Quel mo­le­sto di Bo­laño

Ri­trat­to del ge­nia­le scrit­to­re ci­le­no, sem­pre più osan­na­to da pub­bli­co e cri­ti­ca. An­che in Ita­lia

Vanity Fair (Italy) - - Capre Diem - Di GIU­SEP­PE CU­LIC­CHIA

di as­sas­si­nii e ra­pi­men­ti è al cen­tro del­la sto­ria di Ben­no von Ar­cim­bol­di, scrit­to­re che ha fat­to per­de­re le trac­ce nel de­ser­to di So­no­ra e a cui quat­tro cri­ti­ci dan­no la cac­cia. Ro­man­zo­mon­do, flu­via­le, di­sper­si­vo, 2666 re­sta inaf­fer­ra­bi­le: pur­trop­po non lo co­no­sce­re­mo mai nel­la sua for­ma de­fi­ni­ti­va. In Mes­si­co, nel­la ca­pi­ta­le, Ro­ber­to Bo­laño si tra­sfe­rì con la fa­mi­glia nel 1968 all’età di 15 an­ni. Fi­glio di un ca­mio­ni­sta con tra­scor­si da pu­gi­le e di un’in­se­gnan­te, Bo­laño sof­frì di di­sles­sia e fu og­get­to di bul­li­smo: sem­pre chi­no sui li­bri, a scuo­la era piut­to­sto emar­gi­na­to. In più di un’in­ter­vi­sta, e nel rac­con­to I de­tec­ti­ve, Bo­laño so­sten­ne (pur ve­nen­do da più par­ti mes­so in dub­bio) di es­se­re tor­na­to in Ci­le nel 1973 per ap­pog­gia­re con al­cu­ni ami­ci tro­tski­sti il go­ver­no ri­for­mi­sta di Sal­va­dor Al­len­de, e di es­se­re scam­pa­to al­le tor­tu­re all’in­do­ma­ni del gol­pe di Pi­no­chet so­lo gra­zie al fat­to che due dei po­li­ziot­ti che lo ave­va­no ar­re­sta­to, suoi ex com­pa­gni di stu­di, lo ave­va­no fat­to scap­pa­re. Os­ses­sio­na­to dal­la Se­con­da guer­ra mon­dia­le e dal na­zi­smo, Bo­laño ha scrit­to tra le al­tre co­se il ro­man­zo Il Ter­zo Rei­ch ( 3), an­ch’es­so usci­to po­stu­mo nel 2010: pro­ta­go­ni­sta Udo Ber­ger, gio­va­ne te­de­sco che ha co­strui­to la sua for­tu­na crean­do un gio­co di ruo­lo am­bien­ta­to du­ran­te il con­flit­to con­clu­so­si nel 1945 con la scon­fit­ta dell’As­se. Bo­laño leg­ge­va li­bri di sto­ria mi­li­ta­re e bio­gra­fie di ge­ne­ra­li, e pas­sa­va ore e ore a gio­ca­re a war game co­me World in Fla­mes ( 1) o Asce­sa e ca­du­ta del Ter­zo Rei­ch. Non tol­le­ra­va di per­de­re, nem­me­no quan­do sfi­da­va il fi­glio dell’ami­co Gar­cía Por­ta. E gio­can­do, si di­ver­ti­va a (ri)scri­ve­re la Sto­ria. Tor­na­to in Mes­si­co nel 1974 pas­san­do per El Sal­va­dor, do­ve so­sten­ne di ave­re in­con­tra­to il poe­ta Ro­que Dal­ton e co­no­sciu­to i guer­ri­glie­ri del Fmln, il par­ti­to che ne­gli an­ni ’80 si op­po­se al­la dit­ta­tu­ra mi­li­ta­re, al­tro epi­so­dio che ha sol­le­va­to più di un dub­bio, Bo­laño co­min­ciò a fre­quen­ta­re rea­ding e pre­sen­ta­zio­ni di li­bri, ri­sul­tan­do al­quan­to mo­le­sto: vi­ve­va nel­lo sti­le dei beat­nik scri­ven­do poe­sie d’avan­guar­dia all’in­ter­no del mo­vi­men­to in­fra­rea­li­sta, de­te­sta­va l’esta­blish­ment let­te­ra­rio e il poe­ta Oc­ta­vio Paz e ama­va pro­vo­ca­re. Avreb­be con­ti­nua­to a far­lo se con la pa­ter­ni­tà non aves­se co­min­cia­to a sen­ti­re la re­spon­sa­bi­li­tà eco­no­mi­ca nei con­fron­ti del­la fa­mi­glia. Fu co­sì che ini­ziò a scri­ve­re nar­ra­ti­va: per il fu­tu­ro dei suoi fi­gli, e la gio­ia di tut­ti noi. Di­men­ti­ca­vo: io ho let­to Bo­laño gra­zie a uno scrit­to­re che me lo ave­va con­si­glia­to, Lu­ca Ra­stel­lo, au­to­re tra le al­tre co­se di un ro­man­zo straor­di­na­rio, Pio­ve all’in­sù ( 4), che sa­reb­be pia­ciu­to a Bo­laño. Ora che co­me Bo­laño è mor­to an­che lui, que­sto è un mo­do per ri­cor­da­re Lu­ca. E rin­gra­ziar­lo. Ro­ber­to Bo­laño nac­que a San­tia­go del Ci­le nel 1953 e mo­rì a Bar­cel­lo­na nel 2003. Not­tur­no ci­le­no, usci­to ora per Adel­phi, ven­ne pub­bli­ca­to nel 2000. ober­to Bo­laño, di cui Adel­phi ha ap­pe­na pub­bli­ca­to Not­tur­no ci­le­no, sto­ria di un am­bi­guo e de­li­ran­te ex mem­bro dell’Opus Dei com­pli­ce del re­gi­me di Pi­no­chet, a cui so­stie­ne di aver da­to le­zio­ni di mar­xi­smo, ave­va 50 an­ni quan­do nel 2003 mo­rì a Bar­cel­lo­na men­tre la­vo­ra­va al­la pri­ma ste­su­ra di 2666 ( 2), suo ca­po­la­vo­ro as­so­lu­to e sum­ma di tut­te le sue os­ses­sio­ni. Nel­le sue in­ten­zio­ni – sa­pe­va di do­ver mo­ri­re ed era pre­oc­cu­pa­to per il fu­tu­ro dei fi­gli avu­ti ne­gli an­ni No­van­ta dal­la don­na spo­sa­ta all’in­do­ma­ni del suo ar­ri­vo in Spa­gna nel 1977 – lo si sa­reb­be do­vu­to pub­bli­ca­re in cin­que, for­se sei vo­lu­mi se­pa­ra­ti, ma la vo­lon­tà dell’au­to­re ci­le­no ven­ne di­sat­te­sa dall’edi­to­re. Al­le va­rie par­ti di 2666, am­bien­ta­te in Mes­si­co in una lo­ca­li­tà chia­ma­ta San­ta Te­re­sa che in real­tà è Ciu­dad Juá­rez, luo­go al cen­tro del­la guer­ra tra i car­tel­li del­la dro­ga do­ve di­ver­se cen­ti­na­ia di don­ne so­no sta­te uc­ci­se o so­no spa­ri­te, Bo­laño la­vo­rò per cin­que an­ni. All’epo­ca, la cit­tà mes­si­ca­na era la più vio­len­ta del mon­do, e l’in­ter­mi­na­bi­le se­rie

NOT­TUR­NO

CI­LE­NO

di Ro­ber­to Bo­laño

2

3

4

1

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.