«so­no sin­gle e mi di­ver­to.

Ma men­ti­rei se di­ces­si che è per­ché la­vo­ro trop­po. quan­do l’amo­re ar­ri­va tra­vol­ge tut­to»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | Sull’onda -

«Bo­d­hi per me è un per­so­nag­gio straor­di­na­rio: vi­di per la pri­ma vol­ta il film quan­do ave­vo 13 an­ni, e quan­do so­no sta­to scrit­tu­ra­to per Ze­ro Dark Thir­ty non mi è sem­bra­to ve­ro la­vo­ra­re con la stes­sa re­gi­sta di quel­lo che è uno dei miei film di cul­to, Ka­th­ryn Bi­ge­low. C’è qual­co­sa di ma­gi­co nel mo­do in cui mi è ar­ri­va­ta la pro­po­sta di fa­re Point Break: due an­ni fa guar­da­vo con ami­ci un vi­deo dei sur­fi­sti che, in Por­to­gal­lo, han­no ca­val­ca­to la più gran­de on­da al mon­do, e di­ce­vo a tut­ti quan­to mi sa­reb­be pia­ciu­to es­se­re un sur­fi­sta in un film. Poi mi han­no of­fer­to Point Break e ho sa­pu­to che sa­reb­be sta­to gi­ra­to in par­te in Ve­ne­zue­la». Que­sta ver­sio­ne del film è mol­to di­ver­sa dall’ori­gi­na­le. «In quel­la i sur­fi­sti ra­pi­na­va­no le ban­che per fi­nan­zia­re quel­la che chia­ma­va­no la lo­ro “esta­te in­fi­ni­ta”: era il 1991, api­ce dell’era de­gli yup­pie, e an­che la rea­zio­ne al si­ste­ma era in qual­che mo­do edo­ni­sti­ca. Ven­ti­cin­que an­ni do­po i di­sa­stri pro­vo­ca­ti da­gli ec­ces­si del ca­pi­ta­li­smo so­no sot­to gli oc­chi di tut­ti, an­che nel cam­bia­men­to di cli­ma, e agli eco­guer­rie­ri in­te­res­sa­no so­lo azio­ni con­cre­te. Che rie­sco­no a por­ta­re a ter­mi­ne gra­zie al­la lo­ro abi­li­tà ne­gli sport estre­mi». Li pra­ti­ca an­che lei? «Non di­rei pro­prio: do­po il film ho co­min­cia­to a fa­re roc­cia, ma di so­li­to cor­ro, fac­cio un po’ di pu­gi­la­to, gio­co a cal­cio pur es­sen­do una pip­pa to­ta­le. In ge­ne­ra­le cer­co di con­dur­re una vi­ta il più or­di­na­ria pos­si­bi­le: amo con­ver­sa­re con gli ami­ci, dor­mo mol­to. Pen­so che più so­no di­sci­pli­na­to più avrò spa­zio per espri­mer­mi sul set: que­sto la­vo­ro è già de­sta­bi­liz­zan­te ab­ba­stan­za per i fat­ti suoi». Ha pau­ra di di­ven­ta­re trop­po fa­mo­so? «So­lo per­ché mi im­pe­di­reb­be di os­ser­va­re la gen­te. Il la­to po­si­ti­vo del­la fa­ma è po­ter la­vo­ra­re con gran­di at­to­ri e gran­di re­gi­sti. Per me è sta­to un pri­vi­le­gio as­so­lu­to es­se­re sul set con Da­vid O. Rus­sell: re­ci­ta­re per lui è un’espe­rien­za qua­si atle­ti­ca, co­me una par­ti­ta a ten­nis, de­vi es­se­re sem­pre pron­to a col­pi­re la pal­li­na che lui ti ti­ra con­tro. È un ura­ga­no di

Ra­mí­rez con il pre­mio Oscar (per Il la­to po­si­ti­vo)

Jen­ni­fer La­w­ren­ce, 25 an­ni, in Joy, e in Point

Break do­ve in­ter­pre­ta Bo­d­hi, la mi­ti­ca par­te che

fu di Pa­trick Sway­ze. crea­ti­vi­tà: da quel­lo che ho let­to so­lo Fel­li­ni era co­me lui». E Jen­ni­fer La­w­ren­ce? «Ho ama­to ogni mi­nu­to del mio la­vo­ro con lei. An­che se ha so­lo 25 an­ni e fa scher­zi e bat­tu­te in con­ti­nua­zio­ne den­tro di lei c’è qual­co­sa di ata­vi­co, è chia­ra­men­te uno spi­ri­to an­ti­co: quan­do par­te il ciak tut­ta la sua co­no­scen­za del­la con­di­zio­ne uma­na vie­ne fuo­ri nel­la re­ci­ta­zio­ne. È cru­da, istin­ti­va, pie­na di ta­len­to: ci sia­mo di­ver­ti­ti mol­to, le ho in­se­gna­to an­che un po’ di spa­gno­lo». Lei po­treb­be vi­ve­re ovun­que: per­ché sta in Ve­ne­zue­la? «Per­ché il Ve­ne­zue­la è ca­sa, fa­mi­glia, ami­ci, an­che se mol­ti se ne so­no an­da­ti a cer­ca­re un’al­tra vi­ta do­ve ci so­no più op­por­tu­ni­tà. For­se an­ch’io pri­ma o poi mi co­strui­rò una se­con­da ba­se al­tro­ve: è sem­pre più dif­fi­ci­le ar­ri­va­re in Ve­ne­zue­la, mol­te li­nee ae­ree han­no can­cel­la­to i lo­ro vo­li. Ed è an­che un po­sto sem­pre più pe­ri­co­lo­so: ci so­no mol­ti se­que­stri di per­so­na. Io ho de­ci­so di non ave­re bo­dy­guard, ma mol­ti li han­no». Tor­na an­che per­ché ha una fi­dan­za­ta che la aspet­ta? «No, so­no sin­gle». Per scel­ta? «Mi di­ver­to, e le men­ti­rei se le di­ces­si che non ho una re­la­zio­ne per­ché viag­gio e la­vo­ro trop­po, per­ché so che quan­do l’amo­re ar­ri­va ti tra­vol­ge e tut­to il re­sto pas­sa in se­con­do pia­no. Mi è ca­pi­ta­to una so­la vol­ta, e mi ha cam­bia­to per sem­pre: di­ven­ti uo­mo so­lo quan­do ti ca­pi­ta di ave­re il cuo­re in­fran­to, e se mi ri­ca­pi­te­rà di nuo­vo lo ri­co­no­sce­rò su­bi­to. Ma cer­co di non crear­mi aspet­ta­ti­ve che poi sa­reb­be­ro fru­stra­te». So­lo in amo­re? «In tut­to, e se le de­vo di­re la ve­ri­tà cre­do di­pen­da an­co­ra una vol­ta dal­la si­tua­zio­ne dif­fi­ci­le del mio Pae­se. Mol­ti dei so­gni che ave­vo da gio­va­ne do­ve­va­no ac­ca­de­re in Ve­ne­zue­la, e ora so che non sa­rà co­sì. E al­lo­ra non so­gno più: pren­do quel­lo che mi ar­ri­va dal­la vi­ta gior­no per gior­no. Ma­ga­ri un gior­no ca­pi­te­rà di riu­sci­re a co­strui­re la ca­sa sul­la spiag­gia, co­me im­ma­gi­na­vo, o di in­con­tra­re una don­na con cui ave­re dei fi­gli. Mi pia­ce­reb­be mol­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.