SPA­CE OD­DI­TY

da Spa­ce Od­di­ty – 1969

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | Copertina -

È la can­zo­ne che me­glio rap­pre­sen­ta il Bo­wie can­tau­to­re. Una bal­la­ta psi­che­de­li­ca, un rac­con­to che coin­vol­ge per l’aspet­to let­te­ra­rio. Dal pun­to di vi­sta mu­si­ca­le è un pez­zo mol­to clas­si­co, ar­ran­gia­to in mo­do squi­si­ta­men­te can­tau­to­ra­le. Scrit­ta nel ’69, l’an­no dell’al­lu­nag­gio, que­sta sto­ria ha co­me pro­ta­go­ni­sta Ma­jor Tom che va nel­lo spa­zio e che di­ven­te­rà il pri­mo per­so­nag­gio che Bo­wie in­ter­pre­ta. Di fron­te a que­sta can­zo­ne il pub­bli­co si iden­ti­fi­ca con Tom ed em­pa­tiz­za. Lui par­te e non tor­na più, sa­rà co­stret­to a sta­re nel­lo spa­zio per sem­pre. «Tell my wi­fe I lo­ve her ve­ry mu­ch», «di­te a mia mo­glie che la amo tan­tis­si­mo», è il suo ul­ti­mo mes­sag­gio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.