Che stra­no, ame­rò una per­so­na più di lui

A mag­gio CRI­STI­NA DE PIN di­ven­te­rà mam­ma, per la pri­ma vol­ta, di una bim­ba. Che dal pa­pà ha già pre­so qual­co­sa

Vanity Fair (Italy) - - Spy - di LA­VI­NIA FAR­NE­SE

Èla pri­ma vol­ta, e le pri­me vol­te si ha pau­ra di tut­to». Cri­sti­na De Pin ha la bel­lez­za del­le don­ne in­cin­te, e un pan­cio­ne da se­sto me­se. Se­du­ta nel suo sa­lot­to, ne par­la po­co, lo guar­da spes­so. Rac­con­ta che ha aspet­ta­to mol­to per co­no­sce­re il ses­so del bam­bi­no, che ades­so scal­cia («ha pre­so dal pa­pà centrocampista»). Per­ché «la sca­ra­man­zia vin­ce sul­la curiosità». E per­ché vo­le­va che all’eco­gra­fia po­tes­se as­si­ste­re il ma­ri­to, il ca­pi­ta­no del Mi­lan Ric­car­do Mon­to­li­vo, sem­pre im­pe­gna­to tra al­le­na­men­ti e par­ti­te. «Co­sì l’ab­bia­mo ap­pe­na sa­pu­to: sa­rà fem­mi­na». Fe­li­ci? «Tan­to. Pen­sa­va­mo: quel­lo che vie­ne, vie­ne, vo­glia­mo più di un fi­glio». È pron­ta la ca­me­ret­ta? «Non c’è an­co­ra. An­che i re­ga­li de­gli ami­ci so­no chiu­si in un ar­ma­dio, li scar­te­re­mo so­lo do­po il par­to». Pen­sa mai a co­me sa­rà quel gior­no? «Il me­no pos­si­bi­le». Ave­te già de­ci­so co­me chia­mar­la? «Per ora ab­bia­mo il li­bro in cui sce­glie­re il no­me. Ne vor­rei uno te­de­sco, per ri­cor­da­re le ori­gi­ni di Ric­car­do ( la mam­ma, An­t­je Dip­pel, è di Kiel, nel Land del­lo Schle­swig-Hol­stein, ndr)». Co­me la im­ma­gi­na? «Fac­cio fa­ti­ca. For­se co­me me, una pic­co­la shoe ad­dic­ted. Ma se le pia­ce­ran­no so­lo le snea­kers me ne fa­rò una ra­gio­ne». Che co­sa vor­reb­be che ere­di­tas­se da lei? «La de­ter­mi­na­zio­ne». E da Ric­car­do? «L’in­te­gri­tà men­ta­le e il ca­rat­te­re: for­te, po­si­ti­vo, tut­to gli sci­vo­la ad­dos­so». Lui co­me ha rea­gi­to quan­do ha sa­pu­to che era una bam­bi­na? «Gli bril­la­va­no gli oc­chi. È stra­no pen­sa­re che ame­rò una per­so­na più di lui». Lei ha 35 an­ni. Le mo­gli dei cal­cia­to­ri di so­li­to di­ven­ta­no ma­dri mol­to pri­ma. «Il de­si­de­rio di una fa­mi­glia l’ho sem­pre avu­to. Ma un fi­glio de­ve ar­ri­va­re al tem­po giu­sto, quan­do ci pen­si di più. E co­sì è sta­to. Og­gi ho più con­sa­pe­vo­lez­za di quan­do ave­vo vent’an­ni, di­cia­mo che mi sen­ti­vo pron­ta. E an­che Ric­car­do. Que­sta bam­bi­na l’ab­bia­mo cer­ca­ta, ed è ve­nu­ta su­bi­to». Qua­li so­no i pro di di­ven­ta­re ma­dre «da gran­de»? «Le sod­di­sfa­zio­ni me le so­no tol­te. Viag­gi d’av­ven­tu­ra ne ab­bia­mo fat­ti. E ora mi sen­to pron­ta a qual­che sa­cri­fi­cio. Non ve­do l’ora che la mia vi­ta sia stra­vol­ta». Ep­pu­re ha avu­to sem­pre a cuo­re la sua in­di­pen­den­za. «Non si può vo­ler fa­re un re­ga­lo al pro­prio ma­ri­to con i sol­di suoi».

C’è chi si chie­de per­ché non si go­de il pri­vi­le­gio di fa­re la ca­sa­lin­ga «man­te­nu­ta». «Ric­car­do sa che so­no una don­na vi­va nei suoi in­te­res­si, nei suoi obiet­ti­vi, che van­no al di là dell’oc­cu­par­mi di lui. E que­sto aiu­ta l’equi­li­brio di cop­pia». Co­me fa­rà con la quin­ta edi­zio­ne del suo pro­gram­ma Tac­co 12! …si na­sce? «Sia­mo al­la fa­se ca­sting, e an­co­ra reg­go». Si ri­ti­re­rà pre­sto, co­me Ila­ry Bla­si dal­le Ie­ne, o fa­rà co­me Ila­ria D’Ami­co o Mi­chel­le Hunziker, ri­ma­ste al­le lo­ro po­sta­zio­ni fi­no a un pas­so dal tra­va­glio? «Non do­ven­do bal­la­re, vor­rei pro­va­re a la­vo­ra­re il più pos­si­bi­le. Tro­ve­re­mo una so­lu­zio­ne: uno sga­bel­lo su cui con­dur­re, del­le bal­le­ri­ne ai pie­di. Per que­sta no­bi­le cau­sa, qua­si tut­to è ac­cet­ta­bi­le». Per­ché «qua­si»? «Mi han­no tol­to gli zuc­che­ri. Pro­prio a me, che non fi­ni­vo mai un pa­sto sen­za un dol­ce». È a die­ta? «Man­gio sa­no, più frut­ta e ver­du­ra. Mi man­ten­go in for­ma con pi­la­tes e nuoto: in va­sca so­no leg­ge­ra. Cer­co di sta­re tran­quil­la. Non per mo­ti­vi este­ti­ci, ma per il be­nes­se­re psi­co­fi­si­co mio e del bam­bi­no. Cel­lu­li­te e sma­glia­tu­re le ave­vo mes­se in con­to». Ric­car­do è so­li­da­le con lei? «Sì. An­che lui evi­ta il su­shi, l’uo­vo in ca­mi­cia e la bi­stec­ca al­la fio­ren­ti­na». Che co­sa è cam­bia­to da ie­ri? «Da spor­ti­va, mi stan­co più fa­cil­men­te. Do­po una cam­mi­na­ta di 10 mi­nu­ti, mi sen­to co­me se aves­si sca­la­to l’Eve­re­st». Co­me ha det­to a Ric­car­do che sa­reb­be di­ven­ta­to pa­pà? «Do­ve­va tor­na­re da una tra­sfer­ta, ho te­nu­to il se­gre­to per tre gior­ni. Poi, gli ho fat­to una sor­pre­sa». Ha idea di quan­do l’ave­te con­ce­pi­ta? «Una se­ra che sia­mo tor­na­ti a ce­na nel pae­se in cui ci era­va­mo spo­sa­ti il 22 mag­gio 2014. Da­van­ti al ca­stel­lo do­ve ci sia­mo det­ti “sì”. La not­te do­po, ri­cor­do che mi è ve­nu­ta una gran­de nau­sea, so­no sta­ta ma­le, era suc­ces­so qual­co­sa». Vo­glie? «Po­che: baccelli di so­ia. E una vol­ta le ac­ciu­ghe». Il ses­so in gra­vi­dan­za? «Nes­su­na va­ria­zio­ne. An­zi, è mi­glio­ra­to. Spe­ria­mo che con­ti­nui co­sì, sen­za cri­si, fi­no all’ul­ti­mo». Chi di­ven­ta mam­ma so­stie­ne che, in quel mo­men­to, non ti cam­bia so­lo la vi­ta, ma an­che il sen­so del pu­do­re. Lei pen­sa che, do­po, po­se­rà an­co­ra nu­da? «For­se non sa­reb­be più na­tu­ra­le, e io vo­glio fa­re so­lo quel­lo che è na­tu­ra­le». An­che il par­to? «Cer­to, è pre­vi­sto per la pri­ma set­ti­ma­na di mag­gio». Si con­ce­de­rà al­me­no l’epi­du­ra­le? «Non me l’han­no an­co­ra spie­ga­ta». Le fan­no un’ane­ste­sia, se sen­te do­lo­re. «Ma­ga­ri al­lo­ra una fir­ma ce la met­to». La do­man­da più stram­ba da in­cin­ta? «“Al­lat­te­rai?”». Che co­sa ri­spon­de? «Che lo spe­ro be­ne. E che, se non po­trò, ci ri­mar­rò ma­le».

FO­TO JU­LIAN HAR­GREA­VES • SER­VI­ZIO FA­BIO FI­NAZ­ZI

17.02.2016

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.