ROC­CO HUNT A SAN­RE­MO

«Dor­mi­vo nel­la stan­zet­ta con la muf­fa». Poi ROC­CO HUNT ha trion­fa­to tra i Gio­va­ni, e la sua vi­ta è cam­bia­ta. Ora tor­na al Fe­sti­val, tra i Big, e aspet­ta­te­vi la ri­vo­lu­zio­ne. Con qual­che chi­lo in me­no e una fi­dan­za­ta (mol­to pa­zien­te) in più

Vanity Fair (Italy) - - Social - di RAF­FAEL­LA SE­RI­NI FO­TO ALES­SAN­DRA TISATO

Di­men­ti­ca­te bor­chie e ta­tuag­gi: Roc­co Hunt è un rap­per dal­la fac­cia pu­li­ta («Per San­re­mo mi ta­glie­rò an­che la bar­ba»), che tut­te le non­ne vor­reb­be­ro co­me ni­po­te. Le uni­che con­ces­sio­ni all’im­ma­gi­na­rio hip hop so­no l’enor­me T-shirt, la ca­te­na al col­lo e un anel­lo con in­ci­se le ini­zia­li del suo no­me d’ar­te: RH (all’ana­gra­fe è Roc­co Pa­glia­ru­lo). «Do­po aver vin­to San­re­mo Gio­va­ni nel 2014 con Nu juor­no buo­no, so­no di­ven­ta­to il rap­per del­la por­ta ac­can­to: il ra­gaz­zo sem­pli­ce, quel­lo che non di­ce pa­ro­lac­ce. Ma an­che se gli ul­ti­mi di­schi so­no più me­lo­di­ci, guar­di che io ven­go dal rap pu­ro».

A due an­ni da quel­la vit­to­ria, Roc­co è tor­na­to al Fe­sti­val, tra i Big. Per di­mo­stra­re di es­se­re «un per­so­nag­gio du­ra­tu­ro, non so­lo “il rap­per di San­re­mo”», ma so­prat­tut­to per «ri­sve­glia­re le co­scien­ze» con un bra­no dal ti­to­lo ine­qui­vo­ca­bi­le: Wa­ke Up («sve­glia»). Una can­zo­ne ca­pa­ce di ri­sve­glia­re an­che la tran­quil­la pla­tea dell’Ari­ston: «È un pez­zo ri­vo­lu­zio­na­rio per que­sto pal­co: 120 bat­ti­ti per mi­nu­to, so­no­ri­tà tur­bo funk». E già si ca­pi­sce che è im­pos­si­bi­le te­ne­re i pie­di fer­mi. In ga­ra ci so­no an­che i suoi ami­ci cam­pa­ni, Nef­fa e Cle­men­ti­no. «Per for­tu­na è un Fe­sti­val ter­ro­ne. Con Cle­men­ti­no por­tia­mo all’Ari­ston la cul­tu­ra hip hop, quel­la con un mes­sag­gio so­cia­le. A par­te i can­tau­to­ri sto­ri­ci, nel­la mu­si­ca ita­lia­na man­ca­no pez­zi di de­nun­cia». Il suo Wa­ke Up esat­ta­men­te a chi si ri­vol­ge? «An­che a me stes­so. Ogni vol­ta che scri­vo un te­sto mi sen­to in de­bi­to mo­ral­men­te: se can­to la “ter­ra dei fuo­chi” poi non pos­so but­ta­re la car­ta per ter­ra. Le can­zo­ni so­no un mo­ni­to: per esem­pio, da quan­do ho scrit­to Wa­ke Up, la mat­ti­na mi al­zo sem­pre pre­sto». A can­ta­re ver­si co­me «lo Sta­to non ci

sen­te, spe­cial­men­te a noi del Sud», non si ri­schia di pas­sa­re per po­pu­li­sti? «Quan­do si scri­ve un pez­zo di de­nun­cia quel­la pau­ra c’è sem­pre. Ma se al­la ba­se c’è spon­ta­nei­tà la gen­te lo ca­pi­sce». Da ven­ten­ne, co­me ve­de la sua ge­ne­ra­zio­ne? «“Ci ve­do” di­so­rien­ta­ti e sfi­du­cia­ti nei con­fron­ti del­le isti­tu­zio­ni e del fu­tu­ro. Ma il mio “sve­glia­te­vi” non è tan­to una cri­ti­ca ai ra­gaz­zi, quan­to al si­ste­ma che non ci dà le op­por­tu­ni­tà giu­ste, so­prat­tut­to da Ro­ma in giù». Per esem­pio? «A Sa­ler­no non so­lo non ci so­no ma­na­ge­ment e strut­tu­re per la mu­si­ca, ma nean­che scuo­le che svi­lup­pi­no i ta­len­ti. Per­si­no a Ro­ma gli uf­fi­ci di­sco­gra­fi­ci stan­no chiu­den­do. So­no tan­ti i set­to­ri do­ve ci sen­tia­mo svan­tag­gia­ti». Non ri­ma­ne che il po­sto fis­so, di­reb­be Chec­co Za­lo­ne. «Da ra­gaz­zo ve­de­vo mio pa­dre che la­vo­ra­va in una coo­pe­ra­ti­va per po­co e nien­te e mio non­no che, do­po qua­rant’an­ni di ser­vi­zio al ver­de pub­bli­co, riu­sci­va a pa­ga­re an­che la ca­sa del­la fi­glia. Co­sì pen­sa­vo che una vol­ta mag­gio­ren­ne sa­rei an­da­to in Co­mu­ne a im­plo­ra­re di as­su­mer­mi. All’estero ti in­di­riz­za­no ver­so un cor­so di stu­di che pos­sa por­tar­ti al la­vo­ro giu­sto per te, da noi si pren­de la lau­rea sen­za ave­re nep­pu­re l’idea del do­po. E co­sì fi­ni­sce che chia­mi un call cen­ter in Ir­lan­da e ti ri­spon­de Ma­ria di Ca­ser­ta con tren­ta ti­to­li di stu­dio». La sua vi­ta è cam­bia­ta do­po il suc­ces­so? «Ri­spet­to a quel­lo che ave­vo pri­ma mi sen­to già ap­pa­ga­to: ho po­tu­to aiu­ta­re i miei ge­ni­to­ri e il mio “nuo­vo” fra­tel­li­no di tre an­ni e mez­zo, Ga­brie­li­no. Io dor­mi­vo nel­la stan­zet­ta con la muf­fa, Ga­briel va all’asi­lo ed è il fra­tel­lo di Roc­co Hunt». A Sa­ler­no co­me è per­ce­pi­to Roc­co Hunt? «Sia­mo sti­ma­ti per­ché la mia fa­mi­glia è umi­le e one­sta. La gen­te giu­di­ca il suc­ces­so: “Quel­lo se lo me­ri­ta, quel­lo no”. I miei han­no pas­sa­to la pro­va del po­po­lo». Lei co­sì le­ga­to al­la fa­mi­glia,

co­me giu­di­ca il dibattito su fa­mi­glie «tra­di­zio­na­li» e no? «Ognu­no può fa­re quel­lo che gli pa­re e va ri­spet­ta­to, pur­ché non in­tac­chi la li­ber­tà al­trui. Io i fi­gli non li da­rei a chi non lo me­ri­ta, a pre­scin­de­re dal ses­so». È re­li­gio­so? «Ho fat­to tut­ti gli step del cat­to­li­co mo­del­lo e cre­do in Dio, ma non ho fi­du­cia in una isti­tu­zio­ne che pro­fes­sa la pa­ce nel mon­do e poi non ven­de i suoi im­mo­bi­li per aiu­ta­re chi muo­re an­co­ra per una feb­bre». Scu­si se glie­lo chie­do, ma è di­ma­gri­to? «Ho per­so un po’ di chi­li, sì. A ini­zio an­no mi so­no chiu­so in una cli­ni­ca di fit­ness: fa­ce­vo al­le­na­men­ti tut­to il gior­no e man­gia­vo so­lo frut­ta e ver­du­ra». Si è de­fi­ni­to un ti­po pos­ses­si­vo: at­tual- men­te c’è una «pos­se­du­ta»? «Sì, e con lei va avan­ti da un bel po’: si­gni­fi­ca che le sta be­ne se la chia­mo cin­quan­ta vol­te al gior­no». I suoi fan so­no tut­ti del Sud? «Ai firm a co­pie è tut­to un ue’ ue’, an­che a Bre­scia. Ma ogni tan­to ca­pi­ta che si av­vi­ci­ni la ra­gaz­za con ac­cen­to del Nord. Al­lo­ra chie­do: “Hai pa­ren­ti me­ri­dio­na­li?”. “No, sia­mo tut­ti di qua”. E in quel ca­so mi fac­cio una fo­to più af­fet­tuo­sa».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.