VA­DO AL­LA GRAN­DE

Vanity Fair (Italy) - - Vanity | Attacca! -

«PER CA­PI­RE CO­ME STO BA­STA GUAR­DAR­MI LA TE­STA: SE MI FAC­CIO CRE­SCE­RE I CA­PEL­LI VUOL DI­RE CHE SO­NO TRI­STE»

L«La pri­ma co­sa che ho pen­sa­to è sta­ta: Iman. Lui è sta­to un sac­co di co­se per tan­ti, ma pri­ma di tut­to è sta­to un uo­mo che ha avu­to un ve­ro e gran­de amo­re. Ho avu­to la for­tu­na di co­no­scer­li e ve­der­li in­sie­me: lui era un mi­to per me, ma lo è an­che lei, la pri­ma mo­del­la ne­ra del­la sto­ria del­la moda, la don­na che ha det­to al mon­do che an­che le don­ne di co­lo­re so­no bel­le. Con lo­ro le con­ver­sa­zio­ni non era­no mai ba­na­li, ti la­scia­va­no qual­co­sa su cui ri­flet­te­re. E su­bi­to do­po aver pen­sa­to al do­lo­re di sua mo­glie ho pen­sa­to a co­sa era sta­to Da­vid Bo­wie per me co­me per­so­na e co­me ar­ti­sta. Il suo gio­ca­re sul­la bi­ses­sua­li­tà e ren­der­la le­ci­ta, an­zi de­si­de­ra­bi­le, e poi il suo mo­do di fa­re mu­si­ca, im­ma­gi­ne, vi­deo. Se non ci fos­se sta­to Bo­wie con il suo co­rag­gio la mu­si­ca sa­reb­be mol­to più no­io­sa di quel­lo che è».

Ap­pe­so al­la por­ta del­la stan­za d’ho­tel di Lon­dra do­ve in­con­tro Skin c’è un bel­lis­si­mo abi­to bian­co ta­glia­to e bru­cia­to. «Ah sì, quel­lo. È il mio abi­to da spo­sa», mi di­ce co­me se fa­ces­se­ro tut­ti que­sta fi­ne i ve­sti­ti scel­ti per ce­le­bra­re gli amo­ri sba­glia­ti.

Un an­no fa è fi­ni­to il suo ma­tri­mo­nio con Ch­ri­stia­na Wy­ly, e quan­do l’ho in­con­tra­ta nel lu­glio scor­so mi ave­va rac­con­ta­to di aver ac­cet­ta­to di par­te­ci­pa­re a X Factor a sco­po te­ra­peu­ti­co: quell’im­pe­gno co­sì inu­sua­le e to­ta­liz­zan­te l’avreb­be aiu­ta­ta a usci­re dal do­lo­re. Evi­den­te­men­te, pe­rò, l’ela­bo­ra­zio­ne non era an­co­ra com­piu­ta: «È sta­ta una mia idea bru­ciar­lo e in­dos­sar­lo nel vi­deo di Dea­th to the Lo­vers, in fondo la can­zo­ne par­la di me». Chie­do se non ha pau­ra che Ch­ri­stia­na ci ri­man­ga un po’ ma­le. «All’ini­zio ho pen­sa­to: que­sta è una co­sa un po’ brut­ta. Su­bi­to do­po: fan­cu­lo, lo fac­cio lo stes­so. Un ar­ti­sta che si pre­oc­cu­pa di non fe­ri­re, of­fen­de­re, far ar­rab­bia­re mai nes­su­no è un ar­ti­sta che non sa fa­re il suo me­stie­re per­ché li­mi­ta la sua crea­ti­vi­tà». Men­tre me lo di­ce si sfi­la la fe­de e la ap­pog­gia su un ta­vo­li­no: «Ho ri­mes­so an­che que­sta og­gi per le ri­pre­se del vi­deo. Che stra­na sen­sa­zio­ne».

La sua espe­rien­za ita­lia­na è – al­me­no per il mo­men­to – fi­ni­ta, ma l’usci­ta im­mi­nen­te dell’al­bum Anar­chy­tec­tu­re de­gli Skunk Anan­sie (il grup­po di cui è vo­ce e lea­der dal 1994) e la nuo­va cam­pa­gna di Si­sley di cui è pro­ta­go­ni­sta (e di cui ve­de­te in que­ste pa­gi­ne al­cu­ne im­ma­gi­ni esclu­si­ve) la ter­ran­no an­co­ra in cir­co­la­zio­ne dal­le no­stre par­ti, do­ve mol­tis­si­mi si so­no ap­pas­sio­na­ti al suo mo­do ma­ter­no di ac­cu­di­re le ra­gaz­ze del ta­lent e al suo «at­tac­ca», di­ven­ta­to il suo slo­gan («non ho mai ca­pi­to per­ché ri­de­va­no tut­ti: at­tac­ca non è una pa­ro­la ita­lia­na?») e og­get­to di pa­ro­die, che l’han­no mol­to di­ver­ti­ta: «Quan­do ho vi­sto Croz­za pian­ge­vo al­le la­cri­me. Pen­so che se mi han­no imi­ta­ta in tan­ti vuol di­re che non so­no sta­ta in­dif­fe­ren­te, quin­di lo pren­do co­me un com­pli­men­to».

Che bi­lan­cio fa di X Factor?

«È sta­to dav­ve­ro in­te­res­san­te. Ho im­pa­ra­to mol­to sul­la mu­si­ca ita­lia­na, e an­che tan­to sul pub­bli­co ita­lia­no. Da noi in In­ghil­ter­ra le don­ne vo­ta­no le al­tre don­ne, c’è il girl power, da voi gli uo­mi­ni ca­ri­ni. Pe­rò da­te an­che tan­tis­si­ma im­por­tan­za ai te­sti, al­le sto­rie che una can­zo­ne rac­con­ta».

E dal pun­to di vi­sta uma­no?

«È sta­ta la co­sa più du­ra che ab­bia mai fat­to. Que­sta lin­gua dif­fi­ci­lis­si­ma. Quan­do la gen­te mi in­con­tra­va per stra­da mi fer­ma­va per dir­mi: Skin quel­la pa­ro­la non si pro­nun­cia co­sì, ma co­sì. Pe­rò al­la fi­ne il pub­bli­co mi ha per­do­na­ta tan­to, non so se in un al­tro Pae­se sa­reb­be­ro sta­ti co­sì com­pren­si­vi. Ma a par­te que­sto in­top­po lin­gui­sti­co so­no or­go­glio­sa di me: ho fat­to caz­za­te e co­se giu­ste, ma ce l’ho fat­ta e for­se il 2015 che era ini­zia­to ma­lis­si­mo è di­ven­ta­to l’an­no più bel­lo del­la mia vi­ta».

Il suo giu­di­ce pre­fe­ri­to?

«Fe­dez. Sia­mo tut­ti e due os­ses­sio­na­ti dal no­stro la­vo­ro. Era lui il mio av­ver­sa­rio ve­ro, per­ché ab­bia­mo lo stes­so mo­do di ra­gio­na­re. Di Elio ho gran­dis­si­ma sti­ma e con Mi­ka sem­bra­va di ga­reg­gia­re con il Prin­ci­pe Az­zur­ro di Walt Di­sney, co­sì bel­lo e pie­no di char­me. Ri­fa­rei X Factor so­lo con que­sto team di giu­di­ci».

FO­TO FEDERICO DE AN­GE­LIS

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.