GOC­CIO­LA

«NEL­LE VE­NE DEL TUO PER­SO­NAG­GIO UN PO’ DEL TUO SAN­GUE»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Apocalittici -

el­lo, bion­do, fi­si­ca­to, e pu­re sim­pa­ti­co: Theo­do­re Pe­ter Ja­mes Kin­naird Tap­ti­klis – me­glio no­to co­me Theo Ja­mes, 31 an­ni – è l’af­fa­sci­nan­te pro­ta­go­ni­sta di The Di­ver­gent Se­ries: Al­le­giant, al ci­ne­ma dal 9 mar­zo. Si pre­sen­ta con un sor­ri­so da mar­pio­ne e un mar­ca­to ac­cen­to bri­tan­ni­co che de­ci­sa­men­te gli do­na. In più, sem­bra do­ta­to di un buon sen­so dell’umo­ri­smo, e tra­di­sce una cer­ta in­sof­fe­ren­za per il suo per­so­nag­gio di Quat­tro, la­co­ni­co e mu­sco­la­re su­per­fi­go pro­ta­go­ni­sta del­la se­rie ispi­ra­ta ai li­bri di Ve­ro­ni­ca Roth. «Mi fa­te sem­pre tut­ti le stes­se do­man­de», sbuf­fa, en­tran­do nel­la stan­za in cui lo aspet­to. Qua­li so­no le do­man­de che la in­fa­sti­di­sco­no di più? «“Mi par­li del film”, o “Quan­to tem­po è ne­ces­sa­rio per ta­tuar­si?” ( la schie­na di Quat­tro è in­te­ra­men­te co­per­ta di ta­tuag­gi, ispi­ra­ti al Co­strut­ti­vi­smo de­gli an­ni ’20, ndr). Vor­rei es­se­re ca­ri­no, cer­co sem­pre una bat­tu­ta nuo­va. Ma ades­so le ho fi­ni­te». Va be­ne, mi par­li del film... Vo­glio di­re: que­sta è la ter­za vol­ta che in­ter­pre­ta Quat­tro, e sta la­vo­ran­do a un quar­to epi­so­dio. Co­me si sen­te nei pan­ni sem­pre del­lo stes­so per­so­nag­gio? «Co­mo­do e sco­mo­do. Ar­ri­vi sul set, nel­la stes­sa cit­tà, con la stes­sa trou­pe, stes­si col­le­ghi, stes­so re­gi­sta. E ri­schi di pren­der­la al­la leg­ge­ra, ti tro­vi a di­re: che me ne fre­ga? In­ve­ce de­ve fre­gar­te­ne, per te e per gli al­tri. Quin­di è co­mo­do per­ché è qual­co­sa di già no­to, ed è sco­mo­do per la stes­sa ra­gio­ne». Co­me si spie­ga il suc­ces­so del­la se­rie? «Cre­do che i gio­va­ni si chie­da­no co­me sa­rà il lo­ro fu­tu­ro e co­me sa­rà il mon­do: per­ciò que­sti film apo­ca­lit­ti­ci li at­trag­go­no. È un pe­rio­do di gran­di cam­bia­men­ti, la gen­te si do­man­da che co­sa suc­ce­de­rà do­po. For­se cer­ca­no una ri­spo­sta al ci­ne­ma, do­ve ci so­no mil­le uni­ver­si di­ver­si ma le­ga­ti da una ca­ta­stro­fe che ha cam­bia­to il mo­do di vi­ve­re». Quat­tro le pia­ce? «Mi pia­ce che non si sap­pia mai che co­sa pen­si. È un per­so­nag­gio vi­ri­le, ma con un la­to dol­ce. For­te, ma tran­quil­lo. Co­me at­to­re, mi ha da­to mol­te pos­si­bi­li­tà di espri­mer­mi, ed è di­ver­ten­te da in­ter­pre­ta­re». Che co­sa pro­va quan­do re­ci­ta? «Fru­stra­zio­ne, sol­lie­vo, a vol­te la gio­ia di crea­re. Re­ci­ta­re è esten­de­re la pro­pria per­so­na­li­tà nel­la strut­tu­ra di una per­so­na im­ma­gi­na­ria, e de­ve es­se­re il pro­ces­so più na­tu­ra­le pos­si­bi­le». Quin­di, un po’ il suo per­so­nag­gio le as­so­mi­glia. Si è pen­ti­to di ave­re ac­cet­ta­to que­sta par­te? Mai avu­to pau­ra di fa­re la fi­ne dei pro­ta­go­ni­sti di Twi­light? «No. I no­stri film so­no ama­ti, han­no fan fe­de­li e un gran­de se­gui­to, ma il ca­so Twi­light è scop­pia­to in uno spe­ci­fi­co mo­men­to cul­tu­ra­le, e per for­tu­na non ca­pi­ta ogni vol­ta. Pen­ti­to mai, pe­rò ci ho pen­sa­to tan­te vol­te. Mi so­no chie­sto se era una ve­ra op­por­tu­ni­tà op­pu­re ri­schia­va di re­strin­ge­re le mie pos­si­bi­li­tà di car­rie­ra. Una vol­ta de­ci­so, è pe­rò inu­ti­le pen­sa­re al­le con­se­guen­ze, de­vi vi­ve­re quel mo­men­to, e ora mi si apro­no por­te che pri­ma era­no chiu­se». In que­sti due an­ni dal pri­mo Di­ver­gent, ha fat­to al­tre co­se? «Di­ver­si film pic­co­li e in­di­pen­den­ti, per da­re un’im­ma­gi­ne più com­ple­ta del­le mie ca­pa­ci­tà e per la mia sod­di­sfa­zio­ne per­so­na­le». Che co­sa con­ta nel­la sua vi­ta? «Pro­ba­bil­men­te lo sco­pri­rò quan­do mo­ri­rò. Ma la mor­te... non le fa pau­ra? Nes­su­no sa che co­sa suc­ce­da. Co­mun­que, spes­so sul la­vo­ro ci si ri­tro­va in­vi­schia­ti, ci si ap­pas­sio­na e ci si ro­de con co­se che non han­no al­cun va­lo­re, quan­do l’im­por­tan­te è vi­ve­re al mas­si­mo del­le no­stre po­ten­zia­li­tà. Non so­no re­li­gio­so, an­che se ho una mia mo­ra­le. E per me con­ta­no la fa­mi­glia e gli ami­ci, le per­so­ne di cui mi fi­do». Le pia­ce l’idea di es­se­re sui po­ster nel­le ca­me­ret­te del­le ra­gaz­ze? «Vuol di­re che i film stan­no an­dan­do be­ne. Non pos­so che es­ser­ne con­ten­to». I fan ur­la­no quan­do la ve­do­no? «Di so­li­to si com­pli­men­ta­no, e poi abi­to a Lon­dra, quin­di non ho tan­ti pro­ble­mi». Le chie­de­rei del ta­tuag­gio, ma... Che des­sert le pia­ce? «Il ti­ra­mi­sù: è al­co­li­co». Theo in The Di­ver­gent Se­ries: Al­le­giant, con ( da si­ni­stra) Zoë Kra­vi­tz,

27 an­ni; Shai­le­ne Wood­ley, 24; An­sel El­gort, 21; Mag­gie Q, 36; Mi­les Tel­ler, 29. «È ine­vi­ta­bi­le. Un po’ del tuo san­gue goc­cio­la nel­le ve­ne del per­so­nag­gio. C’è gen­te che ci en­tra e ne esce in un se­con­do. Io ci de­vo cre­sce­re den­tro pri­ma di di­ven­tar­lo». In co­sa sie­te si­mi­li? «Con­di­vi­dia­mo tan­te co­se, an­che se lui ha un sen­so dell’umo­ri­smo più leg­ge­ro del mio, che è roz­zo e di­ret­to». Pagg. 114-115: blou­son, Fel­pa,

Jeans, Ber­ret­to, Oro­lo­gio, Hair Thom Pria­no for Gar­ren NY Sa­lon. Groo­ming Jo­die Bo­land for Ck One Co­lor Co­sme­tics. Pro­du­zio­ne

Cyn­thia Co­hen@Right Arm Pro­duc­tions.

Clo­thing. Ro­lex.

Izod. Clo­sed.

Le­vi’s Vin­ta­ge J. Press.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.