UNA EX TROVATELLA A HOL­LY­WOOD

Vanity Fair (Italy) - - Style - Di S C I A S C I A G AMB A C C INI

e i pri­mi an­ni No­van­ta fu­ro­no do­mi­na­ti dal­le su­per mo­del, co­me Lin­da Evan­ge­li­sta e Nao­mi Cam­p­bell, la ne del de­cen­nio ven­ne ca­rat­te­riz­za­ta dal­le waifs: let­te­ral­men­te le «tro­va­tel­le», in­dos­sa­tri­ci che fe­ce­ro scal­po­re per il look ema­cia­to, in­no­cen­te e ri­bel­le al tem­po stes­so (pen­sa­te a Ka­te Moss e Am­ber Val­let­ta). Tra lo­ro c’era una gio­va­nis­si­ma Ja­mie King, ar­ri­va­ta a New York da Oma­ha, Ne­bra­ska: ave­va quin­di­ci an­ni, era ti­mi­da e mi­nu­sco­la, ma con una vo­ce pro­fon­da e sen­sua­le co­me Lau­ren Ba­call (e an­che lo sguar­do non era da me­no). «La pri­ma vol­ta che la­vo­rai con Pa­me­la Han­son», ci rac­con­ta sul set di que­sto ser­vi­zio, rma­to dal­la stes­sa fo­to­gra­fa, «non ero mai sta­ta in un al­ber­go di lus­so. Io ven­go dal Mid­we­st, ho sco­per­to il ma­re a 13 an­ni!». La sua fu un’asce­sa ve­lo­ce quan­to pe­ri­co­lo­sa, con trop­pe fe­ste, dro­ga e l’im­prov­vi­sa mor­te del dan­za­to Da­vi­de Sor­ren­ti (fra­tel­lo del ce­le­bre fo­to­gra­fo Ma­rio). «Nei mo­men­ti in cui a on­di, o ti met­ti a nuo­ta­re o an­ne­ghi», dis­se una vol­ta. Lei de­ci­se di ri­pu­lir­si e cam­bia­re vi­ta. Og­gi quel­la «trovatella» ha 36 an­ni ed è una don­na di suc­ces­so, che pas­sa da un red car­pet all’al­tro e ha ami­che mol­to ce­le­bri: di po­chi gior­ni fa è la no­ti­zia che Ja­mie ha di­fe­so su Twit­ter Tay­lor Swift con­tro Kanye We­st che, nel te­sto di Fa­mous, can­zo­ne trat­ta dal suo ul­ti­mo al­bum, The Li­fe of Pablo, la in­sul­ta dan­do­le del­la bit­ch («put­ta­na»). Do­po una car­rie­ra co­me at­tri­ce (tra le sue par­te­ci­pa­zio­ni più ce­le­bri ci so­no Pearl Har­bor, Sin Ci­ty e la se­rie Star Wars: The Clo­ne Wars) Ja­mie è di­ven­ta­ta mam­ma di due bam­bi­ni, Ja­mes Knight, di 2 an­ni, e Leo Tha­mes, di 7 me­si, avu­ti dal ma­ri­to, il re­gi­sta Ky­le New­man. «Avrei vo­lu­to cre­sce­re i miei gli as­sie­me a mia ma­dre e al­le mie so­rel­le, sen­za ba­by-sit­ter. Non po­ten­do tor­na­re in Ne­bra­ska, quan­do ho avu­to il pri­mo glio, ho de­ci­so che il set sa­reb­be sta­ta la sua ca­sa. Non è sta­to fa­ci­le, ma al­me­no co­sì era­va­mo sem­pre in­sie­me». Non a ca­so, i bam­bi­ni so­no pro­ta­go­ni­sti an­che del nuo­vo pro­get­to che Ja­mie lan­ce­rà a mag­gio: la pri­ma col­le­zio­ne di abi­ti per i più pic­co­li che rom­pe ogni re­go­la di iden­ti­tà di ge­ne­re. «I bam­bi­ni na­sco­no li­be­ri e noi im­po­nia­mo lo­ro che il blu è per ma­schi e il ro­sa per fem­mi­ne. Que­sta in­ve­ce è una col­le­zio­ne tra­sver­sa­le». Rea­liz­za­ta in col­la­bo­ra­zio­ne con il mar­chio Gard­ner and the Gang, che Ja­mie ha sco­per­to su In­sta­gram, è fat­ta di pez­zi in co­lo­ri elet­tri­ci, uti­liz­za­bi­li da ma­schi e fem­mi­ne in­di­stin­ta­men­te. «Un mes­sag­gio d’amo­re per se stes­si, per­ché quel­lo che gli al­tri pen­sa­no di te non im­por­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.