La con­qui­sta DELL’EDEN

Sem­bra­va­no sul pun­to di scom­pa­ri­re, in­ghiot­ti­te dall’ocea­no, in­ve­ce le iso­le na­te dal fuo­co dei vul­ca­ni so­no an­co­ra qui: a qua­si 50 an­ni dall’ar­ri­vo del tu­ri­smo sia­mo sbar­ca­ti in cer­ca del­le MAL­DI­VE per­fet­te. Ab­bia­mo tro­va­to un cie­lo stel­la­to sot­to il mar

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di L AUR A F IEN­GO

Non nuo­ta mai all’in­die­tro. Ma non è cer­to da que­sto che lo ri­co­no­sci. La boc­ca è lar­ga un me­tro e mez­zo, quan­do la apre di­ven­ta ton­da co­me un om­brel­lo­ne, e pro­ce­de con­cen­tra­to per­ché è im­pe­gna­to a bi­lan­ciar­si at­ten­ta­men­te con le pin­ne, al­tri­men­ti, con i suoi 40 mi­la chi­li per 12 me­tri di cor­po, si ri­bal­te­reb­be fa­tal­men­te pan­cia all’aria co­me una bar­ca scuf­fia­ta, e nes­su­no, nem­me­no l’ar­ga­no di una por­ta con­tai­ner di pas­sag­gio ver­so Sri Lan­ka, riu­sci­reb­be più a ri­met­ter­lo in li­nea. Non ha pa­ren­ti: è l’uni­co mem­bro del­la sua spe­cie (co­me noi uma­ni, sia­mo so­lo noi) e non si fe­ri­sce mai. Nes­su­no sa per­ché ma lo squa­lo ba­le­na, il più gran­de pe­sce del mon­do, se si fa ma­le si cu­ra da so­lo, gra­zie al suo or­ga­ni­smo, e non può pren­de­re il cancro. Qua­si sem­pre è ma­schio (dei 200 esem­pla­ri del­le Mal­di­ve, so­lo il 5% è fem­mi­na), nes­su­no lo ha mai vi­sto par­to­ri­re né con­ce­pi­re: non si sa nem­me­no be­ne co­me fac­cia, e do­ve na­sca­no i pic­co­li – ra­ris­si­mi –, l’even­to non è mai sta­to os­ser­va­to da­gli scien­zia­ti. E se non ba­stas­se il mi­ste­ro, cap­ta i cam­pi ma­gne­ti­ci: sa sem­pre co­sa suc­ce­de, do­ve si tro­va, do­ve ti tro­vi tu. In que­sto ca­so pro­prio qui so­pra di lui, con le pin­ne fo­sfo­re­scen­ti (for­se era me­glio ne­re, per non far­si no­ta­re) a un pa­io di me­tri, ver­so la lu­ce del so­le. Per es­se­re a buon di­rit­to un mo­stro ma­ri­no, non in­cu­te nes­su­na pau­ra. Lo guar­di cer­can­do di se­gui­re il suo nuoto, all’al­tez­za de­gli oc­chi. Buo­ni, qua­si bo­vi­ni: gli esper­ti as­si­cu­ra­no che man­gia so­lo «ro­ba che non sa nuo­ta­re»: planc­ton, pic­co­li ca­la­ma­ri al mas­si­mo. Pe­rò, ave­vo let­to a ca­sa, ben 310 fi­le di mi­nu­sco­li den­ti­ni co­mun­que ce le ha, e li ve­do vi­ci­ni (spe­ria­mo che la bio­lo­gia ma­ri­na sia una scien­za esat­ta). Ti au­gu­ri che non se ne va­da trop­po in fret­ta nell’abis­so da do­ve è ve­nu­to, spez­zan­do l’in­can­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.