Il mu­ra­to­re da Oscar

Me­glio tar­di che mai. Il suc­ces­so, per BRYAN CRAN­STON, è ar­ri­va­to quan­do or­mai non ci spe­ra­va più. Smes­si i pan­ni di un prof (cri­mi­na­le), ora in­ter­pre­ta un ou­tsi­der di Hol­ly­wood in un film che po­treb­be re­ga­lar­gli la sta­tuet­ta più am­bi­ta. Tut­to gra­zie a un

Vanity Fair (Italy) - - Breaking Vanity - FO­TO AU­STIN HARGRAVE di EN­RIC A BROC A RDO

«Ubuon bic­chie­re di vi­no, pe­sce, un con­tor­no di ver­du­re e un’insalata». Bryan Cran­ston mi fa l’elen­co di quel­lo che ha mes­so in ta­vo­la il 14 gen­na­io per ce­le­bra­re la sua can­di­da­tu­ra agli Oscar co­me mi­glior at­to­re pro­ta­go­ni­sta del film L’ul­ti­ma pa­ro­la. La ve­ra sto­ria di Dal­ton Trum­bo. A ta­vo­la c’era an­che sua mo­glie Ro­bin Dear­den. Un ma­tri­mo­nio, il lo­ro, che du­ra da ol­tre ven­ti­cin­que an­ni. «È im­por­tan­te ce­le­bra­re cer­ti mo­men­ti. Fin­ché sei pic­co­lo, ti ri­cor­di ogni fe­sta di com­plean­no, poi da gran­de smet­ti di far­ci ca­so. Non do­vreb­be es­se­re co­sì». Chis­sà se met­te­rà in pra­ti­ca i suoi buo­ni pro­po­si­ti il 7 mar­zo, una da­ta da non di­men­ti­ca­re vi­sto che com­pi­rà ses­sant’an­ni ton­di. E so­lo un lu­stro, an­no più an­no me­no, di suc­ces­so. Ag­giun­ge quel­la che, evi­den­te­men­te, gli sem­bra una do­ve­ro­sa spie­ga­zio­ne: «Non so­no il ti­po che va in gi­ro per lo­ca­li af­fol­la­ti a be­re cham­pa­gne tut­ta la not­te. Pas­so già ab­ba­stan­za tem­po in mez­zo al­la gen­te. Ap­pe­na ho l’oc­ca­sio­ne di iso­lar­mi la pren­do al vo­lo. Mi ser­ve a ri­las­sar­mi e ri­ca­ri­ca­re le ener­gie». Il film, in usci­ta in Ita­lia l’11 feb­bra­io, rac­con­ta la sto­ria di Dal­ton Trum­bo (1905-1976), sce­neg­gia­to­re di suc­ces­so

a Hol­ly­wood ne­gli an­ni Qua­ran­ta, fi­ni­to nel­la li­sta dei «ne­mi­ci del­la pa­tria» in quan­to co­mu­ni­sta (più di­chia­ra­to che pra­ti­co, con­si­de­ra­to il suo sti­le di vi­ta piut­to­sto son­tuo­so) du­ran­te il pe­rio­do del Mac­car­ti­smo. Con­dan­na­to a 11 me­si di pri­gio­ne e mes­so al ban­do da­gli stu­dios, Trum­bo con­ti­nuò a la­vo­ra­re sot­to fal­so no­me, pro­du­cen­do co­pio­ni per B-mo­vie a un rit­mo for­sen­na­to, ma an­che vin­cen­do, sot­to fal­so no­me, due Oscar, per Va­can­ze ro­ma­ne, nel 1954, e per La più gran­de cor­ri­da, tre an­ni do­po. Il pro­dut­to­re del film su Trum­bo, Mi­chael London, ha det­to che Cran­ston e il suo per­so­nag­gio so­no si­mi­li sot­to mol­ti aspet­ti. Ri­de quan­do gli elen­co le ca­rat­te­ri­sti­che che avreb­be­ro in co­mu­ne – ira­sci­bi­li, in­stan­ca­bi­li, os­ses­si­vi e ap­pas­sio­na­ti nei con­fron­ti del lo­ro la­vo­ro – e gli chie­do se pen­sa di do­ver ag­giun­ge­re qual­cos’al­tro. «Be’, al­me­no un’al­tra co­sa c’è: an­che a me pia­ce la­vo­ra­re nel­la va­sca da bagno. Mi por­to qual­co­sa da be­re e me ne sto im­mer­so a leg­ge­re e a pren­de­re appunti». In co­mu­ne con Trum­bo, po­treb­be pre­sto ave­re an­che un Oscar. An­che se i pro­no­sti­ci, a di­re il ve­ro, non so­no a suo fa­vo­re, e lui lo sa be­nis­si­mo. «Qual­cu­no mi ha fat­to no­ta­re che, d’ora in avan­ti, “no­mi­na­to a un Aca­de­my Award” di­ven­te­rà una spe­cie di eti­chet­ta che pre­ce­de­rà il mio no­me du­ran­te le pre­sen­ta­zio­ni. Non ho mai pun­ta­to a nien­te di si­mi­le, pe­rò vo­glio fa­re an­co­ra tan­ti film e ci so­no pa­rec­chi re­gi­sti con i qua­li mi pia­ce­reb­be la­vo­ra­re: una can­di­da­tu­ra si­gni­fi­ca che avrò più chan­ce di riu­scir­ci o an­che che, nel ca­so di pic­co­li pro­get­ti in­di­pen­den­ti, po­trei es­se­re d’aiu­to a tro­va­re i sol­di per rea­liz­zar­li». Do­po il suc­ces­so mon­dia­le del­la se­rie Brea­king Bad, am­met­te che per non far­si ri­co­no­sce­re e os­ser­va­re, inos­ser­va­to, il pros­si­mo al­la ri­cer­ca di pic­co­li ge­sti da tra­sfe­ri­re nei suoi per­so­nag­gi, spes­so va in gi­ro con le cuf­fiet­te nel­le orec­chie e lo sguar­do bas­so. Un bel cam­bia­men­to per uno che, a lun­go, ha avu­to il pro­ble­ma in­ver­so: far­si no­ta­re. Per ol­tre vent’an­ni è vis­su­to rag­gra­nel­lan­do la­vo­ret­ti in spot pub­bli­ci­ta­ri e par­ti­ci­ne in se­rie Tv mi­no­ri. Ogni vol­ta, ha rac­con­ta­to, man­da­va de­ci­ne e de­ci­ne di car­to­li­ne ai re­spon­sa­bi­li dei ca­sting per se­gna­la­re le sue appa­ri­zio­ni. «Ero con­sa­pe­vo­le che qua­si nes­su­no di lo­ro le avreb­be mai let­te, ma spe­ra­vo che, in qual­che mo­do, la mia fac­cia e il mio no­me la­scias­se­ro una trac­cia e che, su­bli­mi­nal­men­te, pas­sas­se il mes­sag­gio: “Chiun­que sia que­sto ti­zio, sta la­vo­ran­do un sac­co”». Am­met­te an­che di aver avu­to mo­men­ti in cui ha pen­sa­to di mol­la­re. Non so­lo non lo ha mai fat­to, ma ha sem­pre mes­so tut­to se stes­so in ogni ruo­lo, non im­por­ta­va quan­to mi­no­re. Co­me quel­lo di mu­ra­to­re in un epi­so­dio nel­la se­rie X-Fi­les an­da­to in on­da nel 1998. Co­sì con­vin­cen­te da ri­ma­ne­re im­pres­so nel­la me­mo­ria dell’idea­to­re di Brea­king Bad, Vin­ce Gil­li­gan, che, a di­stan­za di die­ci an­ni, lo vol­le a tut­ti i co­sti co­me pro­ta­go­ni­sta del­la se­rie. «Sia­mo il ri­sul­ta­to del­le no­stre espe­rien­ze. I miei ge­ni­to­ri han­no di­vor­zia­to quan­do ave­vo do­di­ci an­ni e per qual­che an­no mio fra­tel­lo e io sia­mo sta­ti man­da­ti a vi­ve­re dai non­ni ma­ter­ni. La di­sci­pli­na era estre­ma­men­te ri­gi­da: do­ve­va­mo da­re una ma­no ai la­vo­ri di ca­sa e le re­go­le va­le­va­no an­che per il po­co tem­po che ci era con­ces­so di guar­da­re la Tv. Non era­va­mo abi­tua­ti a nien­te di si­mi­le, è sta­ta du­ra. Ma col tem­po ho ca­pi­to che quel ti­po di di­sci­pli­na era esat­ta­men­te quel­lo che mi ser­vi­va». Chiu­de la sua ri­spo­sta con una fra­se che suo­na co­me un mot­to da ap­pen­de­re al mu­ro: «A vol­te non si trat­ta di quel­lo che vuoi, ma di ciò di cui hai bi­so­gno». A quel pun­to, mi vie­ne spon­ta­neo chie­der­gli se ab­bia ap­pli­ca­to lo stes­so «me­to­do» con sua fi­glia Tay­lor, og­gi ven­ti­treen­ne e at­tri­ce agli esor­di. «Cer­to», ri­spon­de. «Spes­so ci di­men­ti­chia­mo che la ma­tu­ri­tà du­ra mol­to più a lun­go dell’in­fan­zia. L’obiet­ti­vo dei ge­ni­to­ri do­vreb­be es­se­re quel­lo di cre­sce­re in­di­vi­dui ri­sol­ti, equi­li­bra­ti e com­pas­sio­ne­vo­li ver­so il pros­si­mo. È a que­sto che bi­so­gna pen­sa­re quan­do si fan­no cer­te scel­te: all’ef­fet­to che avran­no in fu­tu­ro piut­to­sto che nell’im­me­dia­to. L’im­por­tan­te non è cre­sce­re bam­bi­ni, ma adul­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.