POS­SIA­MO AN­CHE USCI­RE!»

«AL­LE PER­SO­NE CO­ME MAS­SI­MO BI­SO­GNA DA­RE OBIET­TI­VI. LA GEN­TE MOR­MO­RA “PO­VE­RI­NO”. IO, IN­VE­CE, GLI DI­CO: MAN­GI, BE­VI, TI FAI LE CANNE, AL­LO­RA

Vanity Fair (Italy) - - Non Dimentichiamo -

ar­go­men­to un po’ dif­fi­ci­le»), il sof­fit­to è ri­co­per­to di stel­li­ne che di not­te si il­lu­mi­na­no e di cuo­ri­ci­ni di car­ta ap­pe­si a fi­li sot­ti­li. Su un la­to del let­to c’è una pic­co­la ram­pa di le­gno. Co­sì Ga­sto­ne, il lo­ro ca­gno­li­no, può sa­li­re e scen­de­re quan­do gli pa­re. Men­tre Ma­rio, il ma­ia­li­no viet­na­mi­ta che Dori gli ha re­ga­la­to per Na­ta­le, gru­fo­la in­tor­no. «È na­no nel sen­so che non cre­sce in al­tez­za, pe­rò in lar­ghez­za sì. È di­ven­ta­to trop­po gros­so per usa­re la ram­pa». Dori, che da un an­no vi­ve con Mas­si­mo e lo as­si­ste 24 ore su 24, de­fi­ni­sce l’in­sie­me «una stra­na fa­mi­glia di fat­to, mol­to al­ter­na­ti­va». Una «ma­lat­tia ba­star­da» la chia­ma. Che cam­bia da per­so­na a per­so­na. Mas­si­mo ha per­so an­che il sen­so dell’ol­fat­to ma, per for­tu­na, gli è ri­ma­sto quel­lo del gu­sto e può an­co­ra de­glu­ti­re pic­co­le quan­ti­tà di ci­bi se­mi­li­qui­di, co­me la vel­lu­ta­ta di ver­du­ra (che pia­ce an­che a Ma­rio).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.