BEN­VE­NU­TO, STRA­NIE­RO

Vanity Fair (Italy) - - Vanitysocial -

i go­de­vo una ri­tro­va­ta in­di­pen­den­za ( se­pa­ra­ta da 3 an­ni, con 3 fi­gli) quan­do è ar­ri­va­to que­sto stra­nie­ro di po­chi an­ni più gio­va­ne. È sta­to col­po di ful­mi­ne, stia­mo in­sie­me da un an­no, so­no fe­li­ce co­me non mai. Non chie­de nul­la e non gli do nul­la, se non spo­ra­di­ci pa­sti cal­di a ca­sa mia, e il mio amo­re. Ci ascol­tia­mo, ci ca­pia­mo, e il ses­so è il mi­glio­re che si pos­sa im­ma­gi­na­re. Vivo que­sta re­la­zio­ne in se­gre­to da ami­ci, pa­ren­ti, fi­gli, vi­ci­ni di ca­sa. I fi­gli non so­no pron­ti ad ac­cet­ta­re un uo­mo ac­can­to a me che non sia il pa­dre, e gli al­tri mi giu­di­che­reb­be­ro: è più gio­va­ne, è ne­ro, è mu­sul­ma­no, è di­soc­cu­pa­to (an­che se ci sta pro­van­do in tut­ti i mo­di a tro­va­re un la­vo­ro). Vi­via­mo al­la gior­na­ta, non in­ten­do ri­spo­sar­mi e lui lo sa. Mi sen­to ap­pa­ga­ta, an­che se qual­che vol­ta ho de­si­de­ra­to spa­lan­ca­re le fi­ne­stre e gri­da­re al mon­do quan­to sia­mo in­na­mo­ra­ti. GA­BRI

Me cer­ca­re per un’ora il par­cheg­gio in cen­tro. Pren­de­re il caf­fè nel­lo stes­so bar e sa­lu­ta­re le fac­ce ami­che. All’una an­da­re a pren­de­re mia ni­po­te Giu­lia nel­la stes­sa scuo­la che ha fre­quen­ta­to mia mam­ma. Pas­seg­gia­re per le vie, tra i ne­go­zi, in­con­tra­re i miei ami­ci per l’ape­ri­ti­vo e sen­tir­mi a ca­sa, ama­ta e pro­tet­ta dal­la cit­tà che mi ha vi­sta cre­sce­re. Ma, più di tut­to, vor­rei sve­gliar­mi da un in­cu­bo lun­go 7 an­ni. L’in­cu­bo che ha por­ta­to via la mia cit­tà e 309 an­ge­li che so­gna­va­no co­me me una vi­ta nor­ma­le. Per­de­re chi ami, la tua ca­sa, la tua vi­ta in un col­po so­lo ti cam­bia co­sì pro­fon­da­men­te che sten­ti a ri­co­no­scer­ti. E non ba­sta il do­lo­re di ve­der but­ta­re giù un pez­zo del­la tua sto­ria ogni gior­no: è l’in­giu­sti­zia di chi non ri­spet­ta e non ha ri­spet­ta­to il do­lo­re di un po­po­lo che trop­po ha per­so e ce la met­te tut­ta per rial­zar­si. Set­te an­ni so­no tan­ti, la spe­ran­za di ve­der ri­sor­ge­re L’Aqui­la si af­fie­vo­li­sce. Per ogni pa­laz­zo, chie­sa, fon­ta­na che tor­na al suo po­sto un pez­zet­to di cuo­re tor­na a gioi­re, ma il do­lo­re, quel­lo, ri­ma­ne im­mu­ta­to: per chi non c’è più e per chi è ri­ma­sto qui sen­za di lo­ro. Per­ché qui ogni gior­no, da 7 an­ni, è il 6 apri­le 2009. MARIANNA DIA­NA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.