CA­RO MAS­SI­MO,

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Il Postino -

ono Fran­ce­sca, ho 34 an­ni e un pe­so sul cuo­re. So­no in­na­mo­ra­ta di mio ma­ri­to da 9 an­ni. Con­di­vi­dia­mo so­gni, in­te­res­si e aspet­ta­ti­ve. Le no­stre fa­mi­glie dif­fe­ri­sco­no per mol­te co­se. La sua «di cit­tà»: giu­di­ci, av­vo­ca­ti e pro­fes­so­ri; la mia «di pe­ri­fe­ria»: la­vo­ra­to­ri co­mu­ni. Da su­bi­to pe­rò quell’am­bien­te non pa­le­se­men­te osti­le ha ri­fiu­ta­to la mia en­tra­ta in sce­na. Fui il mo­ti­vo di se­du­te di psi­co­te­ra­pia per suo­ce­ra e co­gna­ta: ero «l’in­tru­sa». La lo­ro ipo­cri­sia, in­dif­fe­ren­za e di­stan­za pro­cu­ra­va­no do­lo­re a me e a mio ma­ri­to, ed era­no mo­ti­vo di li­te tra noi. La no­stra vi­ta pe­rò con­ti­nua­va nell’amo­re, con la fi­ne dei miei stu­di e con viag­gi, in­te­res­si, so­ste­gno, cu­ra re­ci­pro­ca e pas­si ver­so il fu­tu­ro. L’im­pe­gno men­ta­le uni­ver­si­ta­rio mi ha por­ta­to a spo­sta­re nel tem­po al­tri obiet­ti­vi co­me i fi­gli, pur sen­za esclu­der­li. Fi­no a quan­do, ot­to me­si fa, mio ma­ri­to la­scia esplo­de­re la sua ani­ma: «So­no un fal­li­to», «Non mi hai da­to dei fi­gli», «Mi hai di­strut­to la fa­mi­glia», «Sei iste­ri­ca», «Io e te non ab­bia­mo fu­tu­ro», «Te ne de­vi an­da­re». Non pen­so di es­se­re la mo­glie idea­le, ma non vor­rei per­de­re l’uo­mo che ho spo­sa­to per la per­so­na bel­la che è, non per quel­lo che ave­va o fa­ce­va. Vo­glio vi­ve­re sba­glian­do, ma non sen­za amo­re. —F

SLa tua let­te­ra era un flus­so di co­scien­za di lun­ghez­za ster­mi­na­ta, co­sì ti ho chie­sto la gen­ti­lez­za di ri­pro­por­la in una ver­sio­ne pub­bli­ca­bi­le. E tu lo hai su­bi­to fat­to, con ciò ri­ve­lan­do quan­to ci te­ne­vi a co­mu­ni­ca­re un di­sa­gio di cui non rie­sci a ca­pa­ci­tar­ti. Quan­do un amo­re fi­ni­sce, la per­so­na che con­ti­nua a cre­der­ci fa fa­ti­ca ad ac­cet­ta­re la ve­ri­tà più ov­via: che l’al­tro non ci cre­da più. So­no trop­pi, e trop­po re­cen­ti, i ri­cor­di del­la vi­ta in co­mu­ne per ac­co­glie­re un ver­det­to tan­to do­lo­ro­so. La me­mo­ria can­cel­la lo stress del­la ma­ter­ni­tà o dell’as­sen­za di fi­gli, la com­par­sa di un aman­te o la ri­com­par­sa di un ex. Op­pu­re, è il tuo caso, l’in­fluen­za ne­fa­sta del­la fa­mi­glia. Se vo­glia­mo cre­der­ci, ca­ra F., sor­bia­mo­ci pu­re la fa­vo­let­ta di un uo­mo che pri­ma tro­va il co­rag­gio di spo­sar­ti con­tro la vo­lon­tà dei suoi pa­ren­ti e poi, do­po no­ve an­ni di la­vo­rio ai fian­chi, ce­de di schian­to al­la lo­ro vo­lon­tà. Que­sta ri­co­stru­zio­ne ha il pre­gio in­du­bi­ta­bi­le di spo­sta­re fuo­ri dal­la cop­pia le cau­se del­la sua im­plo­sio­ne e quin­di di non at­tri­bui­re al­cun ruo­lo at­ti­vo a tuo ma­ri­to (un po’ di de­bo­lez­za ca­rat­te­ria­le, tutt’al più) e so­prat­tut­to a te, vit­ti­ma de­si­gna­ta di un com­plot­to or­di­to per an­ni da suo­ce­re e co­gna­te. Può dar­si che le due si­gno­re stia­no

AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.