Le pi­roet­te a Cin­que Stel­le

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Al­la fi­ne è ar­ri­va­ta la pi­roet­ta del M5S sul ddl Ci­rin­nà: la li­ber­tà di co­scien­za ai se­na­to­ri pen­ta­stel­la­ti che la set­ti­ma­na scor­sa han­no co­min­cia­to il dibattito sul­la leg­ge che re­go­la, fra le al­tre co­se, le unio­ni ci­vi­li. Era at­te­sa, era nell’aria, non ar­ri­va del tut­to ina­spet­ta­ta. Il Mo­vi­men­to di Bep­pe Gril­lo, par­don, di Gian­ro­ber­to Ca­sa­leg­gio (or­mai Gril­lo è tor­na­to a fa­re il co­mi­co, an­che se si fa­ti­ca a ve­de­re la dif­fe­ren­za) ha an­nun­cia­to at­tra­ver­so il sa­cro blog che gli elet­ti a Pa­laz­zo Ma­da­ma pos­so­no vo­ta­re un po’ co­me vo­glio­no. Stes­sa po­si­zio­ne del Pd, che pe­ral­tro è il pro­mo­to­re, at­tra­ver­so una sua se­na­tri­ce, Mo­ni­ca Ci­rin­nà, del­la leg­ge. Ci sa­rem­mo po­tu­ti aspet­ta­re più co­rag­gio da par­te del Pd? Può es­se­re. Ma men­tre Mat­teo Ren­zi - che sui di­rit­ti ci­vi­li e i te­mi eti­ci re­sta un fur­bac­chio­ne e cer­ca sem­pre la po­si­zio­ne me­no im­po­po­la­re - cer­ca di far ap­pro­va­re la leg­ge, il M5S si met­te a fa­re i gio­chi­ni sul­la pel­le di chi at­ten­de quel­le nor­me da trop­pi an­ni. «L’Ita­lia non ha una le­gi­sla­zio­ne per le unio­ni di fat­to. È una ver­go­gna che va at­tri­bui­ta al pd­me­noel­le, al pdl e al­la Chie­sa», di­ce­va Gril­lo nel 2012. «Non c’è nul­la di ma­le a es­se­re gay. Fa in­ve­ce schi­fo ne­ga­re di­rit­ti sa­cro­san­ti per un pu­gno di vo­ti». E que­sto? Sem­pre Gril­lo, e sem­pre nel 2012. Era­no al­tri tem­pi, po­chi me­si pri­ma del­le ele­zio­ni po­li­ti­che del 2013. Ades­so quel «pu­gno di vo­ti» ri­schia di per­der­lo il M5S, il cui elet­to­ra­to ne­gli ul­ti­mi an­ni è cam­bia­to e il Ca­sal­gril­lo (Ca­sa­leg­gio + Gril­lo) non vuo­le smar­ri­re con­sen­si a de­stra. Per que­sto è ar­ri­va­ta la pi­roet­ta, ma­gni­fi­ca­men­te rap­pre­sen­ta­ta dai ver­ti­ci del Mo­vi­men­to: «Sul di­se­gno di leg­ge Ci­rin­nà il Mo­vi­men­to 5 Stel­le vo­te­rà in li­ber­tà di co­scien­za. Sia al Se­na­to che al­la Ca­me­ra. È giu­sto che sia co­sì su te­mi eti­ci co­me quel­li che ri­guar­da­no ado­zio­ni e unio­ni tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so. So­prat­tut­to per un Mo­vi­men­to co­me il no­stro che ha di­ver­se sen­si­bi­li­tà da ri­spet­ta­re», di­ce Lui­gi «Ci­ria­co» Di Maio, au­to­re­vo­le mem­bro del di­ret­to­rio a Cin­que Stel­le, che s’ac­cor­ge im­prov­vi­sa­men­te che esi­ste la li­ber­tà di co­scien­za do­po aver­la ne­ga­ta a chiun­que aves­se una po­si­zio­ne mi­ni­ma­men­te cri­ti­ca (cac­cian­do i par­la­men­ta­ri a pe­da­te nel cu­lo). Pe­ral­tro, nel po­st com­par­so sul blog di Bep­pe Gril­lo c’è scrit­ta una (mez­za) bu­fa­la per giu­sti­fi­ca­re il die­tro­front. «Nel­la vo­ta­zio­ne on­li­ne che si è svol­ta a ot­to­bre 2014 non era pre­sen­te al­cun ac­cen­no al­le ado­zio­ni e gli iscrit­ti del M5S non han­no po­tu­to di­bat­te­re su que­sto ar­go­men­to spe­ci­fi­co » . Non è ve­ro. Il que­si­to era sta­to cam­bia­to a vo­ta­zio­ni aper­te, su­sci­tan­do pu­re qual­che po­le­mi­ca, ma ap­pe­na pub­bli­ca­to suo­na­va co­sì: «Sei fa­vo­re­vo­le all’in­tro­du­zio­ne nel no­stro or­di­na­men­to giu­ri­di­co del­le unio­ni ci­vi­li fra per­so­ne del­lo stes­so ses­so (di­rit­ti e do­ve­ri del­la cop­pia equi­pa­ra­ti al ma­tri­mo­nio ma con esclu­sio­ne del­la pos­si­bi­li­tà di adot­ta­re fi­gli estra­nei al­la cop­pia)?». L’ute­ro in af­fit­to è una pra­ti­ca vie­ta­ta in Ita­lia, men­tre la ste­p­child adop­tion - l’ado­zio­ne del fi­glia­stro - con­sen­te l’ado­zio­ne del fi­glio di uno dei due mem­bri del­la cop­pia. Ave­re dub­bi sul­la ste­p­child adop­tion è le­git­ti­mo, pren­de­re in gi­ro gli elet­to­ri e ri­schia­re di far nau­fra­ga­re tut­ta la leg­ge, no. Per Gril­lo e i suoi, dun­que, va­le quel che can­ta­va Fio­rel­la Man­no­ia: « Co­me si caaaaaaam­bia, per non mo­ri­re». E per non per­de­re le ele­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.