WEEK

Vanity Fair (Italy) - - Social -

Hi­jab day: che co­sa c’è sot­to il ve­lo isla­mi­co

Mor­to a 84 an­ni, è sta­to re­gi­sta di ca­po­la­vo­ri co­me C’era­va­mo tan­to

ama­ti, Brut­ti, spor­chi e cat­ti­vi, Una gior­na­ta par­ti­co­la­re, La ter­raz­za e La fa­mi­glia. Le fi­glie Pao­la e Sil­via lo ri­cor­da­no fir­man­do il do­cu­men­ta­rio Ri­den­do e scher­zan­do, in sa­la l’1 e il 2 feb­bra­io, con la vo­ce nar­ran­te di Pif. «Voi che po­te­te, gio­va­ni, fa­te l’amo­re. Po­te­te gi­ra­re per la cit­tà, po­te­te ca­pi­re del­le co­se che an­co­ra non ave­te ca­pi­to, po­te­te leg­ge­re una co­sa che non ave­te mai let­to sen­za far­vi pren­de­re dal­lo sco­ra­men­to

di tut­to quel­lo che non leg­ge­re­te mai che pe­rò un po’ vi pren­de ver­so se­ra, pen­sa a quan­to non leg­ge­rò, per ora non ve ne fre­ga nien­te, non leg­ge­te e ba­sta, e in­ve­ce al­la mia età non leg­ge­re si­gni­fi­ca ave­re il ri­mor­so di non ave­re let­to. An­che i mi­nu­ti so­no pre­zio­si, non but­ta­te i mi­nu­ti, ba­sta un mi­nu­to che vi ar­ric­chi­sce di un an­no la vi­ta».

(da Un ri­trat­to di Et­to­re Sco­la, di Da­vi­de Bar­let­ti e Lo­ren­zo Con­te, 2012)

«C’è una fra­se nel tuo al­bum: “L’uo­mo de­ve es­se­re ma­ri­to, pa­dre e sol­da­to”. Io non so­no né ma­ri­to né pa­dre né sol­da­to. Non mi han­no cac­cia­to dal­la ra­dio per la mia vo­ce. “Di­sfat­ti­sta, inu­ti­le e con ten­den­ze de­pra­va­te”: co­sì han­no det­to. Hai ca­pi­to be­nis­si­mo. È co­sì. Che ti aspet­ta­vi? Ba­ci, moz­zi­chi, pal­pa­te, ma­ni sot­to le ve­sti? È que­sto che ti aspet­ta­vi? È que­sto che si de­ve fa­re quan­do si re­sta so­li con una don­na? Tan­to tut­ti gli uo­mi­ni so­no ugua­li, è ve­ro? Bi­so­gna far­glie­lo sen­ti­re per­ché è que­sto il mu­sco­lo più im­por­tan­te, è ve­ro? Mi di­spia­ce per te ma ti sei sba­glia­ta, ti sei sba­glia­ta. Io non so­no quel ma­schio­ne vi­ri­le che spe­ra­vi. So­no un fro­cio. Fro­ciooo! Co­sì ci chia­ma­no! Al bi­liar­do di piaz­za Tu­sco­lo, quan­do sco­pri­va­no uno co­me me, gli ca­la­va­no i cal­zo­ni e gli fic­ca­va­no la stec­ca nel cu­lo. Hai ca­pi­to co­sa gli fa­ce­va­no? E chi se ne fot­te del­la por­tie­ra, la chia­mo io la por­tie­ra. Co­sì lo sa­pran­no tut­ti, fi­nal­men­te, che l’in­qui­li­no del se­sto pia­no è ric­chio­ne! È fi­noc­chio! È in­ver­ti­to!» — Gabriele (Mar­cel­lo Ma­stro­ian­ni) a An­to­niet­ta (So­phia Lo­ren) in Una gior­na­ta par­ti­co­la­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.