KURT RUS­SELL , UN VE­RO CO­W­BOY

In The Ha­te­ful Eight, il film gi­ra­to con Ta­ran­ti­no, si ri­tro­va am­ma­net­ta­to a una don­na, in un rap­por­to che ri­cor­da il ma­tri­mo­nio. Nel­la vi­ta, KURT RUS­SELL da ol­tre trent’an­ni non spo­sa la sua Gol­die Ha­wn, ma cre­de nei le­ga­mi du­ra­tu­ri, sen­za di­stra­zio­ni. A

Vanity Fair (Italy) - - Social - di MA RC O DE MA R T INO

Ogni mat­ti­na mi sve­glio e pre­pa­ro un cap­puc­ci­no per Gol­die. So­no me­no crea­ti­vo di un tem­po, quan­do fa­ce­vo i di­se­gni­ni con la schiu­ma del lat­te, ma an­co­ra mi pia­ce co­min­cia­re la gior­na­ta par­lan­do con la mia com­pa­gna. C’è un so­lo pro­ble­ma: quan­do la caf­fei­na en­tra in cir­co­lo, spes­so fi­nia­mo per li­ti­ga­re. Ho que­sto brut­to vi­zio di es­se­re sem­pre one­sto, e in­ve­ce di cer­te co­se sa­reb­be me­glio par­la­re più tar­di nel­la gior­na­ta. Ci sto la­vo­ran­do: c’è sem­pre tem­po per mi­glio­ra­re».

A 64 an­ni c’è tem­po an­che per peg­gio­ra­re, mi spie­ghe­rà do­po Kurt Rus­sell. Ma pri­ma bi­so­gna di­re che lui e Gol­die Ha­wn stan­no as­sie­me da 32 an­ni, e per­ciò met­te al­le­gria pen­sa­re che – co­me tan­te cop­pie di vec­chia da­ta – ini­zi­no la gior­na­ta li­ti­gan­do. Si co­nob­be­ro ra­gaz­zi­ni sul set di Una paz­za ban­da di fa­mi­glia nel 1968, ma si in­na­mo­ra­ro­no an­ni do­po fa­cen­do as­sie­me Tem­po di swing di Jo­na­than Dem­me, nel 1984. Fu al­lo­ra che di­vor­zia­ro­no dai ri­spet­ti­vi part­ner, de­ci­se­ro che non avreb­be­ro mai com­mes­so l’er­ro­re di ri­spo­sar­si e for­ma­ro­no una del­le fa­mi­glie più rac­con­ta­te di Hol­ly­wood: un fi­glio in­sie­me (Wyatt, di 29 an­ni, an­che lui at­to­re), il fi­glio di lui (Bo­ston, 35) quel­li di lei (gli at­to­ri Oli­ver e Ka­te Hud­son, 39 e 36) che con­si­de­ra­no Kurt il lo­ro ve­ro pa­dre al pun­to da di­sco­no­sce­re su Twit­ter il pa­pà na­tu­ra­le, il mu­si­ci­sta Bill Hud­son. Mes­si as­sie­me, i Rus­sell-Ha­wn han­no gi­ra­to cen­ti­na­ia di film. Tut­to sa di leg­gen­da, ed è fa­ci­le ca­pi­re per­ché Quen­tin Ta­ran­ti­no ha scel­to pro­prio Kurt per il suo we­stern psi­co­lo­gi­co The Ha­te­ful Eight: an­che lui fa par­te del­la sto­ria del ci­ne­ma co­me En­nio Mor­ri­co­ne che ha com­po­sto la co­lon­na so­no­ra, o la glo­rio­sa pel­li­co­la Ul­tra Pa­na­vi­sion a 70 mil­li­me­tri che è sta­ta usa­ta per gi­rar­lo. Quan­do di­ce che ama il vec­chio We­st, Rus­sell par­la di un affare di fa­mi­glia: co­min­ciò da bam­bi­no a re­ci­ta­re nei we­stern per la te­le­vi­sio­ne, co­me il pa­dre Bing che per 13 an­ni fu il vi­ce­sce­rif­fo del­la se­rie Bo­nan­za.

A 15 an­ni ven­ne scel­to da Walt Di­sney in per­so­na per un con­trat­to ci­ne­ma­to­gra­fi­co de­cen­na­le. Ma il suo de­but­to sul gran­de scher­mo av­ven­ne an­co­ra pri­ma, a 11 an­ni, nel film Bion­de, ros­se, bru­ne..: nel­la pri­ma sce­na Kurt Rus­sell as­se­sta un cal­cio­ne a El­vis Pre­sley. Più tar­di, lui stes­so in­ter­pre­tò El­vis, in un film Tv di­ret­to da John Car­pen­ter, con cui ini­ziò un so­da­li­zio che lo por­tò al suo ruo­lo più fa­mo­so, quel­lo di Je­na Plis­sken in 1997: Fu­ga da New York e Fu­ga da Los An­ge­les. Per in­ter­pre­ta­re il ri­bel­le Je­na, che pro­nun­cia­va ogni pa­ro­la co­me fos­se l’ul­ti­ma, Rus­sell si in­ven­tò una ben­da da cor­sa­ro sull’oc­chio. Per John «il Bo­ia» Ru­th, il cac­cia­to­re di taglie che in­ter­pre­ta in The Ha­te­ful Eight, si è in­ve­ce fat­to cre­sce­re dei baf­fi lun­ghis­si­mi da tri­che­co ar­ti­co: «Mi ci so­no vo­lu­ti quat­tro me­si, ma vo­le­vo che si ca­pis­se su­bi­to chi è Ru­th: uno spac­co­ne, uno che ma­ga­ri ti fa ri­de­re ma che in es­sen­za è un ba­star­do di pri­ma ca­te­go­ria».

Lei sem­bra spe­cia­liz­za­to nell’in­ter­pre­ta­re ve­ri ma­cho: è co­sì an­che nel­la vi­ta? «Per nien­te, ma so­no af­fa­sci­na­to da co­me sia cam­bia­to il ma­schio. Fi­no a po­co tem­po fa, per­ché 150 an­ni non so­no mol­ti, gli uo­mi­ni era­no com­ple­ta­men­te di­ver­si, e di­ver­se era­no le aspet­ta­ti­ve su co­me si do­ve­va­no com­por­ta­re. Una par­te di me vi­ve an­co­ra co­me lo­ro, for­se per que­sto non ho al­cun pro­ble­ma a in­ter­pre­ta­re que­ste par­ti». Vi­ve an­che lei co­me un co­w­boy? «Nel mio ran­ch ad Aspen, in Co­lo­ra­do, va­do a ca­val­lo ogni gior­no e spes­so mi oc­cu­po di por­ta­re a pa­sco­la­re le muc­che. Pos­sie­do ar­mi e amo an­da­re a cac­cia. Una vol­ta uc­ci­se le pre­de, non le do ad al­tri per scuo­iar­le: tol­go lo­ro la pel­le da so­lo, le ma­cel­lo, pre­pa­ro io la car­ne che poi ven­do in pae­se. Non vo­glio di­men­ti­ca­re mai che nien­te è scon­ta­to: ti può ca­pi­ta­re ve­ra­men­te di fe­rir­ti in una tem­pe­sta di ne­ve e di do­ve­re tro­va­re da so­lo la stra­da per tor­na­re a ca­sa. Ai no­stri non­ni suc­ce­de­va ogni gior­no: per­den­do il con­tat­to con la real­tà del­la vi­ta ve­ra se­con­do me ab­bia­mo an­che per­so mol­te li­ber­tà». In che sen­so? «Non cre­do sia giu­sto che il go­ver­no ci di­ca co­sa è le­ci­to fa­re e co­sa no: se vo­glio mo­ri­re gui­dan­do la mo­to sen­za ca­sco pen­so di ave­re il di­rit­to di far­lo. Mi con­si­de­ro un li­ber­ta­rio, il che non vuol di­re che so­no per l’anar­chia: vo­le­re i pro­pri di­rit­ti non si­gni­fi­ca vio­la­re quel­li de­gli al­tri». È an­che per que­sta vo­glia di li­ber­tà che non spo­sa Gol­die? «Per un sac­co di mo­ti­vi: le di­rò so­lo che nel film di Ta­ran­ti­no pas­so la mag­gior par­te del tem­po am­ma­net­ta­to al­la mia pri­gio­nie­ra, in­ter­pre­ta­ta da Jen­ni­fer Ja­son Lei­gh, e tra una ri­pre­sa e l’al­tra scher­za­va­mo su quan­to quel rap­por­to di­sfun­zio­na­le so­mi­glias­se a un ma­tri­mo­nio». Co­me fa­te a man­te­ne­re vi­vo il rap­por­to? «È una do­man­da fon­da­men­ta­le, ma non cre­do di ave­re una ri­spo­sta, an­che per­ché la ve­ri­tà è che tut­to può fi­ni­re do­ma­ni: ba­sta che uno dei due di­ca o fac­cia qual­co­sa che por­ta l’al­tro a con­clu­de­re che non ha sen­so an­da­re avan­ti». Ep­pu­re con­ti­nua­te. È per­ché a que­sto pun­to non ha sen­so di­la­pi­da­re l’amo­re che ave­te co­strui­to? «Non cre­do, si po­treb­be pen­sa­re l’op­po­sto: la­scia per­de­re il ca­pi­ta­le e tro­va qual­cu­no con cui co­strui­re qual­co­sa di nuo­vo per i pros­si­mi an­ni. An­che quel­lo è un sen­ti­men­to con­di­vi­si­bi­le. Se sto con Gol­die è per­ché so dal pro­fon­do del cuo­re che non po­trei mai co­no­sce­re una don­na più in­te­res­san­te, e c’è an­co­ra mol­tis­si­mo che de­vo sco­pri­re di lei. Mi pia­ce, la tro­vo bel­lis­si­ma, ma per an­da­re avan­ti de­vo con­cen­trar­mi so­lo sul­le co­se po­si­ti­ve». De­ve la­vo­ra­re sul rap­por­to. «La­vo­ra­re è una pa­ro­la che non mi pia­ce usa­re in amo­re, pe­rò ci sia­mo in­te­si. E con­ta an­che non di­strar­si: ho ca­pi­to che se vuoi sta­re in una re­la­zio­ne, ab­ban­do­nar­si al de­si­de­rio e all’istin­to non fun­zio­na. An­che in quel­lo bi­so­gna non per­de­re la con­cen­tra­zio­ne. È fa­ci­le? No che non lo è». Co­me si fa, in­ve­ce, a so­prav­vi­ve­re a una car­rie­ra lun­ga co­me la sua? Lei fu una spe­cie di bam­bi­no pro­di­gio, e mol­ti di quel­li che par­to­no co­sì pre­sto non fi­ni­sco­no be­ne. «So­no sta­to for­tu­na­to, e han­no con­ta­to in­con­tri co­me quel­lo con Walt Di­sney. Guar­da­va­mo in­sie­me i film, gio­ca­va­mo a ping-pong: fu un rap­por­to mol­to im­por­tan­te. Ma non è det­to che al­la fi­ne an­ch’io non fi­ni­sca ma­le». Be’, a 64 an­ni mi sem­bra im­pro­ba­bi­le... «Ma guar­di che nes­su­no sa co­sa gli

ri­ser­va il fu­tu­ro, spe­cie a uno co­me me. Mi co­no­sco e so di es­se­re per­fet­ta­men­te in gra­do di fa­re una caz­za­ta, se mi sal­ta in te­sta qual­che idea stra­na». Che ruo­lo han­no i fi­gli? «Im­por­tan­tis­si­mo: ren­der­li fe­li­ci per me è mol­to im­por­tan­te. Io e Gol­die sia­mo ge­ni­to­ri mol­to di­ver­si, ma ci com­pren­dia­mo e aiu­tia­mo, per­ché con­di­vi­dia­mo gli stes­si va­lo­ri. Ora mi in­te­res­sa la car­rie­ra di Wyatt, che è un at­to­re bra­vis­si­mo e sta co­min­cian­do ad ave­re un di­scre­to suc­ces­so. Co­me me avreb­be po­tu­to ave­re una gran­de car­rie­ra nel­lo sport: fi­no a che non mi so­no in­for­tu­na­to, io gio­ca­vo be­ne a ba­se­ball, lui a hockey, è sta­to an­che un pro­fes­sio­ni­sta in Ger­ma­nia e Olan­da. Spe­ro di po­ter­lo coin­vol­ge­re in un pro­get­to che ho in men­te: fa­rà il pro­dut­to­re as­sie­me a Oli­ver, io e Ka­te re­ci­te­re­mo. Ho già re­ci­ta­to con lei in un cor­to, ed è sta­to mol­to bel­lo». Sba­glio, o fa­te an­che vi­no as­sie­me? «Sba­glia, an­che se amia­mo tut­ti e due il vi­no. Ka­te pre­sta so­lo il suo no­me a un’azien­da vi­ni­co­la, io in­ve­ce so­no mol­to coin­vol­to nel­la pro­du­zio­ne del mio Pi­not ne­ro nel­le col­li­ne di San­ta Ri­ta in Ca­li­for­nia: rac­col­go l’uva, la met­to nel­le bot­ti, im­bot­ti­glio». Per­ché si chia­ma GoGi Wi­nes? «Era il mio so­pran­no­me da pic­co­lo. In real­tà, il mio pri­mis­si­mo so­pran­no­me era Go­Go: sic­co­me non riu­sci­vo a pro­nun­cia­re il mio se­con­do no­me, Vo­gel, di­ce­vo a tut­ti che mi chia­ma­vo Kurt Go­go Rus­sell. So­lo mol­to più tar­di ho sco­per­to che era an­che il so­pran­no­me di Gol­die: un gior­no era­va­mo nel­la stes­sa stan­za con mio pa­dre e lui mi chia­mò “Hey, Go­go”. Ci gi­ram­mo tut­ti e due e Gol­die dis­se: “Co­me fai a sa­pe­re il mio so­pran­no­me?”». Una coin­ci­den­za qua­si co­smi­ca. «Una sto­ria stra­na, mol­to mol­to stra­na». Co­me il vi­no, an­che mol­ti suoi film ven­go­no ap­prez­za­ti e di­ven­ta­no di cul­to so­lo an­ni do­po la lo­ro usci­ta: pen­sa ac­ca­drà lo stes­so con The Ha­te­ful Eight? «For­se sta­vol­ta la gen­te ca­pi­rà su­bi­to: so che c’è già un pu­paz­zo del cac­cia­to­re di taglie Ru­th. Sa­reb­be il se­sto na­to da uno dei miei per­so­nag­gi: per me non c’è com­pli­men­to mi­glio­re, vuol di­re che so­no riu­sci­to a crea­re un per­so­nag­gio ve­ra­men­te me­mo­ra­bi­le».

CI AL­LAR­GHIA­MO? A si­ni­stra, Rus­sell e Gol­die

Ha­wn, og­gi 70 an­ni, nel 1983. E i lo­ro fi­gli: da si­ni­stra, Wyatt, 29, at­to­re, l’uni­co avu­to in­sie­me;

Ka­te, 36, e Oli­ver Hud­son, 39, en­tram­bi at­to­ri; Bo­ston Rus­sell, 35,

bud­di­sta pra­ti­can­te e aspi­ran­te psi­chia­tra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.