Re­lax con de­lit­to

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MICHELE NE­RI

La pic­co­la Lyc­ke, ot­to an­ni e un bu­co tra i den­ti di so­pra, scom­pa­re nel cen­tro di Stoc­col­ma in un cu­po ve­ner­dì di mag­gio. A oc­cu­par­si del ca­so è El­len Tamm, cro­ni­sta te­le­vi­si­va con un de­bo­le per i cri­mi­ni ef­fe­ra­ti. È una sto­ria po­ten­te, e che in­vi­ta a cer­ca­re il ma­le den­tro ca­sa, quel­la del ro­man­zo Se­gre­to di fa­mi­glia di Mi­kae­la Bley, 37 an­ni, nuo­va re­gi­na del giallo sve­de­se

e di quel­la che vie­ne chia­ma­ta «grip-lit», th­ril­ler ad al­to tas­so emo­ti­vo. Com’è na­to que­sto li­bro? «Mi a asci­na ciò che può far per­de­re il con­trol­lo e com­met­te­re un de­lit­to a una per­so­na. In par­ti­co­la­re quan­do so­no le don­ne a rom­pe­re lo sche­ma tra­di­zio­na­le di es­se­re buo­ne e ma­ter­ne». Quan­ta Mi­kae­la c’è nel­la reporter El­len? «Sia­mo en­tram­be os­ses­sio­na­te dal­la mor­te, e na­scon­dia­mo ri­cor­di do­lo­ro­si. Lei su­bli­ma il do­lo­re gra­zie a una pro­fes­sio­ne che le per­met­te di vi­ve­re quel­lo de­gli al­tri. Io uso la scrit­tu­ra per esor­ciz­za­re il ti­mo­re di co­se che po­treb­be­ro suc­ce­de­re». Per­ché i th­ril­ler han­no un suc­ces­so che pa­re sen­za ne? «Per­ché ri­las­sa­no, cat­tu­ra­no, con­ten­go­no sia ele­men­ti d’amo­re sia cri­ti­che al­la so­cie­tà. E gio­ca­no con le no­stre pau­re, neu­tra­liz­zan­do­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.