I SO­CIAL? SA­RAN­NO 3D

La real­tà vir­tua­le è la pros­si­ma piat­ta­for­ma di in­con­tro sul web: pa­ro­la di Zuc­ker­berg. Noi, in­tan­to, ab­bia­mo gi­ra­to un vi­deo «im­mer­si­vo»

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di IRE­NE SO AV E

«an­no ze­ro» del­la real­tà vir­tua­le, il 2016 di Mark Zuc­ker­berg che sa­le sul pal­co di Sam­sung al Mo­bi­le World Con­gress di Bar­cel­lo­na in mez­zo a una pla­tea di 5 mi­la in­vi­ta­ti che in­dos­sa­no tut­ti un vi­so­re 3D, per me è co­min­cia­to qual­che gior­no pri­ma, quan­do ho po­tu­to pro­va­re a pro­dur­re il mio fil­ma­to «im­mer­si­vo». Ho pen­sa­to: per ve­de­re i pros­si­mi fil­mi­ni del­le mie va­can­ze ci sa­rà la fi­la. Que­st’an­no nien­te dia­po­si­ti­ve, ben­sì un viag­gio vir­tua­le che fa­rà pen­sa­re a chi guar­da i miei vi­deo di es­ser­ci pro­prio sta­to, su quel­la spiag­gia. La mia com­pli­ce è Gear 360, la ac­tion ca­me­ra fir­ma­ta Sam­sung, tra i pri­mis­si­mi de­vi­ce «mass mar­ket» già in ven­di­ta (qua­si: in Ita­lia ar­ri­va l’11 mar­zo) a co­lo­niz­za­re il We­st del­la real­tà vir­tua­le; ha le di­men­sio­ni e la for­ma di una pal­li­na da ten­nis e due «oc­chi» da 15 me­ga­pi­xel, uno da­van­ti e uno die­tro, che ri­pren­do­no il luo­go in cui si tro­va a 360 gra­di. Que­sta pal­li­na, più il vi­so­re Vr, più il nuo­vo Sam­sung S7 for­ma­no l’«eco­si­ste­ma di­gi­ta­le» pre­sen­ta­to a Bar­cel­lo­na che per­met­te a chiun­que di gi­ra­re un vi­deo di real­tà vir­tua­le in quat­tro clic. Clic, av­vio la vi­deo­ca­me­ra dal­lo scher­mo dell’S7. Clic, sal­vo il vi­deo e lo smart­pho­ne «fon­de» in­sie­me le ri­pre­se del­le due fo­to­ca­me­re. Clic, fac­cio sci­vo­la­re l’S7 nel vi­so­re Vr, una spe­cie di oc­chia­le fu­tu­ri­sti­co che, se­con­do gli ad­det­ti ai la­vo­ri, in ca­po a po­chis­si­mo fa­rà par­te del­la squa­dra di ap­pa­rec­chia­tu­re di­gi­ta­li di tut­ti noi. In­for­co il vi­so­re (con den­tro l’S7, che di­ven­ta uno

L’scher­mo 3D) e poi clic, schiac­cio play e ri­ve­do, gi­ran­do la te­sta, la stan­za al com­ple­to più me che sma­net­to in un an­go­lo. La real­tà vir­tua­le: da quan­do nel 2014 Fa­ce­book si è com­pra­ta Ocu­lus Rift, la pri­ma azien­da che ha pro­dot­to ca­schi e vi­so­ri per ve­der­la, è sul pun­to di di­ven­ta­re «la nuo­va piat­ta­for­ma so­cia­le», ha det­to a Bar­cel­lo­na il suo pa­dri­no Mark Zuc­ker­berg. Che non a ca­so si è fat­to ve­de­re al­la pre­sen­ta­zio­ne di Sam­sung: l’azien­da col­la­bo­ra con la «sua» Ocu­lus per pro­dur­ne l’hard­ware. Ma co­sa ce ne fac­cia­mo del­la real­tà vir­tua­le? Da Björk a Ma­don­na, so­no già mol­tis­si­me le star che la­vo­ra­no a vi­deo vir­tua­li dei lo­ro con­cer­ti o vi­deo mu­si­ca­li «im­mer­si­vi». Mo­stre e agen­zie di viag­gi usa­no la real­tà vir­tua­le per pro­dur­re un nuo­vo ti­po di ca­ta­lo­ghi; per­si­no l’in­du­stria del por­no, il cui fat­tu­ra­to è in ca­lo ver­ti­ca­le, si aspet­ta un «sal­va­tag­gio», se­con­do un’in­chie­sta del si­to per nerd Re­co­de.net, dal­la pro­du­zio­ne di vi­deo im­mer­si­vi. E poi ci so­no i vi­deo­gio­chi che rap­pre­sen­ta­no, sul te­le­fo­ni­no, l’85% del mer­ca­to mon­dia­le del­le app. E già pri­ma che l’av­ven­to del­la real­tà vir­tua­le tra­sfor­mi an­che lo­ro – sull’Ocu­lus Sto­re, che ven­de app 3D, ce ne so­no già più di 200 –, è pro­prio ai «ga­mer» che so­no de­di­ca­te le al­tre no­vi­tà hi-te­ch del nuo­vo S7: ol­tre a uno scher­mo a ri­so­lu­zio­ne mag­gio­re, an­che un si­ste­ma di raf­fred­da­men­to a ba­se d’ac­qua e una mo­da­li­tà in­ter­me­dia fra ac­ce­so e stand-by che «so­spen­de» ogni no­ti­fi­ca estra­nea al gio­co. Per­ché al­la real­tà «rea­le» si ha sem­pre me­no vo­glia di tor­na­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.