SMS, SIA­MO TUT­TI SEN­ZA MU­TAN­DE

Ar­ri­va un film, PER­FET­TI SCO­NO­SCIU­TI, sul tra­di­men­to via cel­lu­la­re. È peg­gio met­te­re le cor­na o sbir­cia­re i mes­sag­gi del fi­dan­za­to? Qui la ri­spo­sta, do­po un «pro­va­to per voi»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Buon San Valentino/1 - di GUI A SON­CI­NI

Il pro­ble­ma di Per­fet­ti sco­no­sciu­ti è che ab­bia­mo tut­ti un cel­lu­la­re. E sap­pia­mo tut­ti che non è più so­lo un te­le­fo­no, ha ra­gio­ne Eva (Ka­sia Smut­niak): è la no­stra sca­to­la ne­ra, con­tie­ne tut­ti i no­stri se­gre­ti. Sic­co­me Eva è la psi­co­te­ra­peu­ta più squi­li­bra­ta che si sia vi­sta da che in Beau­ti­ful c’era Tay­lor, pro­po­ne agli ami­ci a ce­na un gio­chi­no mortale: tut­ti leg­go­no i mes­sag­gi di tut­ti e ascol­ta­no le te­le­fo­na­te di tut­ti, per quel­la se­ra. Se­gue più o me­no quel che se­gui­reb­be a una del­le no­stre ce­ne, se una sce­neg­gia­tu­ra cru­de­le c’im­po­nes­se di gio­ca­re a que­sto gio­co: cor­na, men­zo­gne, fo­to zoz­ze, dop­pio­gio­chi­smi, se­gre­ti sce­mi ma che quan­do te li sco­pro­no sem­bra­no de­va­stan­ti, «È uno di Fa­ce­book, è tut­to vir­tua­le», «E uno di Fa­ce­book ti chie­de se sei sen­za mu­tan­de?». C’è an­che – e que­sto lo ren­de un film uti­le – la mi­glior scu­sa pos­si­bi­le se il tuo ex ti scri­ve «Ho vo­glia di sco­pa­re» e tuo ma­ri­to ve­de il mes­sag­gio: «Tan­te vol­te è il T9». Di so­li­to non suc­ce­de vo­lon­ta­ria­men­te (nes­su­no ha tra le ami­che psi­co­te­ra­peu­te co­sì fes­se). Di so­li­to ac­ca­de co­me rac­con­ta­no i per­so­nag­gi all’ini­zio del film, par­lan­do di un ami­co as­sen­te, uno il cui ma­tri­mo­nio è fi­ni­to «per una ven­ti­duen­ne»: la mo­glie l’ha sco­per­to per­ché gli ha guar­da­to i mes­sag­gi. La ta­vo­la­ta si di­vi­de nel più rea­li­sti­co dei mo­di. Tra chi «Pe­rò pu­re lei, co­sa ti met­ti a guar­da­re i mes­sag­gi» e chi «Pe­rò pu­re lui, ti pa­re che non can­cel­li i mes­sag­gi». Di so­li­to i se­gre­ti ven­go­no for­za­ti, non sve­la­ti, e di so­li­to la for­za­tu­ra fi­ni­sce per con­ta­re più del se­gre­to.

Ç Ave­vi ra­gio­ne» è sem­pre una bel­la fra­se da sen­tir­si di­re; l’«ave­vi ra­gio­ne» che più mi ha fat­to pia­ce­re è ac­ca­du­to non mol­to tem­po fa, men­tre mi rac­con­ta­va­no un pet­te­go­lez­zo. Di­ce­va­no che, men­tre era in va­can­za col fi­dan­za­to re­gi­sta, una ra­gaz­za che co­no­sce­va­mo fos­se fi­ni­ta a dor­mi­re a ca­sa di un al­tro per­so­nag­gio che vil­leg­gia­va vi­ci­no. Ri­fu­gia­ta­si lì do­po che il re­gi­sta fu­ri­bon­do l’ave­va cac­cia­ta. La ra­gio­ne dell’ira fu­ne­sta di lui era che lei gli ave­va guar­da­to i mes­sag­gi. Mes­sag­gi tra i qua­li ce n’era­no al­cu­ni, ine­qui­vo­ca­bi­li, tra lui e un’at­tri­ce. Quin­di l’of­fe­sa non avreb­be do­vu­to es­se­re lei, la fi­dan­za­ta tra­di­ta? In un uni­ver­so li­nea­re, sì. In quel­lo at­tua­le, in cui ci sia­mo com­pli­ca­ti la vi­ta col con­cet­to di pri­va­cy, no: la vio­la­zio­ne del­la sca­to­la ne­ra è più gra­ve del­la fre­quen­ta­zio­ne del­le al­trui mu­tan­de. Il tra­di­men­to ses­sua­le di lui era pas­sa­to in se­con­do pia­no, of­fu­sca­to dal tra­di­men­to del­la pri­va­cy com­piu­to da lei, che gli ave­va spia­to il cel­lu­la­re. L’ami­ca me lo rac­con­ta­va en­tu­sia­sta: ave­vi ra­gio­ne tu, quel­la vol­ta, eri so­lo in an­ti­ci­po sui tem­pi. Ero l’avan­guar­dia del­la cor­nu­ta che de­ve scu­sar­si.

La ter­za via, tra sot­trar­re il te­le­fo­no per ve­de­re se m’hai tra­di­to e of­fri­re vo­lon­ta­ria­men­te i miei se­gre­ti per as­se­con­da­re una psi­co­te­ra­peu­ta in­ca­pa­ce, è la di­stra­zio­ne. Quel­la di lui ( un ve­ro cre­ti­no): « Usa pu­re il mio com­pu­ter men­tre so­no fuo­ri», con Sky­pe ri­ma­sto aper­to. Al pri­mo ru­mo­re sgu­scian­te di mes­sag­gio in ar­ri­vo, può la san­ta don­na (io) ri­ma­sta da­van­ti al com­pu­ter del cre­ti­no non ini­zia­re a leg­ge­re le sue con­ver­sa­zio­ni? Quel­le con la mi­glio­re ami­ca, cui lui con­fi­da tut­to (tra le ca­te­go­rie ma­schi­li di cui dif­fi­da­re, il mo­del­lo «una don­na per ami­co» si piaz­za ai pri­mi po­sti). La ten­ta­zio­ne è ir­re­si­sti­bi­le, an­che se sai che ti fa­rai ma­le. Ine­vi­ta­bil­men­te: se non sa­ran­no cor­na, sa­ran­no to­ni sba­glia­ti, sleal­tà, pic­co­le cat­ti­ve­rie det­te per dar­si un to­no. Nel­la vi­ta fun­zio­na co­me sul­lo scher­mo: non im­por­ta se lei ri­spon­de «È uno di Fa­ce­book, non l’ho mai vi­sto»; lui ri­ter­rà co­mun­que gra­vis­si­mo che sua mo­glie ri­ce­va da «uno di Fa­ce­book» un mes­sag­gio con scrit­to «Le mu­tan­de ce le hai?». Hai vo­glia a spie­gar­gli che è ri­po­san­te pro­prio per­ché non lo co­no­sci e non ci fa­rai mai nien­te: ti sei tol­ta le mu­tan­de per uno che non è tuo ma­ri­to, più tra­di­men­to di co­sì.

In Wei­ner, il do­cu­men­ta­rio che ha ap­pe­na vin­to il Sun­dan­ce sull’ex de­pu­ta­to ed ex can­di­da­to sin­da­co di New York che s’è gio­ca­to la car­rie­ra po­li­ti­ca per aver man­da­to dei mes­sag­gi zoz­zi a una sco­no­sciu­ta, c’è una sce­na in cui la sco­no­sciu­ta aspet­ta An­tho­ny Wei­ner e la mo­glie Hu­ma Abe­din fuo­ri da un co­mi­zio, in­sie­me a fo­to­gra­fi e te­le­ca­me­re. È una sco­no­sciu­ta cui lui ha scrit­to del­le por­che­rie vir­tua­li, non una don­na

con cui lui ab­bia tra­scor­so va­can­ze e se­ra­te ro­man­ti­che; ep­pu­re la mo­glie si com­por­ta co­me se l’aman­te si fos­se pre­sen­ta­ta al pran­zo di Na­ta­le. Men­tre de­ci­do­no di usci­re dal re­tro, Hu­ma di­ce che non sa­reb­be di­gni­to­so far­si fo­to­gra­fa­re as­sie­me a «quel­la don­na». Hu­ma è un’edi­zio­ne con­tem­po­ra­nea del­la mo­glie di Spen­cer Tra­cy. Quan­do lui mo­rì e Ka­tha­ri­ne He­p­burn le te­le­fo­nò, lei ri­spo­se: «Io cre­de­vo che tu fos­si so­lo un pet­te­go­lez­zo». He­p­burn e Tra­cy era­no sta­ti in­sie­me per tre de­cen­ni; nes­su­no ha più la pa­zien­za di ave­re re­la­zio­ni co­sì con­cre­te e du­ra­tu­re, al mas­si­mo pos­sia­mo man­dar­ci mes­sag­gi fan­ta­sio­si per qual­che me­se, e il li­vel­lo dell’of­fe­sa co­niu­ga­le si è ade­gua­to.

Mi so­no di­strat­ta, e pro­prio men­tre par­la­vo di me. Di quel­lo del qua­le les­si i mes­sag­gi su Sky­pe. Sco­pren­do che era sta­to a let­to con un’al­tra, che for­se gli pia­ce­va più di me, era in­de­ci­so; e con un’al­tra an­co­ra, che no, gli pia­ce­va de­ci­sa­men­te me­no di me, ora era tut­to chia­ro; e pe­rò no, ci sta­va ri­pen­san­do, mi ave­va ri­vi­sta ed ero più ces­sa di co­me mi ri­cor­da­va. Con­ver­re­te an­che voi che il det­ta­glio im­per­do­na­bi­le non fos­se­ro le len­zuo­la del­le al­tre: co­me ti per­met­ti di di­re al­la tua ami­ca che so­no un ces­so? Co­me puoi es­se­re co­sì cre­ti­no da la­sciar scrit­to da qual­che par­te che non mi re­pu­ti la don­na più bel­la del mon­do? Co­me puoi non di­spor­re del­la do­ta­zio­ne mi­ni­ma di neu­ro­ni ne­ces­sa­ria a pre­ve­de­re che, cer­to, pri­ma o poi leg­ge­rò, e cer­to, al­lo­ra ren­de­rò la tua vi­ta un in­fer­no, co­me, co­me? Quan­do tor­nò a ca­sa, ci di­vi­dem­mo im­me­dia­ta­men­te co­me la ta­vo­la­ta di Per­fet­ti sco­no­sciu­ti quan­do par­la dell’ami­co con aman­te ven­ti­duen­ne. Io a stril­la­re che non po­te­va es­se­re co­sì im­be­cil­le da non aver can­cel­la­to. Lui a bo­fon­chia­re che non po­te­vo es­se­re sta­ta co­sì ir­ri­spet­to­sa da leg­ge­re. Tut­to il re­sto era ac­can­to­na­to: i dub­bi, i tra­di­men­ti, qua­si an­che il fat­to di fre­quen­ta­re uno che di­ce in gi­ro che sei un po’ ces­sa (qua­si). Re­sta­va so­lo il tec­ni­ci­smo: è tuo do­ve­re can­cel­la­re i mes­sag­gi che cau­se­ran­no cri­si, o è mio do­ve­re non leg­ger­li?

Se può aiu­tar­vi a ri­sol­ve­re il dub­bio: poi il re­gi­sta dell’aned­do­to di vil­leg­gia­tu­ra ha per­do­na­to la fi­dan­za­ta che gli ave­va sbir­cia­to i mes­sag­gi, si so­no spo­sa­ti, vi­vo­no se­mi­fe­li­ci e se­mi­con­ten­ti, co­me tut­te le cop­pie che du­ra­no. Quan­to a me, all’epo­ca mi so­no ri­fiu­ta­ta di scu­sar­mi per aver let­to co­sa di­ce­va il cre­ti­no di me, e ora dal ci­ne­ma so­no usci­ta con la cer­tez­za che il so­lo ad ama­re dav­ve­ro la mo­glie sia il per­so­nag­gio di Va­le­rio Ma­stan­drea. È l’uni­co a chie­de­re a un ami­co di scam­biar­si il te­le­fo­no di na­sco­sto: sta per ar­ri­var­gli una fo­to sen­za mu­tan­de su Wha­tsApp. Se una sco­no­sciu­ta ti man­da una fo­to sen­za mu­tan­de e tua mo­glie non vie­ne a sa­per­lo, può con­si­de­rar­si tra­di­men­to?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.