi ri­fiu­ti, io ri­co­min­cia­vo. Poi è ar­ri­va­ta La ve­ri­tà». Che co­sa vor­reb­be im­pa­ra­re? «A ren­de­re più car­na­li le re­la­zio­ni amo­ro­se nei miei ro­man­zi». Il suo mot­to?

«Vin­ce chi osa».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.