IL RO­SA E IL NE­RO

I due co­lo­ri del­la se­du­zio­ne so­no una cop­pia di fat­to: già pre­sen­ti nei mi­ti del­la moda, so­no sta­ti ri­sco­per­ti dal­la lin­ge­rie più au­da­ce. Nuo­vi clas­si­ci da vi­ve­re an­che nel truc­co, che il­lu­mi­na, con un gen­ti­le ef­fet­to lif­ting

Vanity Fair (Italy) - - Beauty - di MI­CHE L A MO T TA

SSia­mo en­tra­ti nel pe­rio­do ro­sa, che det­ta co­sì ri­sul­ta un po’ ot­ti­mi­sta, ma non è un ca­so che pro­prio in que­sto mo­men­to a mol­ti, da Pan­to­ne ai di­ret­to­ri crea­ti­vi, sia ve­nu­to in men­te pro­prio il più ro­man­ti­co e fem­mi­ni­le dei co­lo­ri. An­che nel ma­ke-up. Ma in­sie­me con il ne­ro. An­cor più d’at­tua­li­tà. Ro­sa – dal pa­stel­lo al ma­gen­ta – e ne­ro so­no or­mai una cop­pia di fat­to e, so­prat­tut­to gra­zie al­la lin­ge­rie, so­no di­ven­ta­ti sim­bo­lo di se­du­zio­ne. Vic­to­ria’s Se­cret ci ha co­strui­to un fe­no­me­no ol­tre che il lo­go. An­che Agent Pro­vo­ca­teur ha scel­to i due co­lo­ri per rap­pre­sen­ta­re il suo mon­do fat­to di ra­so e pro­vo­ca­zio­ni soft. Sa­rà per que­sto im­ma­gi­na­rio evo­ca­ti­vo che an­che l’ef­fet­to nel truc­co può es­se­re se­xy: lo sguar­do si fa in­ten­so con la ri­ga al­lun­ga­ta dell’eye­li­ner, lo smo­ky eye più o me­no mar­ca­to op­pu­re so­lo con tan­to ma­sca­ra, men­tre la boc­ca cat­tu­ra tut­ta l’at­ten­zio­ne.

Ie­ri e og­gi

La sto­ria del ro­sa nel­la bel­lez­za ini­zia da lon­ta­no. Ad­di­rit­tu­ra lo shoc­king è di­ven­ta­to po­po­la­re gra­zie a El­sa Schia­pa­rel­li: nel 1936 scel­se una sca­to­la di quel co­lo­re per il suo pro­fu­mo Shoc­king de Schia­pa­rel­li, che rac­chiu­de­va un flacone a for­ma di bu­sto di Mae We­st (ispi­ra­zio­ne per Clas­si­que di Jean Paul Gaul­tier del 1993). E, co­me scri­ve­va He­len Var­ley in Co­lour, ma­nua­le sui co­lo­ri: «Il ma­gen­ta ap­pa­re nell’avan­guar­dia di più di una ri­vo­lu­zio­ne gio­va­ni­le. Ad al­cu­ni can­ta, ad al­tri ur­la». Di si­cu­ro il ro­sa col­pì Hu­bert de Gi­ven­chy, che la­vo­ra­va per la Schia­pa­rel­li e ne fe­ce, col ne­ro, la sua fir­ma, ce­le­bra­ta an­co­ra og­gi nel­la moda e nel truc­co del­la mai­son. «Per noi ri­chia­ma la tra­di­zio­ne fran­ce­sce de­gli an­ni Cin­quan­ta, ma ogni vol­ta vie­ne ri­let­ta in chia­ve con­tem­po­ra­nea», di­ce Agata Ma­ri­no, ma­ke-up ar­ti­st Gi­ven­chy. «In que­sta sta­gio­ne ab­bia­mo ro­sa con­fet­to e ci­pria, an­che sull’on­da dei trend asia­ti­ci. Il van­tag­gio di que­sti to­ni chia­ri è che stan­no be­ne a tut­te e in­gen­ti­li­sco­no i trat­ti. An­che se sul­le car­na­gio­ni oli­va­stre spes­so spa­ri­sco­no, re­sta co­mun­que la lu­mi­no­si­tà. Il no­stro di­ret­to­re crea­ti­vo del ma­quil­la­ge, Ni­co­las De­gen­nes, usa sem­pre una pol­ve­re ro­sa­ta so­pra lo zi­go­mo, ap­pe­na ol­tre il blu­sh, o nell’ar­co sot­to le so­prac­ci­glia per un ef­fet­to lif­ting». In­ve­ce, co­me si usa­no ma­gen­ta e si­mi­li? «Su guan­ce e so­prat­tut­to lab­bra, ma se è ve­ro che dan­no ca­rat­te­re, pro­prio per­ché ri­chia­ma­no l’at­ten­zio­ne, met­to­no in evi­den­za i di­fet­ti. Quin­di stan­no me­glio sui vi­si ton­di e re­go­la­ri». E su­gli oc­chi? «Si può usa­re so­lo il ro­sa chia­ro co­me il­lu­mi­nan­te, dall’at­tac­ca­tu­ra al cen­tro del­la pal­pe­bra, ma va poi sfu­ma­to con gri­gio scu­ro o ne­ro», con­ti­nua Ma­ri­no. «Me­glio la­sciar per­de­re il fuc­sia che “ar­ros­sa” lo sguar­do. Bel­lo, in­ve­ce, l’uso del ne­ro da so­lo, ma­ti­ta e ka­jal op­pu­re una li­nea sot­ti­lis­si­ma dell’eye­li­ner, che con il ro­sa su guan­ce e lab­bra ha una re­sa sti­lo­sa». Di­ven­tan­do il clas­si­co che è riu­sci­to a ru­ba­re la sce­na a ne­ro e ros­so, me­no mo­der­ni. Non so­lo, il duo è an­che il per­fet­to truc­co di que­sta sta­gio­ne di mez­zo, pri­ma di sbiz­zar­rir­ci con i ver­di e i gial­li dei pros­si­mi me­si di feb­bre bra­si­lia­na.

FO­TO DA­NIE­LE ROS­SI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.