Giu­lio, che era IL NUO­VO MON­DO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Io non so co­me fac­cia­no i fa­mi­lia­ri del po­ve­ro Giu­lio Re­ge­ni a sop­por­ta­re quel che gli sta suc­ce­den­do. Un fi­glio che stu­dia all’estero scom­pa­re im­prov­vi­sa­men­te – ba­ste­reb­be a fa­re im­paz­zi­re qua­lun­que ge­ni­to­re – e, do­po i gior­ni dram­ma­ti­ci del­la ri­cer­ca, l’epi­lo­go è il peg­gio­re im­ma­gi­na­bi­le: non so­lo lo tro­va­no mor­to, e sa­reb­be suf­fi­cien­te a schian­tar­ti dal do­lo­re, ma vie­ni an­che a sa­pe­re che pro­ba­bil­men­te ha sof­fer­to mol­tis­si­mo pri­ma di ve­ni­re uc­ci­so. E non lo sai so­lo tu: i me­dia fan­no a ga­ra nel rac­con­ta­re det­ta­gli ma­ca­bri sul­le tor­tu­re che avreb­be su­bi­to. Pro­via­mo a im­me­de­si­mar­ci: un fi­glio intelligente, cu­rio­so, bril­lan­te – ma se Giu­lio non aves­se avu­to nes­su­na di que­ste do­ti il do­lo­re non sa­reb­be mi­no­re – ti vie­ne am­maz­za­to non sai da chi, in mo­do bru­ta­le. Tra tan­ti so­spet­ti, uno più in­quie­tan­te dell’al­tro, di pro­va­to non c’è nul­la, ma su quel nul­la chiun­que ur­la una sua ve­ri­tà. Non è ir­ri­spet­to­so, e in­sop­por­ta­bi­le? Chi è si­cu­ris­si­mo che Giu­lio Re­ge­ni sia sta­to se­que­stra­to e tor­tu­ra­to dai ser­vi­zi se­gre­ti egi­zia­ni e chi in­ve­ce dai ne­mi­ci di Al Si­si, chi se la pren­de con i gio­va­ni che scher­za­no col fuo­co e chi si in­di­gna per­ché l’Ita­lia non ha ri­ti­ra­to l’am­ba­scia­to­re e in­ter­rot­to i rap­por­ti con l’Egit­to. Chi è ras­se­gna­to al fat­to che la ve­ri­tà ri­mar­rà un se­gre­to di Sta­to «e me­glio co­sì, per­ché l’Egit­to de­ve di­fen­der­si e an­che di­fen­der­ci dall’Isis e dai Fratelli Mu­sul­ma­ni». Chi so­stie­ne che il ve­ro pro­ble­ma sia che l’Ita­lia non può far nien­te per­ché non le con­vie­ne eco­no­mi­ca­men­te, chi dà a tut­ti de­gli ipo­cri­ti per­ché pro­te­sta­no per Giu­lio ma non per quel che ac­ca­de con­ti­nua­men­te ai dis­si­den­ti egi­zia­ni, chi in­neg­gia al­la real­po­li­tik e chi la de­plo­ra, chi sfot­te i no­stri quo­ti­dia­ni per­ché il New York Ti­mes sta in­da­gan­do me­glio e chi cri­ti­ca il New York Ti­mes per­ché non ci­ta le sue fon­ti. È mor­to in mo­do inac­cet­ta­bi­le un ra­gaz­zo di ven­tot­to an­ni. Cre­de­va, co­me di­ce in un vi­deo di un pa­io d’an­ni fa, nei di­rit­ti con­di­vi­si e nel pat­to tra so­cie­tà e isti­tu­zio­ni. Ci­ta­va Gram­sci ri­cor­dan­do che «Il vec­chio mon­do sta mo­ren­do. Quel­lo nuo­vo tar­da a com­pa­ri­re. E in que­sto chia­ro­scu­ro na­sco­no i mo­stri». Giu­lio Re­ge­ni era un ra­gaz­zo in gam­ba. Era lui, o avreb­be do­vu­to es­ser­lo, il nuo­vo mon­do. Gli dob­bia­mo al­me­no, a lui e al­la sua fa­mi­glia, la mas­si­ma cu­ra nel­le in­da­gi­ni gior­na­li­sti­che e di po­li­zia, la mas­si­ma at­ten­zio­ne a quel che di­cia­mo e scri­via­mo. Al­me­no quel­lo.

Giu­lio Re­ge­ni, 28 an­ni, ri­cer­ca­to­re a Cam­brid­ge, scom­par­so il 25 gen­na­io al Cai­ro, il 3 feb­bra­io è sta­to tro­va­to mor­to con

se­gni di tor­tu­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.