L’UO­MO DEL­LE STEL­LE

in una cor­sia d’ospe­da­le

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | Copertina - di Federico Pucci

La mat­ti­na dell’11 gen­na­io ab­bia­mo sco­per­to nel peg­gio­re dei mo­di che Da­vid Bo­wie ha lot­ta­to con­tro un cancro ne­gli ul­ti­mi 18 me­si: pos­sia­mo dir­ci che lo sa­pe­va­mo, pos­sia­mo pe­sca­re i pre­sa­gi di mor­te di Black­star, un al­bum che cer­ta­men­te suo­na co­me un te­sta­men­to spi­ri­tua­le. Ma l’im­por­tan­za di que­st’ul­ti­mo ca­pi­to­lo non sta nel­la sua po­si­zio­ne ter­mi­na­le: le set­te trac­ce so­no bel­le can­zo­ni, nuo­ve can­zo­ni che qua­si all’una­ni­mi­tà han­no con­vin­to cri­ti­ci e gior­na­li­sti all’oscu­ro del­la ma­lat­tia.

L’al­bum del­la stel­la ne­ra, in­som­ma, non è bel­lo per­ché è l’ul­ti­mo. Ma è tri­ste­men­te e ine­lut­ta­bil­men­te l’ul­ti­mo, ed è pro­ba­bi­le che Bo­wie ci ab­bia la­vo­ra­to con qual­che presentimento fa­ta­le: lo si no­ta di cer­to nei te­sti, lo si ve­de nei vi­deo­clip usci­ti, so­prat­tut­to in La­za­rus, do­ve sem­bra le­vi­ta­re so­pra un let­to d’ospe­da­le. Black­star è un gran­de al­bum scrit­to da un ma­la­to ter­mi­na­le, un ma­la­to che tro­va una nuo­va ve­na crea­ti­va ric­chis­si­ma, che ha la for­za e il co­rag­gio di viag­gia­re ver­so ter­ri­to­ri ine­splo­ra­ti in 50 an­ni di sto­ria, di pro­va­re an­che un nuo­vo mo­do di can­ta­re fat­to di ac­ciac­ca­tu­re e acu­ti con­tro-tem­po. Black­star in que­sto sen­so è il di­sco che smen­ti­sce un vi­zio cul­tu­ra­le del pop: il con­cet­to che gli an­ni del­la ma­tu­ri­tà per de­fi­ni­zio­ne non sia­no i mi­glio­ri di un ar­ti­sta, un at­teg­gia­men­to estra­neo al­la sto­ria del­la let­te­ra­tu­ra o dell’ope­ra li­ri­ca e più fa­mi­lia­re al­la ri­ce­zio­ne dell’in­trat­te­ni­men­to po­po­la­re – co­sa che il pop non è più ne­ces­sa­ria­men­te pro­prio per me­ri­to di Da­vid Bo­wie.

E ades­so che è an­da­to via al­la fi­ne di una vi­ta in cui ha stra­vol­to i con­fi­ni con­ven­zio­na­li di ses­sua­li­tà e po­po­la­ri­tà, mu­si­ca e cul­tu­ra, moda e tea­tro, l’ul­ti­ma ri­vo­lu­zio­ne po­treb­be es­se­re an­co­ra più pro­fon­da e ra­di­ca­le, pu­re se non l’aves­se pro­gram­ma­ti­ca­men­te ri­cer­ca­ta: di­mo­stra­re che la ma­lat­tia è uno sta­to dell’es­se­re uma­no non ne­ces­sa­ria­men­te peg­gio­re del­la sa­ni­tà, che non mi­nac­cia la crea­ti­vi­tà, che non ren­de gli uo­mi­ni pic­co­li scric­cio­li da te­ne­re nel pal­mo di una ma­no. Che si può es­se­re gi­gan­ti men­tre si muo­re, co­me gli eroi dei tem­pi lon­ta­ni.

Il po­st ori­gi­na­le, qui adat­ta­to, è pub­bli­ca­to in ver­sio­ne in­te­gra­le sul­la piat­ta­for­ma me­dium.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.