IL DI­RIT­TO DI VO­LA­RE

Vanity Fair (Italy) - - #Vanity Social -

Spo­sa­to, fi­gli, buon la­vo­ro. Poi in­con­tro una crea­tu­ra splen­di­da, fra­gi­le e mol­to gio­va­ne (io 50 an­ni, lei 30), che in cam­bio del­la sua se­rie­tà ha ri­ce­vu­to dal­la vi­ta sfor­tu­ne, mo­le­stie, e in ul­ti­mo la ma­lat­tia. Non è su­bi­to pas­sio­ne dei cor­pi, è un len­to in­con­tro di ani­me. Ma nau­fra­go nel­le ba­na­li­tà quo­ti­dia­ne (è lì che van­no a fondo i ma­tri­mo­ni?), e lei me­ri­te­reb­be qual­co­sa di più che l’aiu­to di un uo­mo a me­tà tem­po. Le dif­fe­ren­ze, tra noi, so­no tan­te. Nel­la cul­tu­ra: due lau­ree (lei) con­tro un di­plo­ma d’ar­te (io). Nel­la vi­ta: lun­ghi sog­gior­ni all’estero (lei) e vent’an­ni se­du­to in un uf­fi­cio (io). Nel cor­po: fa­me di vi­ta e di ses­so (lei) e i pri­mi pro­ble­mi di ere­zio­ne e pro­sta­ta (cer­to, io!). So che un gior­no do­vrò la­sciar­la an­da­re: lei ha di­rit­to di vo­la­re, e io pos­so so­lo gioi­re nel ve­der­la spic­ca­re il vo­lo. «Se aves­si vent’an­ni ti ver­rei a cer­ca­re, se ne aves­si qua­ran­ta, ra­gaz­zo, ti po­trei com­pra­re, a cin­quan­ta, co­me in­ve­ce ne ho, ti sto so­lo a guar­da­re» ( La bel­lez­za, Ro­ber­to Vec­chio­ni). M.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.