CA­RE LET­TRI­CI, CA­RI LET­TO­RI

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Social -

Il Va­ni­ty Fair che tro­va­te in edi­co­la que­sta set­ti­ma­na, co­me quel­li che tro­ve­re­te da ora in poi, è un po’ più gran­de,

e un po’ più ca­ro. Non è un po’ più ca­ro per­ché è un po’ più gran­de. È un po’ più ca­ro per­ché ci sia­mo im­pe­gna­ti e ci im­pe­gne­re­mo a far­lo an­co­ra

più ric­co, an­co­ra più cu­ra­to, an­co­ra più uni­co di pri­ma. È un po’ più gran­de per­ché que­sto for­ma­to va­lo­riz­za la sua qua­li­tà

vi­si­va, e la sua uni­ci­tà. Sfo­glia­te que­sto nu­me­ro: una sto­ria di copertina che è un’ope­ra rea­liz­za­ta ap­po­sta per noi da un ar­ti­sta di fa­ma mon­dia­le. In­ter­vi­ste

esclu­si­ve – tra le al­tre: l’at­to­re cult

di Hol­ly­wood, il pro­ta­go­ni­sta del­la se­rie ri­ve­la­zio­ne del mo­men­to, la cop­pia ita­lia­na dell’an­no –

con ser­vi­zi fo­to­gra ci ori­gi­na­li.

Un’in­chie­sta scot­tan­te su­gli eroi di­men­ti­ca­ti del­la no­stra mis­sio­ne in Af­gha­ni­stan. Un ser­vi­zio di moda co­strui­to at­tor­no

a una ex top mo­del di­ven­ta­ta im­pren­di­tri­ce an­ti- di­scri­mi­na­zio­ni.

E mol­to al­tro an­co­ra. « Qua­li­ty is our bu­si­ness plan », re­ci­ta la nuo­va cam­pa­gna del no­stro edi­to­re, Con­dé Na­st. Un edi­to­re che, men­tre nel mon­do dei me­dia tan­ti (trop­pi) di­sin­ve­sto­no

e pun­ta­no al me­no peg­gio, in­ve­ste in qua­li­tà per pun­ta­re an­co­ra e sem­pre al me­glio. Noi con­ti­nuia­mo a cre­der­ci,

e ve lo di­mo­stre­re­mo. Gra­zie per il so­ste­gno, gra­zie per la du­cia.

Lu­ca Di­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.