PO­STO PER ME

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

del ma­tri­mo­nio di­ven­ta per lui una sor­ta di re­gres­sio­ne all’ado­le­scen­za, una splen­di­da va­can­za dal­le re­spon­sa­bi­li­tà. Fi­glio dal lu­ne­dì al ve­ner­dì, e aman­te nei ne set­ti­ma­na, con li­cen­za di di­scor­si ro­man­ti­ci a ra­pi­da de­pe­ri­bi­li­tà. Gli ami­ci gio­va­ni, la mu­si­ca e lo sport so­no i co­rol­la­ri ine­so­ra­bi­li di que­sto per­cor­so all’in­die­tro che l’Eter­no Sin­gle non per­ce­pi­sce co­me ta­le, ma sem­mai co­me li­be­ra espres­sio­ne del­la sua per­so­na­li­tà a lun­go rat­trap­pi­ta die­tro le sbar­re dell’unio­ne co­niu­ga­le. E tu, se­dot­ta e ac­can­to­na­ta? Mi pa­re evi­den­te che la fa­se del­la pas­sio­ne as­so­lu­ta, se mai lui l’ha at­tra­ver­sa­ta, si sia esau­ri­ta con il tra­slo­co. Gli pia­ci, ed è di­spo­sto a tra­scor­re­re del tem­po con te, pur­ché non sia trop­po e non coin­ci­da con al­tri im­pe­gni. Gli va be­nis­si­mo che tu abi­ti a set­te­cen­to chi­lo­me­tri, co­sì da po­ter­ti rag­giun­ge­re quan­do e co­me vuo­le lui: quel pa­io di vol­te al me­se in cui sen­te l’esi­gen­za - si­ca di aver­ti con sé. A cin­quan­tu­no an­ni sta nal­men­te vi­ven­do co­me gli gar­ba. Quan­do vuo­le gio­ca­re a cal­cet­to chia­ma gli ami­ci, quan­do vuo­le gio­ca­re al dan­za­to chia­ma te e quan­do vuo­le gio­ca­re al bam­bi­no ser­vi­to e ri­ve­ri­to si al­lun­ga sul di­va­no di ca­sa e chia­ma mam­mà. Tu vor­re­sti far­gli ca­pi­re che si sba­glia, che pri­ma o poi que­sto ri­gur­gi­to di in­fan­ti­li­smo gli pre­sen­te­rà il con­to in ter­mi­ni di de­pres­sio­ne. Ma non è com­pi­to di una per­so­na in­na­mo­ra­ta cam­bia­re la vi­sio­ne che l’al­tra ha di se stes­sa. Ci ho mes­so tan­ti an­ni e qual­che la­cri­ma per ca­pir­lo, ma è co­sì. L’amo­re spo­sta le mon­ta­gne ma non i ca­rat­te­ri, che han­no i lo­ro tem­pi di ma­tu­ra­zio­ne, in­di­pen­den­ti pur­trop­po dai tuoi. La per­so­na che fa per te si pre­sen­ta all’ap­pun­ta­men­to già in sin­to­nia e in equi­li­brio con le tue esi­gen­ze. Tra voi po­tran­no es­ser­ci pro­ble­mi pra­ti­ci da ri­sol­ve­re, re­si­dui del­le vi­te pre­ce­den­ti, ma mai dei ve­ri osta­co­li sen­ti­men­ta­li. Se ami il tuo Eter­no Sin­gle al pun­to da far­te­lo ba­sta­re, pren­di­ti quel po­co che ti dà. Ma se, co­me cre­do, quel po­co non ti ba­sta e ti met­te pu­re di cat­ti­vo umo­re, la­scia­lo an­da­re al suo de­sti­no, per­ché non è il tuo.

AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.