E VAI A CO­NO­SCE­RE QUAL­CU­NO»

«HO IN­CON­TRA­TO DI­SA­BI­LI CHE VI­VO­NO DA SCON­FIT­TI. “PO­VE­RO ME” VA BE­NE, MA AL­LE 18 SMET­TI DI LAGNARTI

Vanity Fair (Italy) - - Senza Tabù -

Avrei po­tu­to an­da­re avan­ti all’in­fi­ni­to a fa­re ope­ra­zio­ni, al­la ri­cer­ca di una per­fe­zio­ne che tan­to per­fe­zio­ne non sa­reb­be mai sta­ta. Ma a un cer­to pun­to, ave­vo 13 an­ni, ho det­to ba­sta: an­da­vo be­ne co­sì». La sua è una ma­lat­tia ra­ra? «Non lo so, non ho mai fat­to gran­di in­da­gi­ni. For­se è un mio li­mi­te, ma non mi so­no mai ac­ca­ni­ta nel vo­ler sa­pe­re per­ché, com’è. Sta­vo be­ne e me la so­no mes­sa via. Se ho que­sto ca­rat­te­re che mi ha fat­to da boa di sal­va­tag­gio, de­vo di­re gra­zie ai miei ge­ni­to­ri che non mi han­no mai chiu­sa in un ar­ma­dio. Tren­ta­tré an­ni fa, sen­za che una dia­gno­sti­ca pre­na­ta­le, for­se pos­si­bi­le an­che al­lo­ra, li av­vi­sas­se, han­no avu­to que­sta sor­pre­sa che han­no sa­pu­to tra­mu­ta­re in un’oc­ca­sio­ne di gio­ia». A pro­po­si­to: cos’han­no det­to del­le fo­to? «Io ho un rap­por­to mol­to stret­to con lo­ro, so­prat­tut­to con mia ma­dre, che mi ac­com­pa­gna ovun­que. Mi ren­do con­to che que­sta mia non in­di­pen­den­za fa sì che mi con­si­de­ri­no an­co­ra la lo­ro bam­bi­na. Pe­rò pen­so che que­ste fo­to ab­bia­no su­sci­ta­to an­che in lo­ro del­le ri­fles­sio­ni, de­gli in­ter­ro­ga­ti­vi. Mia ma­dre era lì du­ran­te gli scat­ti, par­te­ci­pe e con­ten­ta. Le pre­oc­cu­pa­zio­ni se mai le han­no avu­te do­po, quan­do il ser­vi­zio ha co­min­cia­to a cir­co­la­re: ave­va­no pau­ra che la gen­te non avreb­be ca­pi­to». Ave­va­no ra­gio­ne? «In par­te, una pic­co­la par­te. La mag­gior par­te dei com­men­ti che ho ri­ce­vu­to so­no po­si­ti­vi: ci ho mes­so la fac­cia, il cor­po e la gen­te ha ca­pi­to sen­za che ci fos­se bi­so­gno di tan­te pa­ro­le. Qual­cu­no no, è ve­ro. Mi han­no scrit­to che so­no un fe­no­me­no da ba­rac­co­ne e che non ri­spet­to la mia di­sa­bi­li­tà. Mi di­spia­ce che una buo­na par­te del­le ri­spo­ste di que­sto to­no ve­nis­se­ro da don­ne. Mi ha fat­to im­pres­sio­ne ve­de­re co­me pen­sas­se­ro di po­ter­mi of­fen­de­re co­me se fos­si un sem­pli­ce in­vo­lu­cro, e non una per­so­na che po­te­va ri­spon­de­re per le ri­me». Lo ha fat­to? «No, for­se per la pri­ma vol­ta nel­la mia vi­ta ho avu­to pau­ra e so­no sta­ta zitta. Ho fat­to que­sto eser­ci­zio zen, ma stia si­cu­ra che più mi di­co­no che de­vo na­scon­der­mi per­ché non so­no per­fet­ta, più mi vie­ne vo­glia di mo­strar­mi. Il pros­si­mo ser­vi­zio avrà co­me sog­get­to la mia eco­gra­fia del re­ne». Che rap­por­to ha con la sua fem­mi­ni­li­tà? «La mia fem­mi­ni­li­tà è un bi­lan­cio che non è sta­to fa­ci­le rag­giun­ge­re: c’era­no sem­pre gli sguardi e le do­man­de cre­ti­ne con cui fa­re i con­ti. Ma a un cer­to pun­to ho fat­to pa­ce con me stes­sa, e ho ac­cet­ta­to il mio cor­po. Il ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co è sta­to il com­ple­ta­men­to di que­sto mio viag­gio, il pun­to d’ar­ri­vo o for­se quel­lo di par­ten­za ver­so una di­ver­sa con­sa­pe­vo­lez­za. Tan­te don­ne non di­sa­bi­li mi han­no scrit­to che ve­de­re le mie fo­to le ha fat­te ri­flet­te­re sul­le lo­ro in­si­cu­rez­ze. Ma­ga­ri an­che lo­ro tro­ve­ran­no una stra­da e un co­rag­gio». La se­du­zio­ne da do­ve pas­sa? «Io, quan­do in­con­tro un uo­mo, so che il mio aspet­to fi­si­co è in qual­che mo­do in­gom­bran­te. Ma quan­do co­min­cio a par­la­re mi sem­bra che le per­so­ne si di­men­ti­chi­no di co­me so­no fat­ta. A me man­ca l’uso del cam­mi­no ed è co­me se que­sto vuo­to aves­se po­ten­zia­to al­tre co­se, co­se che ar­ri­va­no all’al­tro». Con il ses­so che rap­por­to ha? «Nor­ma­lis­si­mo. Sen­to tut­to». Spes­so per le per­so­ne di­sa­bi­li la ses­sua­li­tà è un pro­ble­ma. «Lo so, e de­vo di­re che io non so­no to­tal­men­te a fa­vo­re del­le lot­te che si stan­no fa­cen­do per ga­ran­ti­re ai di­sa­bi­li che lo de­si­de­ra­no un as­si­sten­te ses­sua­le. Se­con­do me bi­so­gna di­stin­gue­re il bi­so­gno car­na­le dal bi­so­gno emo­ti­vo: non cre­do che tut­to si pos­sa ri­sol­ve­re in un at­to ses­sua­le. Cre­do che bi­so­gne­reb­be in­ve­sti­re di più sul far­si co­no­sce­re uma­na­men­te. Non di­co che la bat­ta­glia sia sba­glia­ta, cre­do sia sba­glia­to il ra­gio­na­men­to: di­sa­bi­li­tà-non c’è trip­pa per gat­ti-pa­ghi qual­cu­no se no nien­te. Ma non è ve­ro. Bi­so­gna ve­de­re la di­sa­bi­li­tà e an­che la per­so­na. An­che noi pur di­sa­bi­li ab­bia­mo ca­rat­te­ri co­me chiun­que. C’è la per­so­na sim­pa­ti­ca e quel­la me­no sim­pa­ti­ca. Pri­ma di ar­ri­va­re a qual­co­sa di mec­ca­ni­co cre­do che ci sia­no al­tri pez­zi da af­fron­ta­re. Ma non vo­glio giu­di­ca­re e di­scri­mi­na­re, non cer­to io». Ha un com­pa­gno? «C’è una per­so­na, non è nul­la di de­fi­ni­to, ma c’è. E se si sta chie­den­do se è nor­ma­le, sì lo è: non ho mai avu­to re­la­zio­ni con di­sa­bi­li. Io so­no tal­men­te ri­sol­ta che non mi ve­do di­ver­sa da voi. Spes­so le per­so­ne di­sa­bi­li che ho in­con­tra­to ave­va­no un at­teg­gia­men­to di­ver­so dal mio, un mo­do scon­fit­to di vi­ve­re. Mi fa­ce­va­no ve­ni­re un ta­le ner­vo­so che al­la fi­ne non riu­sci­vo a ve­de­re il bel­lo che po­te­va­no ave­re. Non si può ri­dur­re tut­to a “po­ve­ro me”. Po­ve­ro me va be­ne, ma poi al­le 18 smet­ti di lagnarti ed esci a co­no­sce­re qual­cu­no. È stra­no che lo di­ca io che ne ho di ogni, ma è co­sì. Se uno è stron­zo, è stron­zo an­che se è di­sa­bi­le». Che co­sa so­gna per il suo fu­tu­ro? «Vor­rei po­ter vi­ve­re fuo­ri ca­sa, con un com­pa­gno o an­che da so­la, ma do­vrei ave­re un’as­si­sten­za co­stan­te e con il mio sti- pen­dio non me la pos­so per­met­te­re. Quel­lo del fu­tu­ro è un te­ma im­por­tan­te per noi di­sa­bi­li che spes­so vi­via­mo con i ge­ni­to­ri e quan­do lo­ro muo­io­no fi­nia­mo in qual­che strut­tu­ra. Io non pen­so sia giu­sto ave­re que­sto de­sti­no se­gna­to, an­che per­ché ci so­no per­so­ne che non pos­so­no o non vo­glio­no fi­ni­re in una ca­sa di cu­ra. Mi sem­bra che que­sto sia un te­ma im­por­tan­te su cui bi­so­gne­reb­be con­ti­nua­re a ri­flet­te­re». Una fa­mi­glia la im­ma­gi­na mai? «Io fi­gli non ne pos­so ave­re, ma de­vo di­re che nem­me­no li vor­rei. L’equi­li­brio che ho rag­giun­to è sta­to una con­qui­sta fa­ti­co­sa, già in­se­rir­ci un uo­mo è un ul­te­rio­re la­vo­ro, un fi­glio te­mo cam­bie­reb­be tut­to. E poi un bam­bi­no avreb­be dei bi­so­gni a cui non po­trei an­da­re in­con­tro e que­sto mi da­reb­be tan­to di­spia­ce­re per lui: bi­so­gna ren­der­si con­to che non tut­te le ma­lat­tie ti con­sen­to­no di ar­ri­va­re ovun­que. Non cre­do che sa­reb­be giu­sto met­te­re in con­to a lui i miei li­mi­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.