PEN­SO DI AVER DA­TO AB­BA­STAN­ZA »

PO­TREI FA­RE L’OLIM­PIA­DE SO­LO PER IL MIO PAE­SE, MA SO­NO SIN­CE­RA:

Vanity Fair (Italy) - - Vanity -

a pri­ma co­sa che no­ti è che è più mi­nu­ta. «Le co­sce so­no le pri­me a es­se­re an­da­te giù: ades­so i jeans en­tra­no mol­to più fa­cil­men­te. Ma si so­no ri­dot­te an­che le spal­le e in ge­ne­ra­le mi sen­to de­ci­sa­men­te più fem­mi­ni­le», di­ce Fla­via Pen­net­ta con una cer­ta sod­di­sfa­zio­ne. Quan­do gio­chi a ten­nis da quan­do sei bam­bi­na e lo fai a li­vel­lo ago­ni­sti­co nell’età del­lo svi­lup­po, non sa­prai mai co­me po­te­va es­se­re il tuo cor­po se non aves­si de­ci­so di vo­tar­ti al­la rac­chet­ta. A me­no che tu un gior­no non de­ci­da di smet­te­re di gio­ca­re e di al­le­nar­ti. Quel gior­no per Fla­via Pen­net­ta, 34 an­ni com­piu­ti il 25 feb­bra­io, è ar­ri­va­to il 12 set­tem­bre 2015. Fi­na­le de­gli Us Open: la ten­ni­sta brin­di­si­na bat­te l’ami­ca e com­pa­gna di na­zio­na­le Ro­ber­ta Vin­ci ed en­tra nel­la sto­ria vin­cen­do il pri­mo torneo del Gran­de Slam. Su­bi­to do­po, an­nun­cia che la­scia il ten­nis tra lo stu­po­re ge­ne­ra­le. Mol­ti era­no con­vin­ti che ci avreb­be ri­pen­sa­to. E in­ve­ce, so­lo sei me­si do­po, la ri­tro­via­mo pre­sa da tutt’al­tri pro­get­ti: spo­sar­si (a giu­gno) e fa­re una fa­mi­glia. Il for­tu­na­to è il col­le­ga Fa­bio Fognini, sei an­ni me­no di lei in tut­ti i sen­si, a giu­di­ca­re dal­le sce­na­te rab­bio­se che si con­ce­de in cam­po. Ep­pu­re se una co­me Fla­via Pen­net­ta ha scel­to lui un mo­ti­vo ci sa­rà. No, non è quel­lo a cui sta­te pen­san­do. Le man­ca? «Il ten­nis? Per ora no. Ho smes­so sen­za rim­pian­ti, aven­do ri­ce­vu­to mol­to di più di quel­lo che mi sa­rei mai aspet­ta­ta. Ho gio­ca­to due sa­ba­ti fa, do­po due me­si che non toc­ca­vo rac­chet­ta, e so­lo per­ché Fa­bio era a ca­sa ad Ar­ma di Tag­gia e non sa­pe­va con chi al­le­nar­si. Non ho smes­so di ri­de­re un mi­nu­to». Ri­de­va per­ché lo ha ba­sto­na­to? «No, ri­de­vo per­ché il ten­nis mi di­ver­te, mi pia­ce pro­prio. È sem­pre sta­ta una pas­sio­ne di fa­mi­glia ma nes­su­no pen­sa­va che sa­rei di­ven­ta­ta for­te: mio pa­dre Oron­zo, pro­prie­ta­rio di pom­pe di ben­zi­na, era con­cen­tra­to su mia so­rel­la, più gran­de di me di sei an­ni, che ha de­ci­so di smet­te­re a 16: non le pia­ce­va la com­pe­ti­zio­ne. E io in­tan­to mi al­le­na­vo da so­la con­tro il mu­ro. Ai tor­nei gio­va­ni­li mi ac­com­pa­gna­va la non­na». Che co­sa le è man­ca­to dell’in­fan­zia? «Quan­do sei pic­co­lo tut­to sem­bra bel­lo, non pen­si ai pez­zi di vi­ta che ti per­di: il com­plean­no dell’ami­ca, la lau­rea del pa­ren­te, i 60 an­ni di tuo pa­dre. Poi un gior­no tor­ni a ca­sa e ve­di tua non­na in­vec­chia­ta e al­lo­ra ti ren­di con­to im­prov­vi­sa­men­te di quel­lo a cui hai ri­nun­cia­to». A lei quan­do è suc­ces­so? «Ave­vo 27 an­ni. Per an­ni nel­le in­ter­vi­ste ho ri­pe­tu­to che a trent’an­ni avrei smes­so di gio­ca­re. In­ve­ce ho con­ti­nua­to tre an­ni di più: ave­vo an­co­ra ener­gia e ave­vo per­so no­ve me­si nel 2012, quan­do mi so­no ope­ra­ta al polso. La de­ci­sio­ne di smet­te­re l’ho pre­sa pri­ma de­gli Us Open». Pri­ma di vin­ce­re? «Il mar­te­dì pre­ce­den­te ho chia­ma­to i miei ge­ni­to­ri e ab­bia­mo fat­to un’ora e qua­ran­ta di te­le­fo­na­ta via Sky­pe. Gli ho det­to che sa­reb­be sta­to il mio ul­ti­mo torneo del Gran­de Slam. Dall’al­tra par­te: si­len­zio. Poi han­no ini­zia­to: “Aspet­ta, ne par­lia­mo quan­do tor­ni”. “Vab­bè ades­so gio­ca poi ve­dia­mo”. Ma io ave­vo de­ci­so». Co­me si gio­ca sa­pen­do che è l’ul­ti­ma vol­ta? «Leg­ge­ri. Di­cen­do­lo ai miei mi ero nal­men­te tol­ta un pe­so. La­scian­do il ten­nis sa­pe­vo che non sa­reb­be cam­bia­ta so­lo la mia di vi­ta ma an­che la lo­ro: so­no an­ni che i miei ge­ni­to­ri si al­za­no la mat­ti­na pen­san­do a me, a do­ve so­no, ai ri­sul­ta­ti, a do­ve mi rag­giun­ge­ran­no. Mi di­spia­ce­va mol­to più per lo­ro che per me. So­no con­vin­ta che quel­la leg­ge­rez­za mi ab­bia aiu­ta­ta a vin­ce­re». Non si è an­co­ra pen­ti­ta di quel­la de­ci­sio­ne? «No. An­che se, ora che Fa­bio è sta­to agli Au­stra­lian Open, con­ti­nua­vo a gu­rar­mi nel­la te­sta quel cor­ri­do­io che fac­cia­mo per an­da­re a man­gia­re, i cam­pi, gli spo­glia­toi. Mi man­ca più la quo­ti­dia­ni­tà del­la mia vi­ta di pri­ma che la com­pe­ti­zio­ne». In amo­re pri­ma di in­con­tra­re Fa­bio co­me le era an­da­ta? «Lo spa­zio per una vi­ta sen­ti­men­ta­le me lo so­no sem­pre ri­ta­glia­to, mia ma­dre di­ce che pen­so al ma­tri­mo­nio e ai gli da quan­do ho 8 an­ni. L’ho for­se idea­liz­za­to l’amo­re, in­fat­ti ho pre­so qual­che fac­cia­ta. A qual­cu­no dei miei com­pa­gni, co­me a Car­los Moyá ( spa­gno­lo, vin­ci­to­re a Pa­ri­gi nel 1998, ndr), ho vo­lu­to dav­ve­ro be­ne ma mi ren­do con­to che non era­no le per­so­ne giu­ste per­ché non avrei mai sop­por­ta­to per sem­pre i lo­ro di­fet­ti. Se pen­sa che la pri­ma va­can­za in cop­pia l’ho fat­ta al­le Mal­di­ve con Fa­bio…». Aiu­ta fa­re lo stes­so la­vo­ro? «Aiu­ta per ca­pir­si ma un po’ pe­na­liz­za per­ché dal la­vo­ro de­vi ri­ma­ne­re fuo­ri: de­vi sta­re zitta an­che se ve­di l’er­ro­re e fa­re so­lo la - dan­za­ta, al­tri­men­ti è ni­ta. Il con­si­glio co­mun­que l’ho sem­pre da­to, per­ché per an­ni con Fa­bio sia­mo sta­ti so­lo ami­ci: lo co­no­sco da quan­do ha 17 an­ni». Un bam­bi­no. «In­fat­ti io lo chia­ma­vo “be­bè”, lui “ni­na” da non­ni­na, per­ché ero più gran­de di lui. Ap­pe­na co­no­sciu­to pe­rò non lo sop­por­ta­vo, mi sem­bra­va trop­po pie­no di sé. Al­la ne ho ca­pi­to che era so­lo pic­co­lo». Quan­do l’ami­ci­zia è di­ven­ta­ta amo­re? «Due an­ni e mez­zo fa. Non ce l’aspet­ta­va­mo: da un rap­por­to di ami­ci­zia e di­ver­ti­men­to, an­da­to avan­ti per an­ni quan­do en­tram­bi era­va­mo dan­za­ti, ci sia­mo tro­va­ti un gior­no che i di­scor­si era­no gli stes­si, ma le sen­sa­zio­ni e gli sguardi di­ver­si. E una se­ra sul di­va­no di ca­sa è scat­ta­to il ba­cio. Un ba­cio stra­no: sem­bra­va che ci co­no­sces­si­mo da sem­pre, che ci fos­si­mo ba­cia­ti tut­ta la vi­ta». Pen­sa­va sa­reb­be du­ra­ta? «No. Era un pe­rio­do stra­no: quan­do ti la­sci do­po re­la­zio­ni lun­ghe co­me la sua ( con Sve­to­sla­va Si­meo­no­va Lo­za­no­va, ndr), hai sem­pre il dub­bio: non è fa­ci­le ave­re il co­rag­gio di an­da­re avan­ti con il nuo­vo e non guar­da­re più in­die­tro. Io so­no la più fred­da dei due, all’ini­zio mi rim­pro­ve­ra­va di non la­sciar­mi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.