KEEP CALM: mi fac­cio in 5

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Cheeeese/2 - di SAR A FAILL ACI

Cin­que fi­gli, quat­tro ca­ri­che ad al­to ri­schio e un nuo­vo, am­bi­zio­so obiet­ti­vo: CORRADO PAS­SE­RA, can­di­da­to sin­da­co a Mi­la­no, si rac­con­ta in un li­bro. Dai due in gre­co al­la sco­per­ta dell’Ame­ri­ca, dal­la cri­si po­li­ti­ca al­la fi­ne di un amo­re. E a co­me ha su­pe­ra­to ogni osta­co­lo gra­zie ai suoi ra­gaz­zi, a Gio­van­na e a una pic­co­la, gran­de qua­li­tà

H Ho co­no­sciu­to Corrado Pas­se­ra un an­no e mez­zo fa per un’in­ter­vi­sta su que­sto set­ti­ma­na­le. Re­du­ce da un’espe­rien­za di go­ver­no im­pe­gna­ti­va ma tra­va­glia­ta co­me mi­ni­stro per lo Svi­lup­po eco­no­mi­co, le In­fra­strut­tu­re e i Tra­spor­ti, con Mon­ti pre­mier, ave­va da po­co fon­da­to un suo mo­vi­men­to, Ita­lia Uni­ca, se­gno che la po­li­ti­ca gli era en­tra­ta nel san­gue. Pas­se­ra in­fat­ti è sta­to pri­ma di tut­to un ma­na­ger, di azien­de pri­va­te e pub­bli­che, che sot­to la sua gui­da si so­no tra­sfor­ma­te: Oli­vet­ti è sta­ta rein­ven­ta­ta co­me azien­da del­la te­le­fo­nia mo­bi­le, Po­ste Ita­lia­ne da ul­ti­ma del­la li­sta è di­ven­ta­ta un esem­pio vir­tuo­so di pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne, Ban­ca In­te­sa si è fu­sa con San Pao­lo dan­do vi­ta a un co­los­so ban­ca­rio. Nel­la no­stra in­ter­vi­sta si era par­la­to so­prat­tut­to dell’uo­mo, e del­la ri­vo­lu­zio­ne co­per­ni­ca­na che ha por­ta­to nel­la sua vi­ta la mo­glie, Gio­van­na Sal­za, spo­sa­ta in se­con­de noz­ze. Pro­prio per que­sta ra­gio­ne, quan­do ha de­ci­so di can­di­dar­si co­me sin­da­co di Mi­la­no (le ele­zio­ni do­vreb­be­ro te­ner­si a giu­gno), mi ha cer­ca­to e chie­sto di aiu­tar­lo a scri­ve­re un li­bro do­ve rac­con­ta­re an­co­ra più di sé, per­ché «Un po­li­ti­co si giu­di­ca an­che dal­la sua di­men­sio­ne uma­na e dal­la sua vi­ta». Ri­co­min­cio da cin­que è il frut­to di que­sto dia­lo­go. Cin­que, in­fat­ti, so­no le gran­di sfi­de pro­fes­sio­na­li che ha af­fron­ta­to nel­la sua car­rie­ra e che de­scri­ve con do­vi­zia di par­ti­co­la­ri, non tra­la­scian­do aned­do­ti, re­tro­sce­na e giu­di­zi sor­pren­den­ti, ma cin­que sa­ran­no so­prat­tut­to a bre­ve i suoi fi­gli: do­po So­fia, 29 an­ni, e Lui­gi, 28 (avu­ti dal pri­mo ma­tri­mo­nio) e do­po Lu­ce, 5, e Gio­van­ni, 4, con Gio­van­na at­ten­do­no un’al­tra bam­bi­na che na­sce­rà a mar­zo.

Di­ven­te­rà di nuo­vo pa­dre in pie­na cam­pa­gna elettorale. Che ef­fet­to le fa? «È un pe­rio­do do­ve tut­to è bel­lo. Ho una mo­glie che non ha mai smes­so per un mi­nu­to di aiu­tar­mi in que­sta sfi­da no­no­stan­te il pan­cio­ne e no­no­stan­te sia, pri­ma an­co­ra che una la­vo­ra­tri­ce, una mam­ma af­fet­tuo­sa. La co­sa bel­la del no­stro rap­por­to è pro­prio quel­la di con­di­vi­de­re, ol­tre ai pro­get­ti in ca­sa, an­che quel­li fuo­ri, in­sie­me, nel mon­do. Que­sta bam­bi­na che ar­ri­ve­rà è un re­ga­lo per gli al­tri no­stri fi­gli che l’ave­va­no chie­sto a Ge­sù Bam­bi­no, ma an­che per noi due che non pen­sa­va­mo che ne avrem­mo avu­ti al­tri. È la pro­va più af­fa­sci­nan­te del­la fe­con­di­tà e dell’aper­tu­ra del no­stro rap­por­to». Non si pre­oc­cu­pa del fat­to di fa­re i fi­gli da «gran­de», e quin­di di non po­ter­li ac­com­pa­gna­re per buo­na par­te del­la lo­ro vi­ta? «Quel­la del “do­po” è la pau­ra più gran­de di ogni ge­ni­to­re, ma ce l’hai a trent’an­ni co­me a ses­san­ta. Io dai miei fi­gli e dall’amo­re per mia mo­glie trag­go ener­gie, ot­ti­mi­smo, vo­glia di fa­re. Se ho de­ci­so di af­fron­ta­re la sfi­da di Mi­la­no è so­prat­tut­to per lo­ro: si me­ri­ta­no di vi­ve­re in una cit­tà ca­pi­ta­le del mon­do». Mi ha col­pi­to mol­to l’at­tac­ca­men­to che han­no i suoi fi­gli gran­di per lei e i nuo­vi fra­tel­li­ni. Quin­di co­strui­re una fa­mi­glia al­lar­ga­ta e fe­li­ce è pos­si­bi­le? «Quan­do suc­ce­de una co­sa co­sì bel­la il me­ri­to è dei fi­gli che ac­cet­ta­no i li­mi­ti dei ge­ni­to­ri e si fan­no “gran­di” per aiu­tar­li. So­fia e Lui­gi han­no vis­su­to il lun­go pe­rio­do, pa­rec­chi an­ni, in cui io e Ce­ci­lia, la mia pri­ma mo­glie, ab­bia­mo cer­ca­to di sal­va­re il ma­tri­mo­nio. Per me l’idea di se­pa­rar­mi era in­con­ce­pi­bi­le: ve­ni­re me­no al­la pro­mes­sa fat­ta a lei e da­van­ti a Dio. Lo­ro han­no ca­pi­to che sta­va­mo sof­fren­do e, quan­do ave­va­no 17 e 18 an­ni, mi han­no “li­be­ra­to” scri­ven­do­mi un bi­gliet­to do­ve di­ce­va­no che ca­pi­va­no, ap­prez­za­va­no, ma che non do­ve­va­mo sta­re in­sie­me per lo­ro. So­lo in quel mo­men­to ho po­tu­to aprir­mi a una nuo­va vi­ta e a Gio­van­na, che è sta­ta mol­to bra­va a ri­spet­ta­re i no­stri equi­li­bri». Co­me han­no ac­col­to i fi­gli gran­di la no­ti­zia che la nuo­va fa­mi­glia è an­co­ra in espan­sio­ne? «San­no che non pon­go li­mi­ti a nul­la, fi­gu­ria­mo­ci al­la vi­ta. Lui­gi al no­stro ma­tri­mo­nio ha fat­to un di­scor­so in cui di­ce­va che uno de­gli in­se­gna­men­ti che gli ho pas­sa­to, nel­le fa­vo­le che in­ven­ta­vo per lo­ro per far­li ad­dor­men­ta­re, è che bi­so­gna ac­co­glie­re e ap­prez­za­re la di­ver­si­tà, quin­di lui e sua so­rel­la era­no pron­ti ad ac­co­glie­re una fa­mi­glia non tra­di­zio­na­le, al­lar­ga­ta. So­fia, che è neo­na­to­lo­ga, era in sa­la par­to con Gio­van­na per la na­sci­ta del suo fra­tel­li­no Gio­van­ni. Ab­bia­mo sem­pre par­la­to tan­to e di tut­to: po­te­va­no chia­mar­mi an­che in Con­si­glio dei Mi­ni­stri, per lo­ro ci so­no sem­pre sta­to». Un uo­mo di suc­ces­so può es­se­re un pa­dre in­gom­bran­te. «Da quan­do so­no di­ven­ta­ti gran­di non gli ho na­sco­sto le mie de­bo­lez­ze. La mia sof­fe­ren­za, ne­gli an­ni del­la cri­si ma­tri­mo­nia­le, li ha ul­te­rior­men­te av­vi­ci­na­ti. E ha raf­for­za­to il no­stro rap­por­to». Sua fi­glia le ha per­si­no chie­sto spie­ga­zio­ni sul ses­so. Co­sa non co­mu­ne. «Se è per que­sto, So­fia mi ha rac­con­ta­to an­che la sua pri­ma espe­rien­za in ma­te­ria.

FO­TO EFREM RAI­MON­DI

AL­LAR­GA­TI E FE­LI­CI

Corrado Pas­se­ra, 61 an­ni, tra i fi­gli So­fia, 29, e Lui­gi, 28, avu­ti dal pri­mo ma­tri­mo­nio e Lu­ce, 5, e Gio­van­ni, 4, avu­ti dal­la mo­glie

Gio­van­na Sal­za.

MA­NO NEL­LA MA­NO

Corrado Pas­se­ra con la mo­glie Gio­van­na Sal­za, 41, all’ot­ta­vo me­se di gra­vi­dan­za. Pas­se­ra è fon­da­to­re del par­ti­to Ita­lia Uni­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.