SEM­PRE E PER SEM­PRE

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Social - Ca­ro­di­ret­to­re@ va­ni­ty­fair.it @ so­no­lu­ca­di­ni

Due set­ti­ma­ne fa vi ave­va­mo rac­con­ta­to la sto­ria di Mas­si­mo D’Alon­zo. Ma­la­to di Sla, gra­zie all’aiu­to del «suo an­ge­lo cu­sto­de» Do­ria­na Di Gio­van­ni, ave­va scrit­to un li­bro uti­liz­zan­do il pun­ta­to­re ocu­la­re. Mas­si­mo è mor­to nel­la not­te tra il 21 e il 22 feb­bra­io. Que­sto è il sa­lu­to di Do­ria­na. det­to sol­tan­to che c’era un ra­gaz­zo ma­la­to di Sla che ave­va bi­so­gno di un’as­si­sten­za mi­ra­ta ed esper­ta. Ab­bia­mo chiac­chie­ra­to a lun­go con la ta­bel­la al­fa­nu­me­ri­ca, ci sia­mo an­nu­sa­ti, ci sia­mo guar­da­ti pro­fon­da­men­te, qua­si a scru­tar­ci le ri­spet­ti­ve ani­me, poi il tuo sguar­do am­ma­lia­to­re e quel­le pa­ro­le: «Se mi sce­gli, ti pro­met­to che ci di­ver­ti­re­mo, e che ti in­na­mo­re­rai di me». Più tra­scor­re­va­no i gior­ni, più esplo­de­va­no i racconti dei ri­spet­ti­vi tra­scor­si, le emo­zio­ni con­di­vi­se, le bi­stic­cia­te su che lm guar­da­re, gli ab­brac­ci, le tan­te idee, le can­ta­te a squar­cia­go­la che ci sia­mo fat­ti (per­ché, an­che se eri mu­to, can­ta­vi con me co­me se fos­si­mo a un con­cer­to di Va­sco). Quan­te co­se mi hai tra­smes­so, di quan­ta lu­ce hai co­lo­ra­to la mia ani­ma. Quan­do ti rin­gra­zia­vo mi ri­spon­de­vi che ri­ce­ve­vi da me tut­to ciò che mi do­na­vi. Riu­sci­vi a far­mi sen­ti­re spe­cia­le, sem­pre. Ora che non sei più qui, con­ti­nuo a ri­pe­ter­mi la stes­sa do­man­da: «E ades­so co­me fac­cio sen­za di te?». Poi, mi ren­do con­to che tu sei «ol­tre»: ti sen­to, in ogni mio re­spi­ro e in ogni mio pen­sie­ro, per­ché è que­sto che vo­le­vi che fa­ces­si nel mo­men­to in cui tu non avre­sti avu­to più nien­te da di­re e ti fos­si li­be­ra­to del­la buc­cia per tor­na­re a es­se­re li­be­ro an­che nel cor­po. Ora cor­ri, can­ta, ri­di, in­for­na le piz­ze, se­mi­na le tue pian­te, cam­mi­na per le mon­ta­gne. Io lo so che ci sei, e sei pro­prio qui, nel mio cuo­re, sem­pre e per sem­pre. Ciao Massi. A pre­sto.

Se­gui­te Lu­ca

Di­ni sul suo blog

o su Twit­ter

Tua DOrI per­de­vo nei no­stri ab­brac­ci, nei wee­kend che pas­sa­va­mo a dor­mi­re av­vin­ghia­ti. Poi, un gior­no mi ha chie­sto co­me fa­ces­si a sop­por­ta­re la sua pau­ra di la­sciar­si an­da­re, l’in­ca­pa­ci­tà di pro­va­re a fa­re l’amo­re con me. Mi si è rot­to qual­co­sa den­tro: co­me se mi­glia­ia di far­fal­le vo­las­se­ro via da un pra­to bel­lis­si­mo, sco­pren­do un ter­re­no ari­do, mor­to. Ho ca­pi­to, con so eren­za, di do­ver­lo la­scia­re: per me stes­sa. Una don­na che ora si sen­te per­sa, pri­va del­la spe­ran­za di tro­va­re un uo­mo da ama­re e ca­pa­ce di amar­la, uno che mi pren­da la ma­no e mi di­ca: an­drà tut­to be­ne, io ci so­no e ci sa­rò. Que­sto io ho fat­to con lui, ma non è ba­sta­to per vo­ler­mi te­ne­re a sé. a.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.